Dimagrire
Dimagrire: puoi farcela adesso!

Il clima di relax aiuta a dimagrire perché disattiva gli ormoni dello stress, fra i maggiori responsabili del sovrappeso: occorre solo seguire alcune regole…

Le vacanze sono una grande occasione per risvegliare il nostro metabolismo e aiutarci quindi a dimagrire. Innanzitutto, durante le ferie, ci si libera per qualche settimana dallo stress lavorativo e quindi diminuiscono i suoi effetti ormonali, notoriamente responsabili del sovrappeso. Lo sapevano bene i medici di una volta che prescrivevano spesso periodi di soggiorno marittimo o montano come cura per stati di depressione o esaurimento, non di rado accompagnati da problemi di peso.

Largo a passioni e sport

In secondo luogo, durante le vacanze, si ha finalmente un po’ più di tempo per occuparsi delle proprie passioni, per stare a contatto con la famiglia, con la natura o cimentarsi più assiduamente in attività fisiche come camminare, nuotare, andare in bicicletta e così via. Infine, se l’alimentazione “normale” è troppo scarsa rispetto al fabbisogno, il metabolismo può essere addirittura rallentato e, in questi casi, mangiare di più in vacanza aiuta paradossalmente a farlo ripartire...

No alla sedentarietà 

Ovviamente, nonostante tutti i fattori favorevoli, talvolta alcune cattive abitudini possono far male anche in vacanza: pasti copiosi al ristorante dell’hotel, gelati in abbondanza, troppi alcolici, bevande gassate, pasti extra che ci si concede per il clima generale di rilassamento, la totale inattività. Per trarre il massimo beneficio dalla vacanza, quindi, si dovrà stare in guardia nei confronti della sedentarietà e dei richiami mangerecci, cercando di mantenerli come eccezioni e non come abitudini quotidiane. Ma dove sarebbe meglio recarsi per avere i maggiori benefici? Non c’è grande differenza: il clima della montagna e quello del mare possiedono effetti dimagranti specifici, che costituiscono di per sé, indipendentemente dagli altri fattori, uno “stimolo” naturale che favorisce l’accelerazione dei processi metabolici. 

In montagna il metabolismo sale in vetta 

L’aria di montagna sembra essere un vero e proprio toccasana per il metabolismo. Uno studio recente ha dimostrato che un gruppo di persone obese che avevano trascorso un periodo di quattro settimane presso una località montana ad alta quota, ha perso in media 1,5 kg di peso senza sottoporsi a una dieta particolare e senza aumentare il tempo dedicato all’attività fisica, e ha mantenuto il peso raggiunto per quattro settimane dopo il ritorno a casa. Secondo gli studiosi l’effetto dimagrante può dipendere, oltre che dal relax, proprio dall’aria di montagna che, essendo meno ricca di ossigeno rispetto a quella cittadina o marina accelera i processi metabolici e riduce l’appetito.

Al mare lo iodio riattiva la tiroide 

Anche le vacanze al mare possono favorire la perdita di chili in eccesso. Persino una passeggiata sul bagnasciuga o sul lungomare aiuta a bruciare le calorie in eccesso. Ma tra i fattori specifici delle località marittime vi è sicuramente la maggiore presenza di iodio, l’oligoelemento indispensabil per la produzione di ormoni tiroidei e quindi p la regolazione dei processi metabolici cellulari. Quando c’è una carenza di iodio la tiroide funziona meno bene e il metabolismo rallenta. Al mare lo iodio è presente nell’acqua, nell’aria nell’alimentazione tipica delle località marittima base di pesce, frutti del mare e vegetali coltivati in queste zone. 

 

APPROFONDISCI
10 regole per dimagrire e non ingrassare più

I trucchi e le strategie che funzionano davvero per perdere peso in modo sano e non riprenderlo più

CONSIGLIATO PER TE
Il formidabile cocco

Abbassa la pressione, regola il colesterolo, fa dimagrire e rigenera il cervello

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?