Voglia di cambiare vita: che fare?
L'aiuto pratico

Voglia di cambiare vita: che fare?

Ci sono momenti l'esistenza sembra senza senso e abbiamo voglia di cambiare vita: cosa dobbiamo fare per affrontare al meglio queste situazioni

Voglio cambiare la mia vita: come faccio?

Succede a tutti: a un certo punto qualcosa nella nostra vita non va. Una parte di noi non riesce più a stare nella situazione che pure, tempo prima, aveva desiderato e costruito, in famiglia, sul lavoro, in amore. Ecco allora subentrare un malessere sotterraneo, poi un po' d'ansia, insofferenza e una voglia di cambiare vita. All’inizio cerchiamo di resistere, di negare a noi stessi che sta accadendo qualcosa di importante, ma non c’è niente da fare: vogliamo cambiare, anzi stiamo già stiamo cambiando. La nostra personalità sta sviluppando nuove esigenze e tende verso un diverso modo di essere. Non siamo noi a volerlo, ma è proprio da noi che parte questa spinta. Ci sentiamo strattonati, perché una parte di noi è ancora molto legata a ciò che sta vivendo, mentre un’altra chiede, con altrettanta forza, una trasformazione, un'altra vita.

LEGGI ANCHESe l'ansia è resistenza al cambiamento naturale

È quello che capita a Lucio, che scrive a Riza Psicosomatica: “Ho 40 anni e gli altri mi vedono come un uomo realizzato. Ma io, da un po’ di tempo a questa parte, sento che la mia vita non ha più senso, sono spento e non ho più desideri. Eppure ho lavorato tanto, fatto tanti sacrifici, per raggiungere quello che ho. Che cosa posso fare per cambiare?” Quella che Lucio sembra aver realizzato si potrebbe chiamare “una vita programmata”. Lucio si è detto: “Andrò bene solo quando quel progetto sarà realizzato". Poi la realizzazione arriva, ma i risultati raggiunti e tutti quei sacrifici fatti non portano la serenità sperata. Ma la e-mail di Lucio prosegue: “Mi ritrovo oggi con una vita che non mi piace, le cose che faccio sono banali e mi rendono infelice. Sto girando a vuoto”.

LEGGI ANCHESe hai paura dei cambiamenti fai così

La voglia di cambiamento, a tutte le età...

Ribaltiamo la prospettiva: se con il tuo lavoro di tutti i giorni raggiungi il successo ma diventi unilaterale, allora è proprio il momento di cominciare a girare a vuoto, di perdere tempo: altrimenti i tuoi talenti “si irritano”, si offuscano, la tua vera natura si offende. Girando a vuoto la tua coscienza finalmente si libera dai progetti di vita troppo ossessivi, dai pensieri unilaterali, dai modelli esistenziali che hai perseguito finora. Quando giri a vuoto i tuoi luoghi comuni, i pregiudizi, la tua visione della vita finiscono sullo sfondo e in quel momento ti senti perduto.

Non sai che spesso questo è il buio che precede l’alba? Hai bisogno di girare a vuoto perché la tua mente è troppo ordinata: e allora un amico nascosto ti vuole distrarre dalle illusioni in cui ti sei calato, vuole restituirti la tua essenzialità per riportarti a casa. Ecco ancora Lucio: "Voglio cambiare e non so da dove cominciare, sono disorientato. Ma so che non è questa la mia vita! Io sognavo una vita intensa, un'altra vita… Passo intere serate sul divano a pensare. E se mollassi tutto? Però la prospettiva mi terrorizza."

No al senso di colpa e il cambiamento necessario avviene da solo

La prima cosa è riconoscere ciò che sta avvenendo in se stessi. A volte un innamoramento nasconde una più ampia trasformazione dell’essere; in altri casi, come quello di Lucio, un forte rifiuto per il lavoro cela la necessità di essere più creativi; il continuo pensare di mollare tutto rivela il bisogno di un nuovo stile di vita. Queste emozioni sono il prodotto della nostra mente profonda, dell'anima. Per legittimarle, però, bisogna fare i conti con il senso di colpa, sempre in agguato quando si tratta di fare scelte dettate da necessità interiori, invisibili a occhi esterni.

Cambiare equivale, sia per la psiche profonda sia per chi ci sta intorno, a una sorta di tradimento: si tradiscono il passato, le aspettative e l’identità che abbiamo proposto fino a qui. Dobbiamo ricordarci che cambiare non è una colpa: anzi, la colpa è fingere di essere quel che non si è più. Perciò, invece che sulla nostra inesistente colpevolezza, orientiamo la mente su quel che ci chiede davvero questa spinta.

Fai silenzio dentro e fuori di te

Dunque, che fare? È necessario in primo luogo un po’ di silenzio. Non parliamone con tutti prima di esserci ascoltati dentro con calma, e nel frattempo prestiamo attenzione ai sogni, che possono sempre darci indicazioni preziose. Cerchiamo di capire se si tratta solo di una reazione momentanea e settoriale o di un effettivo bisogno di un'altra vita. Niente perfezionismi: quasi sempre all’inizio non è chiara la meta finale del processo.

Osserviamoci ogni tanto nella giornata, guardiamo il disorientamento nel momento in cui arriva senza commento, perché tutti i sintomi che arrivano sono energia che prende contatto con noi. C'è qualcosa di sconosciuto in noi che vuole vivere e che non può essere definito e compreso dentro il nostro piccolo io, anzi: occorre che l’io si faccia da parte perché la nostra natura si riveli.

No alle decisioni forzate

Ecco la parte più importante: calibrare il cambiamento, qualunque esso sia, sulle nostre vere esigenze. Che non sono - è fondamentale ricordarlo - solo quelle espresse dalla voglia di un'altra vita ma anche quelle relative al contesto affettivo e alle abitudini che fino ad oggi abbiamo tenuto, le quali parlano ancora di noi e che spesso vorremmo mantenere anche dopo il “passaggio epocale”. Qui è necessario restare lucidi e non farsi tenere sotto scacco sia dall’intransigenza della pulsione, che chiede "uno strappo” con tutto il passato, sia dai sentimentalismi che danno troppo valore ad alcune parti della nostra vita che non l’hanno più. Serve “saggezza”.

Solo la saggezza interiore sa regalare un'altra vita

Dove trovarla? Non nel bilancino dei pro e dei contro: non è con la ragione e con il calcolo, o con gli sforzi mentali, che nascerà la risposta alla domanda: che fare per avere un'altra vita? La saggezza non arriva aggiungendo pensieri, ma togliendoli. Le scelte migliori della nostra vita, le più sagge, sono sempre quelle che, a un certo punto, sono sbocciate da sole, senza che noi ci imponessimo di fare una cosa piuttosto che l’altra.

Quando è il momento, la cosa giusta da fare è facile da riconoscere e da mettere in pratica. Non devi cercarla con la razionalità, anzi devi prepararla sgombrando la mente dal dovere di scegliere subito qualcosa. Mettiti in attesa, lascia venire le emozioni, tienile con te giorno dopo giorno, osservale senza prendere decisioni. Al momento giusto decideranno loro.

Niente fantasie: attesa e concretezza

Quando ci sentiamo insoddisfatti è poi importante non perdere tempo a fantasticare un domani migliore. Pur nell'attesa di cui abbiamo parlato, possiamo metterci subito a cercare qualcosa di pratico da fare nell’immediato. Spesso i grandi sogni sono dei rifugi in cui nascondersi: ci sono persone che continuano a fare il giro del mondo nell’eterna ricerca di qualcosa. La nostra interiorità invece ha bisogno di cose concrete e facilmente realizzabili.

Va bene tutto quello che possiamo eseguire al momento, da una semplice passeggiata a un’attività manuale. Le attività concrete hanno un potere immenso sul corpo e sul cervello, ed è per questo che gli antichi facevano riti, pellegrinaggi, lunghi cammini che sono azioni terapeutiche mentre si svolgono, né prima né dopo. Anche queste azioni minime saranno da spunto per la nostra nuova vita.

TAG
CAMBIAMENTO
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
Ritrova la tua unicità
Ritrova la tua unicità

Solo così puoi essere felice

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?