Erbe e fitoterapia
Le cure naturali per riattivare la circolazione

Una circolazione sanguigna attiva contribuisce al benessere delle gambe, che in estate si scoprono di più: ci aiutano l'acqua e le erbe giuste

In estate è normale sfoggiare short e vestitini, ma se si hanno problemi di circolazione sanguigna, le gambe possono non apparire al meglio e dare sintomi fastidiosi. La prima cosa da fare per ovviare a questo problema, è camminare: procurati un contapassi e verifica quanti riesci a farne durante la giornata, anche quando sei in casa. Gli esperti confermano che 7000 è il numero di passi necessari per mantenere la circolazione sanguigna attiva e le gambe in salute, tonificare il cuore, smaltire ritenzione idrica e cellulite. La circolazione del sangue nelle vene è favorita dall’attività del cuore, da una respirazione adeguata (possibilmente diaframmatica) e dalle contrazioni dei muscoli scheletrici che comprimono e “massaggiano” le vene (la cosiddetta “pompa muscolare”). Un’attività fisica costante e regolare, come la camminata a passo sostenuto, sgonfia le gambe perché agisce su tutti i motori di spinta e di drenaggio del flusso sanguigno.

Leggi anche: l'importanza della dieta per la circolazione sanguigna

Anche bere di più aiuta la circolazione sanguigna

Porta con te una bottiglia da un litro e mezzo di acqua naturale (o 2 bottigliette da 750 ml) arricchita con i macerati glicerici che migliorano i processi circolatori. Chiedi in erboristeria il macerato glicerico di Castanea vesca (il castagno) - ricco di acido ellagico, sostiene soprattutto il circolo linfatico, il macerato di Citrus limonum (il limone), che fluidifica il sangue e lo rende meno vischioso e il macerato di Sorbus domestica (il sorbo), ricco di acido citrico e di vitamina C, fortifica i capillari venosi e linfatici. Versa nella bottiglia d’acqua da un litro e mezzo 70 gocce di ogni macerato e bevi durante la giornata, a digiuno.

Fai una doccia fredda alle gambe

Dopo la doccia, al termine della giornata, siediti sul bordo della vasca, impugna il doccino e, con l’acqua fredda, inizia dal basso a massaggiare con movimenti circolari la pianta, le dita e il dorso dei piedi, poi le caviglie, i polpacci, le ginocchia, l’interno e l’esterno delle cosce; poi passa all’inguine e ridiscendi fino ai piedi; ripeti lo stesso movimento con l’acqua tiepida. Esegui il trattamento 6-8 volte, se vuoi anche la mattina.

Prepara una crema con gli oli essenziali

Questa crema a base di ingredienti naturali è un’antica ricetta dei frati carmelitani scalzi ed è un valido rimedio per i muscoli contratti e le articolazioni infiammate; grazie al potere delle erbe officinali, ha un notevole effetto rinfrescante, che elimina il gonfiore e il calore che affliggono le estremità in questa stagione. L’ideale sarebbe applicarla la sera dopo le docciature fredde e tiepide. Sciogli a bagnomaria 40 g di cera d’api (la trovi in erboristeria) e, quando sarà quasi liquida, aggiungi 50 ml di olio di mandorle dolci. Mescola i due ingredienti e quando saranno ben miscelati spegni la fiamma. Quindi aggiungi 7 gocce di olio essenziale di eucalipto, 7 gocce di olio essenziale di menta piperita, 7 gocce di olio essenziale di salvia, e 7 gocce di olio essenziale di canfora. Amalgama con un bastoncino, versa in un vasetto con tappo a chiusura ermetica e ponilo in frigorifero: la crema fredda è ancora più efficace.

APPROFONDISCI
Guida pratica all'erboristeria

Per conoscere le proprietà delle erbe e come usarle per curare i disturbi

CONSIGLIATO PER TE
La digestione è la fonte della salute

Come eliminare acidità, gonfiori, stipsi e colite, con i rimedi naturali una volta per tutte.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?