Agitazione addio col biancospino
Erbe e fitoterapia

Agitazione addio col biancospino

Per riposare bene, assumi per un mese il biancospino sotto forma di infuso: sconfiggerai gli stati ansiosi tipici del cambio di stagione e le agitazioni notturne diventeranno solo un ricordo!

Il biancospino è l’arma segreta per conquistare tutto l’equilibrio, l’energia mentale e la leggerezza di cui si ha bisogno in questa stagione. Oltre a regolare la pressione, gli estratti di biancospino rafforzano le pareti di vene e capillari, prevengono l’aterosclerosi e migliorano la circolazione in tutto il corpo. E non è tutto, perché questa pianta delicata, ma dall’azione decisa, scioglie gli stati d’ansia e l’agitazione, soprattutto quelle notturne, tipiche di marzo, mese in cui i sonni sono più brevi e agitati.

LEGGI ANCHEProblemi d'insonnia: li risolvi in 5 mosse

Biancospino, sedativo naturale amico del cuore

La sua fioritura, molto comune in siepi e giardini, ma anche allo stato spontaneo, è tra le più belle che la natura ci offra, e proprio dai fiori delicatissimi questo arbusto trae la sua forza benefica. Le corolle ma anche le parti verdi del biancospino, infatti, sono ricche di triterpeni quali acido ursolico, oleanolico e crataegico. Ma il biancospino contiene anche diversi tipi di flavonoidi oltre a rutina e vitexina, che conferiscono alla pianta un effetto sedativo del sistema nervoso centrale e un’azione protettiva sul sistema cardiovascolare.

Il biancospino stabilizza la pressione arteriosa

Fiori e foglie di biancospino sono inoltre i custodi del sistema cardiocircolatorio, perché rinforzano i vasi, abbassano la pressione arteriosa e sfiammano vene e arterie. Il macerato glicerico, estratto dai germogli e dai giovani getti, vanta poi un’azione diuretica che, soprattutto se associata a quella di altre piante depurative, ha un effetto sfiammante sui capillari e facilita la rimozione delle tossine e delle scorie che creano edemi, soprattutto agli arti inferiori.

Se lo bevi la sera dormi tutta la notte

Il biancospino è il rimedio ideale contro la sovreccitazione tipica di marzo. Gli effetti cardioprotettivi e ipotensivi del suo fitocomplesso, poi, mantengono giovane il cuore, mentre l’azione vasodilatatrice facilita la circolazione a livello cerebrale e aumenta l’afflusso di sangue ai neuroni, migliorando la memoria e le performance mentali.

Abbinalo al tiglio per un infuso calmante e super distensivo

Metti un filtro di preparato infuso di biancospino in 150 ml di acqua bollente. Lascia riposare 10 minuti. Bevine 2-3 tazze al giorno e una alla sera, se soffri di insonnia. Il biancospino si può associare al tiglio (per accentuarne l’effetto calmante) e all’olivo (contro le palpitazioni).

Risolve tensioni e placa la tachicardia

Se sei davvero molto tesa e ansiosa, è ottimo il macerato glicerico estratto dai germogli della pianta: se ne assumono 40-80 gocce (1-2 cucchiaini) 2 volte al giorno. La tintura madre, molto utile contro le palpitazioni e la tachicardia, è suggerita nelle dosi di 30- 40 gocce, tre volte al giorno, in mezzo bicchiere d’acqua. Il biancospino può essere usato anche per periodi abbastanza prolungati (anche 3-4 mesi di seguito), senza effetti collaterali.

TAG
BIANCOSPINO
APPROFONDISCI
Salute Naturale
Salute Naturale

La rivista che propone un modo nuovo di prendersi cura della propria salute

CONSIGLIATO PER TE
Guida pratica alle cure naturali
Guida pratica alle cure naturali
Erbe, integratori e oli essenziali per la salute di tutta la famiglia
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?