Contro la stanchezza cronica scegli i rimedi naturali
Sos salute

Contro la stanchezza cronica scegli i rimedi naturali

Se ti senti sempre stanco e la routine casa-lavoro ti sfinisce, affidati ai rimedi naturali capaci di ricaricare le tue "pile" psicofisiche nel giro di due settimane

Nel cuore dell'autunno e ancor più in vista dell'inverno, l’energia ripiega su se stessa per raccogliersi nel profondo, lasciando in superficie alberi spogli, freddo, nebbia e umidità: un clima uggioso che, in aggiunta alla diminuzione delle ore di luce, comunica un senso di malinconia e la voglia di “rintanarsi”, di raccogliersi assieme attorno al calore di un fuoco come un tempo, a "filosofare" e raccontarsi storie di fantasia. Tutte cose spazzate via dalle regole della vita moderna, che ci obbliga a mantenere gli stessi ritmi in ogni fase dell'anno, innescando un conflitto tra il corpo - che "si ostina" a seguire i bioritmi naturali- e la mente, costretta a mantenere registri  lineari, e dando luogo a vari disturbi. Per recuperare energia  possiamo ricorrere ai rimedi naturali, da scegliere in base alle modalità in cui il disturbo si manifesta.

Le piante adattogene che dissolvono la stanchezza fisica e mentale

  • Eleuterococco
    Noto anche con il nome di ginseng siberiano, l’eleuterococco promuove la capacità di adattamento dell’organismo ai cambi di stagione e di clima. Oltre a sostenere le difese immunitarie contro i virus, stimola la produzione di ormoni surrenalici e aumenta la resistenza agli sforzi. La sua capacità di riequilibrare l'asse ormonale lo rende il tonico più indicato per il sesso femminile, ed è utile anche per contrastare il calo di energia che caratterizza l'ingresso nella "stagione menopausale". Benché sia totalmente privo di tossicità, è bene assumerlo a cicli, per non più di 20/30 giorni continuativi. Posologia: una o due compresse di estratto secco di eleuterococco, la mattina a colazione.
  • Suma
    Originaria del Brasile, la suma è la pianta da scegliere quando la stanchezza sembra svuotare il corpo di energia: ricca di amminoacidi, sali minerali come ferro, magnesio, zinco e germanio, vitamine (A, B1, B2, B5, E, K) glicosidi, isoflavoni antiossidanti e betalaina, particolarmente benefica per il fegato e la circolazione. Inoltre contiene steroidi naturali ad azione anabolizzante, utili per tonificare la massa muscolare. Posologia: Estratto totale di suma (pfaffia paniculata), un misurino da 10 ml diluito in acqua, la mattina. N.B. Non assumere in gravidanza e allattamento.
  • Cordyceps
    Rimedio molto usato dalla medicina tradizionale cinese, il cordyceps è il rimedio ideale quando il cambio di stagione indebolisce le difese immunitarie, aprendo la porta a virus e  allergie. Ricco di oligoelementi, vitamine, polisaccaridi, e steroli,  aumenta i livelli di ATP, il composto ad alta energia che costituisce la "benzina" necessaria per il funzionamento del nostro organismo. Oltre ad aumentare efficienza e resistenza, protegge il fegato, i polmoni e il sistema genito-urinario, tonifica la libido e sostiene le difese immunitarie. Posologia: una o due capsule al mattino, con un bicchiere d'acqua, per  due settimane.

I  rimedi omeopatici che ci ricaricano

I rimedi omeopatici agiscono contemporaneamente sia sul versante somatico che su quello psicologico aiutandoci a superare rapidamente il momento di impasse. Tutti i rimedi indicati vanno assunti in monodose alla diluizione 30 CH: una sola dose, ripetibile dopo una settimana.

  • Magnesia Phosphorica è il rimedio omeopatico ideale per gli studenti che non riescono a concentrarsi sul testo o a memorizzarlo, ma è utile in generale alle persone afflitte da stanchezza mentale, vulnerabili agli stress emotivi e soggette a cefalee muscolotensive che irradiano agli occhi.
  • Achilleamillefolium è consigliato quando la stanchezza si accompagna a irritabilità, vertigini muovendosi lentamente, emicrania pulsante la sera, soprattutto a destra, viso arrossato. Difficoltà di addormentamento con stanchezza al mattino, bruciori di stomaco che irradiano al torace. I sintomi peggiorano bevendo caffè.
  • Ambra grisea è utile alle persone che somatizzano lo stress con tachicardia, tosse nervosa, spasmi e crampi muscolari e difficoltà di addormentamento, blocco del ciclo nelle donne. Sintomo tipico: l'ipersensibilità alla musica, che scatena crisi di pianto e sintomi neurovegetativi, come  palpitazioni, dispnea, tremori, vampate di calore.
  • Cocculus è il rimedio da usare quando la stanchezza si manifesta con un crollo nervoso dopo un lungo periodo di sovreccitazione e veglie notturne. Generoso ma ipersensibile, coccolus ha un fondo ipocondriaco che lo tiene in costante tensione per il timore che succeda qualcosa di brutto a sé o agli altri. Utile in tutti i casi di astenia si associata ad atonia muscolare, soprattutto a carico dei muscoli cervicali e cranici, vertigini con nausea e palpitazioni che costringono la persona a sdraiarsi.
  • Kali phosphoricum è il rimedio migliore per la stanchezza conseguente a un affaticamento mentale intenso e prolungato, come nel caso di studenti sotto esame o negli esaurimenti da superlavoro intellettuale. Particolarmente indicato alle persone magre, freddolose e ipersensibili, tendenti ad andare facilmente in sovraccarico nervoso e a cadere nella tristezza e nella depressione. I sintomi peggiorano con il movimento e con qualsiasi tipo di sforzo mentale.
  • Nux vomica è utile in caso di spossatezza dovuta a ritmi frenetici e stili di vita errati, come gli abusi alimentari, la scarsità di sonno, ritmi professionali troppo faticosi, eccessivo consumo di alcolici o stimolanti per recuperare energie. Tutti i sintomi peggiorano al mattino e con l’aria fredda e secca.
  • China è indicata nelle astenie accompagnate da irritabilità e ipersensibilità agli stimoli esterni, stanchezza accompagnata da pallore, diarrea, cefalea, sindromi anemiche e  debolezza causata da perdita di liquidi organici, come sangue, sudorazioni profuse, vomito o diarrea.

I fiori di bach antistanchezza

Molto utili per ristabilire l'equilibrio energetico sono anche i rimedi floreali, perché intervengono sui più comuni fattori che impediscono all'organismo di recuperare energia: dagli eccessi comportamentali e caratteriali agli stati di stress psico-fisico dovuti a un sovraccarico di impegni da portare a termine o a virus. 

  • Olive, fiore della rigenerazione psicofisica, è il rimedio da scegliere per "ricaricare le batterie" fisiche e mentali in tutti i casi di stanchezza, sonnolenza ed esaurimento delle proprie risorse energetiche dopo un periodo di stress psicofisico, o dopo una malattia. Si assume in diluizione con Crab Apple se la stanchezza compare dopo un episodio virale.  
  • Oak è il rimedio della stanchezza cronica dovuta a un eccessivo senso del dovere che non permette di capire quando è momento di fermarsi. Assumerlo aiuta a capire l’importanza di alternare il riposo agli impegni, a non sottovalutare i bisogni del corpo e a capire che il mondo non crollerà se ci prendiamo qualche pausa.  
  • Elm è il fiore della stanchezza che "svuota" il meridiano di rene quando ci  carichiamo di impegni eccessivamente gravosi per le nostre forze. Aiuta a recuperare le energie perdute e la vitalità fisica e mentale.  
  • Hornbeam è il fiore della stanchezza mentale tipica di chi vive troppo "nella testa" e poco nel corpo, trascurando i propri bisogni fisici fino all'esaurimento delle risorse psicofisiche, tanto da sviluppare insonnia, astenia, inappetenza, insicurezza e ossessività mentale. Il fiore aiuta a non sprecare inutilmente energia, contrasta lo stress e aiuta a dormire bene, permettendo alla mente di rigenerarsi. Inoltre promuove il recupero delle potenzialità fisiche e del piacere di vivere.  
  • Centaury è il rimedio della stanchezza di chi per eccessiva disponibilità, o malinteso altruismo, esaurisce inutilmente le proprie energie senza alcuna controparte. Ipersensibile alle pressioni altrui e incapace di dire di no, trascura i propri bisogni fino a svuotarsi di ogni energia e a indebolire il proprio sistema immunitario. Il fiore aiuta a ricentrarsi e ad adottare un atteggiamento più equilibrato nel rapporto tra sé e gli altri.  

L'aromaterapia anti stanchezza

  • Le essenze dall'azione tonificante sono un ottimo rimedio per contrastare gli stati di affaticamento e aiutare l'organismo a recuperare energia psicofisica. Sia che vengano diffuse nell'ambiente con un brucia aromi o versate nella vasca da bagno, regalano una sferzata di energia a mente e corpo, migliorando anche il tono dell'umore.   

  • Rosmarino: utile in tutti i casi di astenia, pressione bassa, debolezza e stanchezza psicofisica, l'olio di rosmarino è un eccellente tonico cardiaco e nervino: stimola l'energia di fegato, dissolve il nervosismo e sostiene l'attività cerebrale, in particolare le funzioni superiori di concentrazione e memoria.    
  • Zenzero: la sua azione riscaldante ed energizzante si concentra sul sistema gastroenterico, chiave di volta del benessere dell'intero organismo: particolarmente utile quando la stanchezza si manifesta con nausea, astenia e dolori articolari, tonifica l’intero organismo. Inoltre risveglia i sensi sopiti e migliora le capacità di concentrazione e di giudizio.  
  • Timo: la sua azione tonificante sul sistema nervoso e su quello immunitario lo rende un ottimo ricostituente per l'intero organismo. Utile in tutti i casi di stanchezza fisica e mentale, emicranie da sovraccarico e astenia, sostiene l’attività cerebrale e le funzioni cognitive, in particolare la memoria. 
  • Pino silvestre: il suo aroma stimolante ed energizzante è utile in tutti i casi di stanchezza accompagnata da ipotensione, eretismo cardiaco e disturbi del sonno da stress. Data la sua alta carica energetica va usato al mattino, per ritrovare efficienza al risveglio e riequilibrare il ritmo sonno-veglia.
  • Gelsomino: l’olio essenziale che si ricava dai suoi fiori bianchi profumatissimi è noto da sempre per l’effetto a un tempo rilassante e tonico, tanto che gli induisti  lo considerano sacro al dio Vishnu, il conservatore dell’energia. Ne bastano poche gocce per restituire una calma energia all’organismo e stimolare la gioia di vivere: basta massaggiarne una goccia sui polsi e sulle tempie la sera dopo la doccia.
TAG
STANCHEZZA CRONICA
APPROFONDISCI
Vinci la stanchezza in 24 ore
Vinci la stanchezza in 24 ore
La guida pratica per farti ritrovare subito l'energia e la forza vitale
CONSIGLIATO PER TE
Salute Naturale
Salute Naturale

La rivista che propone un modo nuovo di prendersi cura della propria salute

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?