Intestino infiammato? Lo curi a tavola
Mangiare sano

Intestino infiammato? Lo curi a tavola

Ci sono cibi da evitare e altri da preferire quando l’infiammazione intestinale ci tormenta: per prima cosa, prova i semi di lino e la radice di kuzu

Chi soffre di infiammazioni intestinali, in fase acuta deve anzitutto evitare le fibre, in particolare quelle dei cereali integrali indurite dalla cottura al forno (pane e biscotti) e le verdure fibrose. Meglio preferire vegetali calmanti come le carote, la zucca o le zucchine cotte e ridotte in purea. Sì al pesce al vapore con creme di riso, porridge di avena o polenta di grano saraceno. Da bere, è poi ottimo il tè verde. Superata la fase acuta, per aiutare la flora batterica, occorre portare a tavola verdure a foglia scura (crucifere, spinaci, insalate) ricche di minerali alcalinizzanti che evitano acidosi e infiammazioni. È utile il sedano, che contiene composti antinfiammatori come l’apigenina, da consumare centrifugato con succo di arancia. Esistono poi due alimenti ancora poco diffusi da noi, ma utilissimi per placare le infiammazioni dell'intestino: sono i semi di lino e la radice di kuzu.

LEGGI ANCHEIntestino a nuovo in sette giorni

I semi di lino sgonfiano subito la pancia

L’olio di semi di lino e i semi di lino stessi sono due preziosi aiuti nei caso di infiammazione intestinale. Rappresentano un’eccellente fonte di Omega3, utile a riparare i tessuti interni compromessi dalle irritazioni e contengono fibra solubile, la quale contribuisce a regolarizzare il transito e a lubrificare l’intero apparato digerente. È importante macinare sempre i semi di lino con un macinacaffè fino a ricavarne una polvere (mangiandoli interi non se ne assorbono i nutrienti) da usare in succhi, frullati e in un porridge di avena a colazione.

LEGGI ANCHEIntestino irritato? Aiutalo con la polvere di baobab

La radice di kuzu: un cibo magico per l’intestino

Il kuzu è un amido ricavato dalla radice della Pueraria japonica, una pianta che cresce nelle aree vulcaniche del Giappone. È stata utilizzata dai guaritori orientali per quasi 2000 anni grazie alle sue capacità di sedare i disturbi digestivi, calmare i nervi e rimuovere le infiammazioni. La polvere che se ne ricava, in vendita nei negozi biologici, va sciolta in acqua fredda e poi fatta sobbollire per 1-2 minuti: è un addensantenaturale e quindi può essere utilizzata nella preparazione di creme, budini e zuppe.

Ecco un elenco di cibi nemici della salute intestinale

  • Alcol
  • Caffeina
  • Additivi alimentari (come il glutammato)
  • Lievito chimico
  • Carne e cibi grassi (la cui digestione non inizia in bocca ma è tutta a carico degli organi interni)
  • Zucchero bianco
  • Farine raffinate
  • Patatine fritte
  • Latte e derivati
  • Glutine (quando è associato a carboidrati in prodotti industriali e raffinati)
  • Cibi crudi (non sono di solito tollerati durante un’infiammazione acuta, perché le fibre possono irritare le superfici già infiammate)

APPROFONDISCI
Alimentazione Naturale
Alimentazione Naturale

La natura “sa” sempre cosa serve al nostro corpo per stare bene...

CONSIGLIATO PER TE
Proteggi l'intestino
Proteggi l'intestino
I consigli naturali per vincere gonfiori, meteorismo, stipsi, colite e infiammazioni
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?