Erbe e fitoterapia
Con il sambuco sconfiggi raffreddore e influenza

Grazie alle sue proprietà diaforetiche, antinfiammatorie, antibatteriche e antivirali il sambuco rappresenta uno scudo attivo contro le affezioni respiratorie e le infiammazioni locali.

Il sambuco, Sambucus nigra, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae. I suoi fiori sono piccoli, bianchi e profumati, raccolti insieme come nuvolette sui rami. I frutti sono invece piccolo bacche scure, dai toni purpurei e violacei. Originario dell'Europa e dell'Asia occidentale, il sambuco è noto per le sue proprietà curative fin dall'epoca romana e viene citato da Plinio il Vecchio e Ippocrate. Gli indiani d’America ne utilizzano la corteccia per curare gonfiori e infiammazioni, per facilitare il parto e l'allattamento. Inoltre, le bacche di sambuco erano usate dalla popolazioni germaniche per tingere la pelle nei riti di caccia o di guerra; mentre i fiori si utilizzano ancora oggi per aromatizzare bevande e dolci. Considerato capace di poteri magici contro demoni streghe, i suoi benefici sono oggi riconosciuti contro raffreddore e influenza, i fastidiosi folletti della stagione fredda. E le proprietà del sambuco non finiscono qui, scopriamole insieme.

Principi attivi

Il sambuco è ricco di vitamine e minerali: potassio, calcio, sodio, fosforo, ferro selenio, rame, zinco e magnesio insieme a vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6 e C. Inoltre troviamo componenti preziosi come flavoni e flavonoli, principalmente quercetina e antociani, acido clorogenico e cinamico, aminoacidi vari.

Proprietà del sambuco

Il sambuco vanta numerose proprietà; tra le principali l'azione diaforetica, ovvero stimolante la sudorazione, quella antivirale, antibatterica e antinfiammatoria. In qualità di antinfiammatorio, sembra in grado di inibire l'eccessiva risposta immunitaria riducendo la produzione di citochine e l'attività delle interleuchine, entrambi mediatori del sistema immunitario. Inoltre, la corteccia agisce come diuretico e le bacche come lassativo.

LEGGI ANCHE Gli antinfiammatori naturali più efficaci

Formulazioni e uso

Le parti più utilizzate della pianta di sambuco a scopi curativi sono i fiori, le bacche, le foglie e la corteccia. Il sambuco può essere assunto sotto forma di infuso, decotto, impacco o estratto fluido. Vediamo le formulazioni più adatte per ogni sintomo:

Affezioni dell'apparato respiratorio

Raffreddore, febbre, tossi e bronchiti, trovano sollievo grazie all'azione diaforetica e antinfiammatoria del sambuco che è capace di l'intensità e la durata del raffreddore e la febbre. Ottimo in questi casi l' infuso di samuvo che si prepara con 2-4 grammi di sambuco in circa 150 ml di acqua bollente. Dopo cinque minuti di infusione i filtra e si assume più volte durante la giornata, specie pomeriggio e sera fino al miglioramento dei sintomi.

Influenza

Le proprietà antinfiammatorie e antivirali, insieme alle precedenti, rendono il sambuco un ottimo rimedio contro l'influenza; infatti i principi attivi del sambuco sono capaci di contrastare l'azione dei virus influenzali. Oltre l'infuso si può assumere l'estratto fluido di sambuco alla dose di 1 grammo, tre volte al giorno fino alla risoluzione dei sintomi.

Cattiva circolazione e arteriosclerosi

Grazie al contenuto di flavoni, specialmente nei fiori, e alla capacità antinfiammatoria e diuretica, il sambuco è benefico per la circolazione sia venosa he arteriosa, contrastando l'arteriosclerosi. Si usa il decotto, ottenuto con fiori e bacche insieme, che si prepara facendo bollire 100 grammi di fiori e bacche in due litri d’acqua per 20 minuti circa. Si filtra e se ne beve un bicchiere per tre volte al giorno per almeno tre settimane.

Diarrea

L'infuso di bacche secche aiuta contro la diarrea alleviando le coliche.

LEGGI ANCHE Così calmi l'intestino

Il sambuco come repellente

Il sambuco tiene lontani gli insetti. A questo scopo si può preparare una lozione da applicare sulla pelle ponendo alcune foglie di sambuco in un barattolo riempito di acqua bollente. Si chiude il barattolo e prima di utilizzare si lascia riposare fino a quando l’acqua non si raffredda.

Ascessi e infiammazioni topiche

Il sambuco, grazie all'azione antinfiammatoria e antibatterica, è utile in caso di infiammazione locale, come:

  • Ascesso ai denti, migliora con l'aiuto di un impacco di sambuco da applicare localmente con l'aiuto di una garza, per almeno 2 ore. Si ottiene pestando in un mortaio una manciata di foglie fresche di sambuco alle quali si aggiungono un cucchiaio di aceto, un pizzico di sale
  • Occhi infiammati, per lenire fastidio, dolore e arrossamento oculare, l'ideale è un infuso freddo di sambuco con il quale lavarli dolcemente
  • Pelle screpolata e ferita, migliora applicando un unguento a base di fiori di sambuco che si ottiene amalgamando insieme cera d’api e olio di oliva

Controindicazioni

Consultare il medico prima dell'uso. L'uso è sconsigliato in gravidanza e allattamento; nei bambini di età inferiore a 18 mesi e in caso di allergia ai componenti. Il Sambuco è sicuro, se utilizzato alle dosi consigliate. Foglie e semi di sambuco non sono commestibili in quanto altamente velenosi per la presenza di sambunigrina, una sostanza tossica.

APPROFONDISCI
Sambuco, menta e melissa
Tre piante preziose per la salute e il benessere: curano stomaco e intestino, placano dolori e ansia
CONSIGLIATO PER TE
Un inverno senza influenza con i rimedi naturali

I preparati omeopatici, le essenze e le tisane che proteggono naso, gola, orecchie e bronchi

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?