Mangia ciò che ti piace
Dimagrire

Mangia ciò che ti piace

Chi ingrassa non è appagato da ciò che mangia e usa il cibo come un anti-stress

Chi mangia con gusto... non ingrassa!

Che cosa mi piace? Questa è la domanda che ci dovrebbe accompagnare quando stiamo per sederci a tavola.
Pensate che invece più del 90% dei cibi che assumiamo vengono mangiati meccanicamente, di corsa, senza alcuna consapevolezza e senza gustarli per davvero.
Chi ingrassa non si gode ciò che mangia e dopo un po' abitua il cervello a considerare il cibo come un riempitivo, un calmante dello stress, qualcosa cui rivolgersi ogni volta che si sente insoddisfatto, frustrato, scontento.

Al contrario i sondaggi dicono che chi impara a godersi colazione, pranzo, cena e spuntino ha buone probabilità di dimagrire senza soffrire. Per quanto riguarda la cena, le donne sposate sembrano avere i maggiori problemi in tal senso: infatti più del 70% di loro non riesce a gustarsi come dovrebbe il pasto: il piacere è sopraffatto dalla necessità di servire marito e figli, di alzarsi da tavola per prendere le varie portate, di afffrettarsi poi a sparecchiare e sistemare la cucina.

LEGGI ANCHEComincia a tavola a volerti bene!

Mangiare senza godersi il piacere del cibo fa male alla nostra psiche

Bisogna ritagliarsi uno spazio ben preciso mentre si mangia. Poche regole ma importanti: 

  • stare seduti,
  • essere "presenti" (non estraniarsi o andare con la mente lontano dalla situzione concreta che stiamo vivendo)
  • non farsi sopraffare dai bisogni dei nostri familiari.

Maria, 43 anni, invia una lettera alla redazione di Dimagrire, mensile di Riza dedicato a chi vuole perdere peso e mantenersi in linea: «Mi sono accorta che non mi godevo mai veramente quello che mangiavo o perché dovevo alzarmi per guardare la cottura o per togliere le cose dal forno o per rispondere al telefono. A fine pranzo non ero mai soddisfatta». Maria si è accorta di assumere molti cibi anche senza provare alcun desiderio per loro. Anzi, spesso li mangiava addirittura con fastidio. La stessa Maria scrive che, osservandosi, ha imparato a sentire attrazione per certi cibi e repulsione per altri: «Ora a tavola mi metto comoda e gusto le pietanze, non mi alzo per nessun motivo. Mangio soltanto le cose che mi attraggono, mentre prima, sedendomi e alzandomi, finivo per mangiare tutto senza essere mai sazia.»

Per dimagrire dobbiamo diventare osservatori di noi stessi e aver cura dei nostri desideri. Imparare a mangiare ciò che desideriamo e a non subire il cibo è la via più importante per dimagrire. Mangiare quello che ci piace vuol dire prendersi cura di sé.

LEGGI ANCHEVuoi dimagrire? A tavola niente distrazioni

Per dimagire, facciamo come i bambini

A tavola bisogna diventare egoisti come i bambini. Fateci caso: i piccoli non vogliono che nessuno assaggi dai loro piatti. Sono capaci di fare capricci tremendi se qualcuno gli ruba il cibo. Noi dovremmo imitare il loro comportamento: sederci a tavola senza mai alzarci dalla sedia, gustarci quello che assumiamo e scegliere solo le pietanze che desideriamo davvero. E chiederci: stiamo mangiando qualcosa che ci piace? Se sì, siamo sulla strada giusta.

TAG
DIMAGRIRE
APPROFONDISCI
Impara l'arte di semplificarti la vita
Impara l'arte di semplificarti la vita

Elimina le gabbie mentali, così realizzi facilmente tutti i tuoi obiettivi

CONSIGLIATO PER TE
Dimagrire
Dimagrire

Dimagrire è la rivista con i consigli pratici per non ingrassare e perdere peso.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?