Erisimo: alt a raucedine e bronchiti
Erbe e fitoterapia

Erisimo: alt a raucedine e bronchiti

Una tisana preparata con l’erba “dei cantanti” aiuta a prevenire le malattie da raffreddamento, mentre in gocce o compresse può essere curativa

Il freddo dell’inverno ormai imminente portano con sé i primi veri malanni di stagione: le affezioni dell’albero respiratorio. In realtà non sarebbe per nulla scontato contrarre faringiti, laringiti e bronchiti. Se impariamo a trattare meglio il nostro organismo, accettandone i  limiti e ricordando le leggi della Natura, questi disturbi diventano molto più rari.

Erisimo, la buona prevenzione

Chi sa curarsi di sé, attuando per tempo una buona prevenzione, non prende il raffreddore: mantenere le vie respiratorie quanto più possibile libere e non infiammate è già sufficiente a garantire una buona copertura fisiologica all’ingresso di virus e del batteri invernali. Tra le molte misure di profilassi adeguate, la più indicata è la tisana di erisimo. Il nome popolare con cui la pianta è conosciuta, “erba dei cantanti” rende già l’idea di come i suoi estratti abbiano da sempre una valenza terapeutica che riguarda specificamente le alte vie respiratorie (laringe, faringe e trachea). Per le sue proprietà antinfiammatorie sulla mucosa delle vie respiratorie e la sua azione espettorante, mucolitica e batteriostatica, l’erisimo è molto utilizzato anche in sede curativa, in caso di bronchiti e tracheiti, anche in presenza di tosse, nella terapia dei raffreddori con abbondante secrezione e di influenze con interessamento bronchiale.

Come puoi acquistarlo

Ricco di flavonoidi dall’azione antinfiammatoria e antiossidante, l’erisimo è reperibile in commercio come erba sfusa, utile per le tisane e in diverse preparazioni pronte, consigliabili in sede curativa.

La tisana preventiva è adatta a tutti

Per prevenire, è utile la tisana: si prepara un infuso con circa un cucchiaio di erisimo per tazza di acqua bollente (20 min di infusione). Una tazza al giorno un mese.

Tintura madre o compresse

Per curare, scegliete la Tintura madre di erisimo: 30 gocce 3-4 volte al dì, in mezzo bicchiere d’acqua, fino a miglioramento.

Sciroppo

L’erisimo si presta anche alla preparazione di uno sciroppo casalingo, ideale per le bronchiti di bambini e anziani. Si fanno bollire 30 g di foglie e fiori in un litro d’acqua, aggiungendo 10 g di radice di Liquirizia, fino a riduzione di un terzo; si filtra, si aggiungono 200 g di miele e si cuoce a bagnomaria fino a consistenza di sciroppo. Da 1 a 2 cucchiaini 2-3 volte al dì, fino a miglioramento.

La puoi miscelare con:

Echinacea

Nelle bronchiti, raucedini e faringiti è ottima l’associazione con la tintura madre di echinacea: 30 gocce 3 volte al giorno.

Propoli

In caso di mal di gola, abbinatelo alla tintura idroalcolica di propoli: 20 gocce 2-3 volte al dì.

Malva

In caso di gengiviti e stomatiti, fate un colluttorio con la tintura madre (10 gocce) e l’infuso di malva (100 ml).

TAG
ERISIMO
RIMEDI
RAFFREDDORE
MAL DI GOLA
PREVENZIONE
BRONCHITE
ERBA
TOSSE
APPROFONDISCI
Cure naturali per tutta la famiglia
Cure naturali per tutta la famiglia

Un libro completo sulle cure naturali più efficaci e semplici da utilizzare ...

CONSIGLIATO PER TE
Un inverno senza influenza con i rimedi naturali
Un inverno senza influenza con i rimedi naturali

I preparati omeopatici, le essenze e le tisane che proteggono naso, gola, orecchie e bronchi

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?