Carambola, il frutto che tiene a bada la glicemia
Mangiare sano

Carambola, il frutto che tiene a bada la glicemia

La carambola è un frutto esotico che abbassa i livelli di zuccheri nel sangue, drena le tossine, regala tanta vitamina C e aiuta lo stomaco a funzionare bene

La carambola è il frutto dell’Averrhoa carambola, una pianta tropicale asiatica, ma che viene coltivata anche in Africa, America latina e da alcuni anni in Sicilia. La peculiarità estetica della carambola è la sua forma allungata con la presenza di cinque punte; per cui, tagliandolo a fette, si mostra a forma di stella, prestandosi così a meravigliose decorazioni culinarie. Non a caso, in inglese la carambola viene proprio chiamata starfruit, ovvero il "frutto stella"...

LEGGI ANCHEGlicemia sotto controllo con il gelso

Come usare la carambola in cucina

La carambola, quando matura, è caratterizzata da un colore giallo acceso e da un’intensa profumazione; l’olio essenziale di questo frutto viene utilizzato anche nell’industria cosmetica per produrre profumi. La sua buccia è sottile, mentre la polpa, molto succosa e dal sapore leggermente acidulo, contiene importanti nutrienti: vitamina C e vitamina A, acidi organici, flavonoidi (soprattutto quercetina), fibre ed elevate quantità di potassio. In cucina la carambola viene impiegata per preparate piatti sia dolci che salati e può essere spremuta per ottenere un succo estivo fresco e nutriente.

Come usare la carambola in medicina

Alcuni recenti studi, fra cui una ricerca condotta dalla Guangxi Medical University in Cina e pubblicata sulla rivista scientifica Cell Physial Biochem, hanno mostrato le capacità benefiche della carambola per la salute dell’organismo. Questo frutto, ad esempio, risulta efficace nel contribuire a prevenire il diabete, abbassando i livelli di glucosio nel sangue. Inoltre la carambola aiuta la digestione, ma è invece sconsigliata a chi soffre di patologie renali a causa dell’alta concentrazione di acido ossalico.

Usa la carambola nelle macedonie e in insalata

I frutti della carambola si gustano ben maturi al naturale, abbinandoli a mele, pere oppure ad ananas, mango e papaia, straricchi di antiossidanti. Grazie alla loro forma sono perfetti per decorare macedonie e torte.

L’infuso di foglie di carambola: perfette usa il bagno detox

Con 2 manciate di foglie di carambola fatte bollire 10 minuti in mezzo litro d’acqua, si ottiene un decotto da aggiungere all’acqua del bagno: rilassa la muscolatura, cura la pelle arrossata e abbassa la febbre.

Per far scorta di potassio bevi il suo succo fresco

Puoi anche spremere i frutti di carambola e bere il loro succo: grazie alla ricchezza di minerali, in particolare di potassio, è un valido integratore per chi fa sport e per chi tende a sudare molto e ha l’esigenza di compensare le perdite di sali.

TAG
GLICEMIA
CARAMBOLA
PREVENIRE IL DIABETE
APPROFONDISCI
Abbassa la glicemia in 7 giorni
Abbassa la glicemia in 7 giorni

Previeni il diabete, vinci la stanchezza e spazzi via i grassi dalle arterie

CONSIGLIATO PER TE
Il medico naturale sempre con te: Il diabete
Il medico naturale sempre con te: Il diabete

I rimedi naturali e gli alimenti giusti che abbassano la glicemia

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?