Bellezza
Via la cellulite con le gemme di faggio e betulla

Contro la cellulite puntiamo sulle gemme, i germogli, e i getti più giovani: hanno la forza ineguagliabile della rinascita

Faggio e betulla, preziosi alleati contro la cellulite

Per permettere all'organismo di depurarsi appieno e rigenerare i tessuti in profondità, conquistando la leggerezza e riducendo gli inestetismi tipici della cellulite (causati da gonfiore, ritenzione idrica e adiposità), i rimedi naturali migliori sono gemme, germogli ed estratti acquosi di giovani piante. Questi rimedi custodiscono in sé la forza e il progetto dell'energia primaverile. Gli estratti freschi di betulla e faggio, alberi dotati di proprietà depurative, drenanti e snellenti, diluiti in acqua, applicati in bagni, frizioni e massaggi, durante questo mese esprimono il massimo delle loro capacità trasformative. Le parti della pianta in via di accrescimento, come germogli, linfa, giovani radici e foglie contengono sostanze rigeneranti uniche, che non troviamo nella pianta adulta.

 

La prima mossa per combattere la cellulite

Le gemme di betulla hanno un'azione diuretica e svolgono un'attività stimolante su un complesso di cellule disseminate in varie parti del corpo preposto all'eliminazione delle sostanze nocive che aprono la strada alla cellulite. Dalla loro macerazione si ottiene un potente drenante che regola il metabolismo e favorisce la rigenerazione dei tessuti, purificandoli. Ma il dono più prezioso e caratteristico che la betulla ci offre è la sua linfa. In primavera, quando la pianta ne è ricca, si incidono i tronchi di betulle giovani per estrarre un succo particolarmente ricco di betulina (ma anche di acidi organici, proteine, calcio, magnesio, potassio, manganese e fattori di crescita della pianta), una sostanza dotata di un'elevata attività antinfiammatoria e di straordinarie proprietà diuretiche e depurative che si trova in erboristeria.

Come fare

Per tre settimane assumi mezzo bicchiere di linfa di betulla al mattino a digiuno o diluiscila in un litro e mezzo d'acqua da sorseggiare durante la giornata. Quando la bevi favorisci l'attività del sistema del ricambio, stimolando l'eliminazione dei liquidi in eccesso e di tutte le sostanze nocive che portano alla formazione dei dolorosi accumuli adiposi e della cellulite.


La seconda mossa: fai un massaggio ogni giorno e addio cellulite

Ogni sera applica sulla pelle umida un olio agli estratti di giovani foglie di betulla (attivano il metabolismo dei liquidi e, in combinazione con preziosi oli vegetali come l'olio essenziale di albicocca e di germe di grano, hanno effetti leviganti) e al mattino un latte energizzante a base di estratti di faggio (decongestionante e tonificante: rassoda i tessuti) con movimenti diretti dal basso verso l'alto e dall'interno all'esterno del corpo.

 

La terza mossa: bagno e scrub con le foglie di faggio

Versa il decotto di gemme di betulla nell'acqua del bagno. Per favorire la disintossicazione massaggia il corpo con un pugno di foglie di faggio racchiuse in un sacchettino di tela, seguendo le direzioni delle principali vie di eliminazione delle tossine: verso le cavità ascellari, la regione inguinale, le dita delle mani e dei piedi. Inizia dal piede destro, strofinalo verso le dita, poi passa alla parte esterna della gamba fino al ginocchio dal basso verso l'alto e viceversa, imprimendo maggiore pressione quando il movimento è diretto verso il ginocchio. Passa alla parte interna della gamba e prosegui con la mano, l'avambraccio e il braccio destro. Ripeti sul lato sinistro, poi strofina le cosce in direzione dell'inguine e le braccia verso le cavità ascellari. Massaggia l'addome in senso orario.

APPROFONDISCI
Le combinazioni alimentari dimagranti

Il segreto per perdere peso è abbinare bene i cibi

CONSIGLIATO PER TE
Cibi sì e cibi no per dimagrire

Così acceleri il metabolismo, elimini il gonfiore addominale e vinci le intolleranze alimentari

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?