Cibo

Anguria: ecco le proprietà del frutto più dissetante e light dell’estate

L’anguria ha un basso potere calorico, sazia ed è ricca di acqua che drena i tessuti, li idrata e ripulisce il corpo da scorie e tossine, anche da quelle che favoriscono cellulite e sovrappeso.

Verde, gialla o nera? Ecco le migliori angurie del mondo

Anguria, o cocomero, è il nome di una pianta erbacea annuale (Citrullus vulgaris) e del suo frutto, detto anche anguria. Appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee e ne esistono di varietà differenti per forma, colore e dimensioni ed è possibile reperire anche un tipo giallo e uno nero. L’anguria gialla è nata in Giappone ma oggi è coltivata anche in Italia. È nota come cocomero giapponese o coco-ananas, perché la polpa croccante ricorda il mango con un gusto velato di ananas e fico d’india. L’anguria nera, la più pregiata, ha una forma perfettamente sferica, la buccia lucida e nera e si distingue dalle altre qualità per la dolcezza intensa. Cresce nell’isola giapponese di Hokkaido ed è famosa perché ha un costo molto elevato, in quanto difficile da coltivare.

I valori nutrizionali per 100g di anguria

  • Kcal 16/100g
  • Grassi 0
  • Proteine 0,4g
  • Glucidi 3,7g
  • Fibre 0,2g
  • Vitamine: A – sottoforma di carotenoidi che nel corpo si trasformano in vitamina A –, C, B6
  • Sali minerali: potassio (112 mg), fosforo (11 mg), magnesio (10 mg)

Le caratteristiche che rendono l'anguria un super frutto

L’anguria è sicuramente uno dei frutti dal maggior potere dissetante, diuretico e depurativo dell’estate, oltre ad avere un buon effetto saziante grazie alla ricchezza di acqua, che costituisce fino al 93% dell’anguria. Sempre grazie al contenuto elevato di acqua, ma anche al potassio e alla vitamina C che fornisce, l’anguria è diuretica e utile contro ritenzione idrica e cellulite. Oltre al potassio, è presente anche un altro sale minerale, il magnesio. Insieme, potassio e magnesio sono utili per sconfiggere la stanchezza dovuta al caldo ed evitare, soprattutto per gli sportivi, il fastidioso fenomeno dei crampi muscolari. L’anguria contiene in quantità modeste anche calcio, fosforo e altri oligoelementi essenziali come ferro, zinco e manganese, efficaci antistress.

L’anguria si caratterizza inoltre per la presenza di carotenoidi, pigmenti naturali antiossidanti che colorano di rosso, giallo e arancio gli alimenti, e tra questi anche il licopene. Tali elementi contrastano la formazione di radicali liberi, vere e proprie tossine il cui eccesso danneggia il corpo facendolo invecchiare prima del tempo e rallentandone i processi metabolici favorendo il soprappeso.

L’anguria fa bene ai vasi sanguigni e ai polmoni

Il merito di questo effetto è da attribuire in primo luogo alla citrullina, un fitonutriente che, nel corpo, si trasforma in arginina, un aminoacido benefico per il cuore, l’apparato circolatorio, i capillari e anche il sistema immunitario, in grado di ridurre la pressione sanguigna se elevata. Tale sostanza è tra l’altro maggiormente concentrata nella parte bianca del frutto, in prossimità della buccia: un ottimo motivo per non scartarla del tutto. A mantenere elastici i vasi sanguigni contribuisce anche il contenuto di vitamina C e carotenoidi come il licopene del frutto. Ricordiamo inoltre che un recente studio, fatto da alcuni scienziati dell’Università Juntendo di Tokyo, ha evidenziato l’efficacia del licopene nel proteggere i polmoni di chi fuma o di chi vive in città ad alto tasso di inquinamento.

L’anguria protegge gli occhi

Chi soffre di bruciore e secchezza agli occhi non può non notare peggioramenti con il caldo estivo. Il cocomero, in questi casi, viene in soccorso grazie alla luteina, un carotenoide in esso contenuto. Consumando spesso anguria nelle calde giornate si contrastano gli effetti negativi dei raggi UV, riducendo anche il rischio di degenerazione maculare e cataratta.

Tutte le  proprietà dell’anguria

  • È dissetante, depurativa e diuretica.
  • È antiossidante e quindi contrasta l’invecchiamento e protegge gli occhi.
  • È fonte di potassio drenante e di magnesio. Insieme contribuiscono a mantenere attivi i muscoli, cuore compreso, e prevengono i crampi muscolari.
  • È saziante.
  • I semi sono ricchi di fibre e se mangiati con la polpa regolarizzano l’intestino pigro.

Come e quando utilizzarla nella dieta

L’anguria si può consumare al naturale o in macedonia, con altri frutti, tagliata a fette o a spicchi, talvolta anche a dadini o a palline. Con la sua polpa si possono preparare granite, sorbetti, gelati, confetture e sott’aceti (con l’aggiunta di aceto, cannella e chiodi di garofano). Ottima anche in insalata.

Per sfruttarne le virtù curative, è importante gustare l’anguria nel modo e nel momento giusto della giornata:

  • L’ideale è mangiarla come spuntino o merenda. Tuttavia, dato che l’anguria è anche fonte di zuccheri, per evitare che dopo il suo consumo la glicemia nel sangue si alzi, si consiglia di consumarla insieme a yogurt magro naturale o a qualche frutto oleoso come mandorle o noci.
  • Non assumerla a fine pasto, perché il suo alto contenuto idrico diluirebbe eccessivamente i succhi gastrici, rendendo laboriosa la digestione. Meglio semmai usarla come sostitutivo del pranzo stesso o aspettare almeno un paio d’ore dopo i pasti per mangiarla.
  • Se possibile evita di assumerla la sera, perché l’effetto diuretico potrebbe disturbarti durante la notte.

Se ti interessano le proprietà dimagranti dell’anguria, fai così…

Bevi il centrifugato di anguria, una bevanda utile per contrastare la ritenzione idrica e la cellulite, per aumentare il senso di sazietà e per avere muscoli più attivi. Preparalo così: taglia una fetta d’anguria lasciando un po’ di parte bianca, riducila a cubetti e passali nella centrifuga (lascia pure i semi, sarà l’apparecchio a separarli dalla polpa). Raccogli il succo in un bicchiere e bevi subito. Se non hai a disposizione la centrifuga, usa pure un frullatore. Ideale come spuntino da accompagnare con 4 mandorle.

Consigli per l’acquisto

L’anguria buona non deve essere né acerba né troppo matura. In quest’ultimo caso la buccia tende al giallo, al tocco sembra vuota, la polpa è ricca di filamenti e friabile. Se acerba, reca ancora un peduncolo ricoperto di peluria. L’anguria pronta per il consumo deve avere la buccia intera, senza fessure o alterazioni. Se è presente una macchia chiara, questa indica il punto in cui il frutto poggiava a terra e non è indice di anguria acerba.

Se la compri già aperta (nel banco frigo del supermercato), accertati che abbia una polpa soda, croccante e succosa, di colore rosso brillante, senza striature bianche o macchie giallognole o scure. Non deve essere molle o troppo rossa, segno di maturazione avanzata.

TAG
ANGURIA
APPROFONDISCI
Alimentazione Naturale

La natura “sa” sempre cosa serve al nostro corpo per stare bene...

CONSIGLIATO PER TE
La dieta dell'anguria

Perdi peso col frutto più fresco dell'estate: diuretico, poco calorico, ricco di vitamine

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come vivi le tue paure?