Cibo
Tè: conosci il tempo di infusione ideale?

Il tempo di infusione del tè e la temperatura dell'acqua in cui viene immerso sono fondamentali per il rilascio delle sostanze benefiche che contiene...

Le proprietà del tè sono riconosciute ormai da molto tempo: questa bevanda - la più consumata al mondo dopo l’acqua – ha un elevato potere antiossidante, grazie ai polifenoli e ai flavonoidi che contiene. I primi sono sostanze che hanno un’azione benefica sulla salute umana e sono in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento e della degenerazione cellulare; i flavonoidi sono fondamentali soprattutto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. L’infuso di tè non contiene calorie ma sali minerali (fluoro, ferro, zinco, potassio, rame e manganese) e vitamine del gruppo B, C, E, P, per cui può essere consumato tranquillamente anche da chi è in sovrappeso.  
 

A ogni tè la sua infusione

Esistono diversi tipi di tè, ognuno con caratteristiche e proprietà diverse. Il tè verde e quello bianco, ad esempio, hanno una capacità antiossidante superiore a quella del tè nero, che è perfetto invece per tenere “su di tono” a causa del suo contenuto di caffeina. Ma è importante sapere che la presenza nell’infuso dei principi attivi è condizionata non solo dal tipo di tè ma anche dalle modalità e dal tempo di infusione. Uno studio di alcuni anni fa ha preso in considerazione tre diversi tipi di tè: bianco, nero e verde. I vari tè sono stati messi in infusione in acqua bollente per 2 ore, in acqua bollente per 5 minuti, in acqua fredda per 2 ore e in acqua fredda per 5 minuti. È emerso che per quanto riguarda il tè bianco, l’estrazione dei principi attivi varia col tempo (più resta in infusione, più si liberano i principi attivi) ma non con la temperatura. Il tè verde, invece, raggiunge la sua massima efficacia se lasciato in infusione per lungo tempo e in acqua fredda. Infine, il tè nero dovrebbe essere preparato con acqua calda e un’infusione di breve durata, in quanto l’azione degli antiossidanti diminuisce col passare del tempo.

Se lo lasci in infusione a lungo, diminuisce la caffeina

Il tempo di infusione del tè determina anche il contenuto di caffeina della bevanda: dai 60 ai 120 secondi avviene il maggiore rilascio della sostanza, per cui due minuti di infusione sono perfetti per ottenere una bevanda eccitante. Ma se l’infusione dura per più tempo, l’acido tannico disattiva l’effetto della caffeina. Un lungo tempo di infusione, inoltre, altera il sapore della bevanda, che diventa aspra e, spesso, spiacevole al palato.


APPROFONDISCI
Il dizionario dei minerali

Ecco quelli più utili per la tua salute

CONSIGLIATO PER TE
Bicarbonato tuttofare

Un prodotto naturale dai mille usi pratici

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?