Ansia
Paura di volare: come vincerla con la psicologia

La paura di volare è molto comune, ma superarla è possibile: questa fobia in realtà c'entra poco con gli aerei e molto col bisogno di controllo.

L’aerofobia o aviofobia è la paura di volare sugli aerei e rappresenta un disturbo molto diffuso. Solitamente prevede sintomi psicosomatici accompagnati da pensieri negativi sull’esito del viaggio. In realtà i dati statistici indicano come l’aereo sia il mezzo di trasporto più sicuro e che la probabilità di morire in un incidente aereo è davvero bassissima: solo di 1 su 11 milioni. Eppure, questo ragionamento è poco utile se si ha paura di volare...

Paura di volare o paura... della vita?

La difficoltà a lasciare fisicamente la terra sotto i piedi indica il timore inconscio di perdere il controllo, di lasciarsi andare nella vita, accettandone anche la parte ignota e imprevedibile. Le persone che soffrono di aerofobia tendono a tenere sempre tutto sotto controllo, senza lasciare spazio all’inevitabile incertezza delle situazioni: tutti sanno che non è possibile programmare un piano di fuga da un aereo in volo, e buttarsi fuori sarebbe inutile. Inoltre, volando in aereo ci si deve necessariamente affidare ad altri; la paura di volare può quindi nascondere anche la difficoltà a fidarsi degli altri, volendo restare ben saldi alle proprie convinzioni.

LEGGI ANCHE Sconfiggi l'ansia con la tecnica del vuoto

Per il grande psicoanalista Carl Gustav Jung, l’immagine moderna dell’aereo racchiude il significato simbolico dell’immagine antica dell’uccello. Proprio come i volatili devono imparare a spiccare il volo per riuscire a procurarsi il cibo da soli, allo stesso modo imparare a staccare i piedi da terra (e la mente dal controllo) risulta necessario per evolvere.

Per spiccare il volo devi accettare il vuoto

Ma come si fa a lasciarsi andare? Una buona strategia è fare spazio alle sensazioni di vuoto in altri momenti della giornata. Un utile esercizio immaginativo da fare più volte prima di prendere un aereo è questo: siediti comodamente e chiudi gli occhi. Immagina di essere su un aeroplano che sta per decollare. Intorno a te senti il vuoto accompagnato dal rumore del carrello in movimento. Ad un certo punto una persona cara ti prende la mano, tu non la vedi ma sai che c’è, la percepisci ed è amorevole.

È lì con te e ti sta accompagnando nel vuoto, infondendoti il suo calore. Subito una sensazione di piacere e serenità ti pervade e ti senti al sicuro, mentre i tuoi piedi si stanno lentamente alzando da terra. Hai lasciato lì in basso il controllo e le certezze, ora hai spiccato il volo e il vuoto è tuo amico. Una volta salito in aereo lasciati andare all’infinito del cielo, uno spazio vago e sognante. Sei letteralmente fra le nuvole, qual miglior luogo per lasciarsi ispirare e volare anche con l’immaginazione?

APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica

Riza Psicosomatica è il primo mensile di psicologia in Italia, diretto...

CONSIGLIATO PER TE
Come interpretare il linguaggio del corpo (eBook)
Sguardi, gesti e posture rivelano le intenzioni nascoste di chi ti sta di fronte. Così puoi stare alla larga dalle persone sbagliate
AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?