Mangiare sano
Dolci: quando non puoi farne a meno

Se la tua dieta è troppo ricca di dolci, ecco cosa fare e cosa evitare

Dieta e dolci: qualche consiglio

Se i dolci occupano un posto importante nella tua dieta e non riesci a diminuirne il consumo, scegli i dolci a ridotto contenuto di grassi e a maggior contenuto di zuccheri complessi. Dunque nella tua dieta possono essere dei "buoni" dolci i prodotti da forno integrali, come biscotti secchi, torte non farcite ecc. Le fibre dei prodotti integrali hanno un effetto saziante e contribuiscono a mantenere regolare l'intestino.

La dieta giusta: occhio agli spuntini spezza-fame!

Nella tua dieta, se vuoi interrompere il senso di fame durante il giorno, non ricorrere a caramelle, merendine ripiene, cioccolatini o bevande zuccherate. Per spezzare la fame senza perdere la linea, è bene scegliere frutta o verdura; anche un cracker o un panino integrali sono adatti perché essendo costituiti da zuccheri complessi richiedono una digestione più lunga, un maggior dispendio calorico da parte dell'organismo e un maggior equilibrio dei livelli di zuccheri nel sangue. 

Nella tua dieta usi i dolci come sostituti del pasto?

Se sei tra coloro che amano sgarrare con i dolci, ti capiterà spesso, quando non hai voglia di un regolare pasto, di scegliere una golosa fetta di dolce. Ma attenzione: anche se le calorie sono le stesse di una bistecca con verdura, è diverso il valore nutrizionale. Ricordati quindi che se nella tua dieta scegli troppo spesso i dolci a scapito del resto, introdurrai quasi certamente troppi grassi e troppi zuccheri semplici. Le conseguenze di una dieta del genere? Colesterolo cattivo e trigliceridi alti, metabolismo più lento, accumuli di adipe e ritenzione. Per non parlare del rischio diabete... 

Gli integratori per diminuire gli "effetti collaterali" dei dolci

  • Acido alfalipoico: questo integratore permette l'utilizzo dei carboidrati ingeriti, che in questo modo non vanno a trasformarsi in glicogeno e (l'eccesso) in adipe. In poche parole: ha un'azione bruciacarboidrati... quindi bruciagrassi. È pertanto utile anche per chi ha tendenza al diabete. Inoltre, è uno dei più potenti antiossidanti! Se ne assumono da 100 a 600 al giorno.
  • Cromo picolinato: questo integratore è da assumere insieme all'acido alfalipoico per rafforzarne l'azione. Se ne assumono da 50 a 300 mcg (microgrammi) al giorno.
APPROFONDISCI
Il tuo weekend bruciagrassi

Come perdere 3 kg in 3 giorni

CONSIGLIATO PER TE
DimagrireExtra: La straordinaria dieta dei frullati

Bevendo frutta e verdura perdi peso senza fatica

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?