Carciofi: cucinali così e ti depuri
Mangiare sano

Carciofi: cucinali così e ti depuri

La cottura al vapore dei carciofi ne valorizza i principi attivi utili a disintossicare il corpo e a rinforzare le difese naturali...

Una corretta nutrizione è il primo rimedio naturale che dobbiamo utilizzare per disintossicare l’organismo e prevenire disturbi e malattie del sangue e della circolazione, come colesterolo, diabete, ipertensione,...

La cottura al vapore è la scelta ottimale, ma in alternativa è possibile scottare rapidamente le vivande in acqua in ebollizione o in olio, utilizzando l’extravergine d’oliva o l’olio di semi di sesamo. Naturalmente è fondamentale anche la scelta dei cibi: quelli giusti sono ricchi di vitamine, minerali e fibre, che favoriscono la depurazione dell’organismo e danno energia. Sono consigliati l’orzo, il miglio, la segale, il mais, lo zenzero fresco, le lenticchie, i formaggi di capra freschi, il miele, le verdure a foglia verde, i carciofi. Al contrario, sono da evitare o ridurre i prodotti animali ricchi di grassi saturi (burro, formaggi grassi e stagionati, carni grasse, salumi ecc.), sale, zucchero, alcolici, che appesantiscono l’organismo e favoriscono l’accumulo di tossine, adipe e liquidi.

Il carciofo rimette a nuovo fegato e reni

L’alimento principale per tutto il mese di gennaio è il carciofo. Grazie al suo principio attivo, la cinarina, stimola la produzione della bile (che facilita la digestione dei grassi) e abbassa i livelli di colesterolo, favorendo la depurazione dell’organismo. Se lo fate bollire, la cinarina diventa meno attiva, quindi è preferibile la lessatura a vapore. Tuttavia il liquido di cottura (dei carciofi con foglie e fusto), inserito nella dieta due volte alla settimana, è utile per combattere i sintomi tipici del cambiamento di stagione. La stessa acqua, a digiuno o usata nelle minestre, depura il fegato, i reni e la linfa, ed è utile per chi soffre di diabete.

Per rinforzare il sangue e liberarci dalle tossine ci aiutano anche altri alimenti: ecco due esempi.

L’orzo miniera di sali e vitamine

Un alimento particolarmente indicato per rinforzare il sangue è l’orzo, cereale ricco di sali minerali (come fosforo, calcio, ferro, potassio, magnesio, selenio) e vitamine del gruppo B (B1, B2, B3), vitamina E. È considerato un cereale rinfrescante poiché, oltre a essere un cibo energetico e di facile digestione, svolge un’importante azione diuretica e disintossicante. Facilita la concentrazione, l’attività psicofisica e la serenità.

Orzo al cavolo cappuccio

Mettere 150 gr di orzo perlato in una casseruola con il fondo spesso e fatelo tostare finché non sprigiona un buon profumo. Copritelo quindi con acqua fredda; dopo 10 minuti, aggiungete 4 foglie di cavolo cappuccio tagliate a listarelle e regolate di sale. Portate a cottura, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno e aggiungendo un po’ d’acqua calda se necessario.

Minestra medicata antitossine

Immergete 100 gr di fagioli verdi di soia in un litro d’acqua, e lasciateli in ammollo per alcune ore. Cuoceteli quindi nella stessa acqua di ammollo per 40 minuti circa, con un etto di riso integrale. Dedicate un giorno alla settimana alla depurazione in cui mangerete solo questa minestra medicata. Dopo averla preparata, suddividetela in due parti e mangiatene una a pranzo e una a cena.

I suoi effetti

Stimola il metabolismo, rinfresca, drena, depura, calma la fame nervosa e l’ansia, favorisce il sonno.

TAG
DEPURAZIONE
VAPORE
CARCIOFI
APPROFONDISCI
I manuali di Riza: Il tuo programma total detox
I manuali di Riza: Il tuo programma total detox

La depurazione è la prima cura

CONSIGLIATO PER TE
Depura il fegato con i rimedi verdi
Depura il fegato con i rimedi verdi

Così rigeneri tutto l'organismo e ringiovanisci le cellule

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?