Come vincere la timidezza
L'aiuto pratico

Come vincere la timidezza

Per chi ne soffre, la timidezza sembra la peggiore delle condanne; eppure il modo migliore per vincerla è imparare a conviverci e trasformarla in una forza

Vincere la timidezza: è possibile?

Alzi la mano chi non ha pensato almeno una volta nella sua vita: "Ah! Se avessi detto questo al momento giusto", oppure: "Magari fossi come lui, brillante ed estroverso, sempre sicuro di sé". A qualcuno capita di pensarlo troppo spesso perché sia solo un caso legato alla circostanza: infatti non è un caso, è timidezza. Quelle persone che si sentono sempre fuori luogo e fuori tempo, che rimangono in silenzio e non riescono a esprimere la loro opinione per paura di sbagliare e di essere giudicate dagli altri, che diventano rosse solo se qualcuno posa lo sguardo su di loro, tremano e vorrebbero evitare le situazioni in cui sono giocoforza coinvolte.

Spesso chi è timido si imprigiona da solo!

Chi "soffre" ditimidezzaspesso si "paralizza" da solo, non si ritiene adeguato all'ambiente e in grado di comportarsi in maniera conforme alle richieste degli altri, ritenuti sempre superiori e di successo, arrivando a privarsi anche delle esperienze quotidiane piacevoli. Attenzione: la timidezza eccessiva non è una caratteristica innata! Diventa eccessivamente timido chi si impedisce di vivere e agire liberamente nel rispetto dei suoi tempi e della sua natura, ogni volta che si sforza di aderire ai clichè e agli stereotipi che ci vogliono sempre sicuro e socievole. Eccesivamente timida è la persona che si imprigiona in schemi mentali rigidi, ritenendoli perfetti, e in determinate circostanze non può far altro che nascondersi dietro la timidezza. Imparate a considerarla non solo un difetto, ma anche una risorsa che viene in vostro soccorso e, parlando di voi attraverso il linguaggio del corpo, vi permette di esprimere ciò che a voce non siete ancora in grado di fare.

Per vincere timidezza e insicurezza non serve il pensiero

"Se dico questo mi criticheranno, se dico quest'altro sarò giudicato o rideranno di me". Sono preoccupazioni inutili: nessuno ti sta guardando più di quanto non lo stia facendo tu stesso. Gli altri non sono nemici da combattere e non entrano in relazione con te sperando in un tuo errore. Tutti questi pensieri ti portano a rimanere bloccato in situazioni che giudichi "a rischio" e la timidezza non è altro che uno scudo.

I modelli ti fanno sentire inadeguato

Quante volte ti sei sentito dire: "Come sei timido!" o tu stesso l'hai pensato. Cancella le definizioni: sei sempre diverso e se a volte ti sei comportato da timido, non necessariamente lo sei in ogni circostanza. Non farti condizionare dai pregiudizi e butta via quel metro troppo rigido con il quale ti giudichi, alla ricerca di una perfezione che non esiste.

Le convinzioni errate bloccano l'istinto

Consideri la timidezza un difetto e hai paura che ancora una volta possa prendere il sopravvento. Anticipi con la mente la situazione che ti vedrà coinvolto e prepari le parole da dire. Questo forzo ti impedisce di essere rilassato e non appena qualcosa sfuggirà alle tue previsioni, ti "bloccherai". Non preparare il futuro. È l'atteggiamento giusto per fronteggiarlo.

Le cose da fare: anche il silenzio ha i suoi "diritti"

Vai in ansia perché pensi di dover parlare a tutti i costi. Ma chi l'ha detto? Non riesci a parlare? Taci! Temi che giudicheranno male il tuo mutismo? Pazienza. Rilassati, accetta il tuo silenzio, spegni i giudizi tuoi e altrui. Piano piano scoprirai che le parole vengono quando pare a loro. E scopri che chi tace acquisisce... fascino!

Osserva gli altri: non sono degli dèi

Se ti accade di sentirti debole e inadeguato, limitati a osservare. Guardati intorno con attenzione e noterai che gli altri non sono perfetti e fanno i conti ogni giorno con le loro fragilità, che non sono migliori di te, sono solo diversi. Le tue "imperfezioni" sono risorse e territori da esplorare: sii più tollerante con te e con la tua timidezza.

Ritrova il gusto del gioco

Torna un po' bambino, non temere le tue reazioni, anche quelle inaspettate; questo ti permetterà di scoprire ogni giorno nuove parti di te a cui potrai fare ricorso ogni volte che ti troverai in una situazione che ti blocca e in cui non ti senti a tuo agio.

L'esercizio: il timore svanisce se lo vesti da clown

  • Se è la situazione che ti mette a disagio
    Ritorna con la mente a quella volta in cui ti sei sentito bene, hai lasciato libero il tuo lato più socievole e non sei stato timido, concentrati solo sulle sensazioni che hai provato e riporta il benessere di allora alla situazione di oggi. Questo ti darà l'energia e la tranquillità per affrontare le circostanze rispettando te stesso.
     
  • Se è l'interlocutore
    Prova a immaginarlo con un vestito buffo oppure come quel personaggio dei fumetti che da bambino ti piacevo tanto; ti accorgerai così che la persona che hai di fronte non è né un orco né un nemico e tu acquisterai la leggerezza necessaria per parlare con lui.
TAG
TIMIDEZZA
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
Vinci i disagi della vita di tutti i giorni
Vinci i disagi della vita di tutti i giorni
Come eliminare ansia e panico, fare pace con se stessi, superare i conflitti e le sofferenze d’amore, trovare armonia e benessere nei rapporti con gli altri
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?