Attacchi di panico

Contro il panico libera tutta l'energia vitale

Gli attacchi di panico sono causati da un accumulo di energia vitale che, quando non può scorrere liberamente, si accumula fino a esplodere: ecco la cura

Il panico è un disagio psichico molto disturbante, ma se si riesce a comprendere appieno il messaggio inconscio che simboleggia, la nostra vita può cambiare in meglio e approdare a una pienezza mai raggiunta. Se è vero che alcuni disturbi da attacchi di panico possono essere innescati da eventi traumatici che richiedono un trattamento psicoterapico adeguato, molti altri sono più semplicemente causati da uno schema di comportamento errato che mettiamo in campo senza accorgercene.

Lo schema è il seguente:

  1. Accumulo di energia intrappolata
  2. Esplosione di tale energia
  3. Panico (e la paura anticipatoria degli attacchi che in seguito si sviluppa)

Di quale energia stiamo parlando? L’energia intrappolata è quella che il fondatore della psicologia analitica Carl Gustav Jung chiamò libido, intesa come energia psicofisica globale, legata ai nuclei profondi del nostro essere.

Attivare l'energia per non incorrere negli attacchi di panico

Perché è fondamentale non arrivare al punto in cui le energie si trovino tanto bloccate da esplodere? Perché il fluire di questa energia vitale, è proprio ciò che ci fa vivere, dandoci quotidianamente equilibrio e armonia; al contrario, non viverla la imprigiona, la comprime e la fa accumulare fino al punto in cui servono gli attacchi di panico proprio per “darle aria”. Quando accade vuol dire che si è arrivati a un punto di non ritorno e l'anima si ribella: la libido non considerata e non convogliata, ha trovato un’altra uscita, apparendo sotto forma di attacco di panico in tutta la sua potenza caotica e destabilizzante.

Quattro strade contro gli attacchi di panico

Come fare per evitare l’accumulo di libido inespressa e iniziare a farla fluire liberamente, scongiurando l’avvento di attacchi di panico? Sono quattro i possibili canali espressivi nei quali far defluire e dar forma a questa energia congelata: la creatività, l'erotismo, l'attività fisica e la passione. Tutte modalità dell'essere che, se attivate, permettono alla libido di dispiegarsi e rendono totalmente inutili gli attacchi di panico, i quali avevano il ruolo di compensare questa mancanza di espressione. È quasi impossibile trovare una persona che trovandosi in un periodo creativo, in un'esperienza realmente erotica, in un progetto appassionato o in un buono stato atletico, produca attacchi di panico: la cura migliore è vivere le proprie energie con pienezza.

Osserva quindi lo schema seguente e individua quale o quali aspetti tra quelli indicati sono carenti nella tua vita: in che modo ti piacerebbe convogliare le tue energie profonde addormentate?

  • Creatività: è il fare qualcosa manualmente (non solo di artistico) mettendoci la propria personale impronta, il proprio tocco.
  • Erotismo: è quello stato di scambio energetico con il partner, che può esprimersi nella forma della sessualità, dell’innamoramento o della forte condivisione di affinità.
  • Attività fisica: intesa non come semplice movimento, ma come sport che coinvolge e che non annoia, o come rappresentazione corporea (danza, ginnastica artistica, ecc.).
  • Passione: rappresenta il forte interesse, che può tradursi anche in un impegno protratto nel tempo, per un’attività (personale, sociale, solidale, politica, ecc.). Quando ti dedichi a qualcosa che senti realmente tuo, questo interesse col tempo prevarrà sulla paura, mettendola prima in secondo piano e poi annientandola.
APPROFONDISCI
Come vincere gli attacchi di panico

Vengono dal profondo per ricordarti la tua unicità e i tuoi talenti

CONSIGLIATO PER TE
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come vivi le tue paure?