Sos salute
Scopri come disintossicare il fegato

Depurare il fegato: erbe amare, acqua e limone, succo di aloe, estratti di clorofilla e altri composti fitoterapici sono veri e propri toccasana per migliorare le funzioni epatiche in ogni periodo dell’anno

Il fegato è un organo fondamentale per il nostro benessere, poiché svolge numerose funzioni essenziali per mantenere in salute l’organismo umano. Grazie alla funzionalità epatica, infatti, è possibile assimilare i principi nutritivi contenuti negli alimenti che assumiamo attraverso la dieta quotidiana. Il fegato è necessario per rendere efficace la digestione, come pure è utile nel regolare le funzioni intestinali deputate all’eliminazione delle scorie metaboliche e delle tossine.

I processi digestivi migliorano, scompaiono gonfiori addominali e l’intestino diventa più regolare. Se il metabolismo del fegato funziona bene, ne beneficia anche l’apparato tegumentario. La pelle risulta sana, l’incarnato di un bel colorito e luminoso; capelli e unghie sono forti e resistenti. Disintossicando il fegato, si eliminano le tossine accumulate nei tessuti che causano il ristagno di liquidi, si contrasta la ritenzione idrica e diminuisce anche la cellulite, con un effetto snellente.

Il buon funzionamento del fegato è anche indispensabile per rendere forte il sistema immunitario, grazie all’aumento e all’efficacia delle cellule deputate alla difesa dell’organismo. Attraverso il fegato vengono metabolizzati i farmaci e l’alcool. Ecco perché, di tanto in tanto, può essere vantaggioso per la nostra salute eseguire un programma detox che ripulisca il fegato da sostanze tossiche e dannose, come ammoniaca e residui azotati.

Va bene attuarlo durante i cambi di stagione, quando l’organismo fa fatica ad abituarsi ai nuovi ritmi, dopo periodi di alimentazione disordinata o grandi abbuffate (come le feste natalizie e quelle pasquali); oppure alla fine dell’inverno, quando abbiamo seguito una dieta più ricca di grassi; e ancora durante e/o dopo periodi di stress psico-fisico, per cui il fegato e tutto l’apparato digerente risultano organi bersaglio. I benefici sono immediati, ci si sentirà più energici e vitali, seguendo alcuni semplici consigli. Ecco una carrellata tra quelli più efficaci in assoluto.

LEGGI ANCHE Distribuire bene i pasti salva il fegato

Quali sono i migliori rimedi per il detox del fegato

Il rimedio principe per disintossicare il fegato è bere acqua calda e limone al mattino. Purifica il sangue, regola l’intestino e favorisce l’eliminazione delle scorie con le feci. Il limone contiene antiossidanti che svolgono una funzione protettiva sulle vie biliari, migliorando la funzionalità epatica e la digestione. L’acqua calda o tiepida, poi, serve a contrastare l’effetto astringente del limone. Altro ottimo rimedio naturale per migliorare la funzionalità epatica è quello di assumere il succo di Aloe Vera, che aiuta anche a favorire la digestione e a regolarizzare il transito intestinale.

Il succo di Aloe svolge un’azione depurativa e antinfiammatoria insieme. Assumere un misurino di 50 ml, la mattina a digiuno e la sera prima di coricarsi, oppure al bisogno dopo i pasti. Attenzione alle dosi, perché può avere un effetto lassativo. Altre soluzioni per la depurazione del fegato sono i rimedi fitoterapici a base di erbe amare. In particolare, il Tarassaco, di cui si utilizzano i fiori essiccati, ma anche foglie e radici, assunti sotto forma di tisana, infuso o decotto. Svolge un’azione diuretica e aumenta la produzione di bile, favorendo l’eliminazione di tossine, grazie a un miglioramento generale l’attività epatica. Anche il Cardo Mariano ha proprietà depurative simili, oltre che attuare un’azione epatoprotettiva (ripara e rigenera le cellule epatiche danneggiate), grazie alla presenza di una sostanza, la silimarina, contenuta nei frutti essiccati.

Altra pianta amara utile per la depurazione del fegato è la Bardana, di cui vengono utilizzate le radici essiccate per preparare un decotto utile per tenere a bada i livelli di colesterolo. L’estratto idroalcolico di Carciofo, invece, risulta essere un rimedio specifico per curare il fegato grasso e il colesterolo alto, per la presenza del principio attivo contenuto nelle foglie, la cinarina, che stimola la secrezione di bile, rendendola anche più fluida. La tintura madre di Carciofo è utile anche in caso di digestione difficile. Un altro rimedio molto efficace per depurare il fegato e l’intero organismo è la linfa di Betulla che va bene soprattutto nel cambio di stagione a fine inverno, da bere la mattina a digiuno.

Anche l’erba d’Orzo è un’ottima bevanda disintossicante, grazie all’alta concentrazione di clorofilla che alcalinizza l’organismo con effetto depurativo e immunostimolante. L’erba d’orzo si trova sotto forma di polvere da sciogliere in acqua. Per stimolare la secrezione della bile e migliorare il metabolismo lipidico è ideale la Curcuma, che svolge anche un’azione epatoprotettiva delle cellule del fegato e antinfiammatoria sull’intero organismo. Questi rimedi erbali possono essere assunti puri, oppure sotto forma di sciroppi e integratori (comprese o capsule) composti da mix preparati ad hoc.

Tra questi c’è la Soluzione Shoum, utile sia per depurare il fegato sia i reni. Per assumere correttamente i composti fitoterapici, è sempre bene rivolgersi al proprio medico di base oppure a un erborista di fiducia. Soprattutto per valutare la situazione, eventuali controindicazioni, nonché i giusti dosaggi e la posologia più adeguata.

LEGGI ANCHE Depura il fegato con carciofo, tarassaco e fumaria

Fiori di Bach e oli essenziali per disintossicare il fegato

A supporto dei rimedi fitoterapici Madre Natura ci offre altre soluzioni. Il fiore di Bach utilizzato per favorire la depurazione del fegato, e di tutto l’organismo in generale, è Crab Apple, che viene consigliato soprattutto nella fase iniziale del periodo di detox. Gli olii essenziali che stimolano la funzionalità epatica, invece, sono il Rosmarino, il Pino silvestre e la Rosa damascena. Da utilizzare per praticare massaggi delicati e fare assorbire sulla zona del fegato insieme a olio di mandorle dolci.

Quale dieta seguire e quali alimenti scegliere per depurare il fegato

Per il detox del fegato e, quindi, l’intero organismo, è necessario e vitale seguire una dieta disintossicante, sana ed equilibrata, scegliendo gli alimenti giusti. Innanzitutto è bene eliminare o diminuire il consumo di tutti quei cibi che affaticano il fegato e contrastano la sua depurazione. Da limitare il consumo di zuccheri, farina bianca e cereali raffinati; in particolare pane confezionato e pasta industriale che spesso vengono trattati chimicamente.

Meglio evitare i grassi di origine animale, come il burro, che intossicano le cellule epatiche, determinandone la necrosi. No a insaccati e carne rossa, che sono ricchi di grassi saturi e rallentano la digestione. Evitare intingoli e condimenti grassi, come pure le spezie troppo forti, come pepe o peperoncino, che provocano infiammazione. Evitare bevande alcooliche che affaticano il metabolismo del fegato. Limitare anche il consumo di caffè e the nero.

Preferire invece il consumo di tè verde, che contengono sostanze benefiche per il fegato (le catechine) e antiossidanti che accelerano il metabolismo. In alternativa, assumere tisane detox a base di tarassaco, cardo mariano e carciofo. In generale, per disintossicare il fegato, bere molta acqua (2 litri al giorno). A digiuno, due bicchieri di acqua calda o tiepida. Durante la giornata, poi, berla lontano dai parti, almeno mezz’ora prima di sedersi a tavola e due ore dopo, per non allungare troppo i succhi gastrici che altrimenti rallenterebbero la digestione, affaticando anche il fegato.

Nel piatto a pranzo e cena, per favorire il detox, mangiare sempre verdure amare dalle proprietà diuretiche e depurative. in generale, sono ottime le verdure a foglia verde, ricche di clorofilla, purificano il sangue; la cicoria va bene perché è anche lassativa; i carciofi favoriscono la produzione di bile che facilita la digestione; broccoli e cavoli invece aiutano a eliminare le tossine e stimolano la produzione di enzimi epatici; anche le barbabietole eliminano le tossine che producono i gonfiori; i pomodori accelerano il metabolismo dei grassi.

Consumare succhi freschi di verdura, sotto forma di centrifugato. Ottimo per depurare il fegato è il succo di carota, unito a mezzo limone spremuto. Mangiare cereali integrali, ricchi di vitamine del gruppo B che aiutano le funzioni epatiche. Scegliere proteine magre, come carni bianche e pesce azzurro. Per condire, usare solo olio extravergine d’oliva che depura il fegato, facilitando la digestione, grazie alla produzione di bile. Tra un pasto e l’altro, come spuntino, mangiare le noci, che contengono arginina, un amminoacido che disintossica il fegato dall’ammoniaca. Tra la frutta, vanno bene le mele, i mirtilli e l’ananas.

APPROFONDISCI
I manuali di Riza: Il tuo programma total detox

La depurazione è la prima cura

CONSIGLIATO PER TE
Depura il fegato con i rimedi verdi

Così rigeneri tutto l'organismo e ringiovanisci le cellule

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?