L'aiuto pratico
La paura ti paralizza? Così la superi

Ci sono persone o situazioni che hanno il potere di immobilizzarci, sopraffatti dalla paura: con l'immaginazione, superi la "paralisi psicologica" ed evolvi

Tutti conoscono l'antico mito greco di Medusa, il demone che aveva il potere di pietrificare chiunque avesse incrociato il suo sguardo; fu l'eroe Perseo, aiutato da Atena e Hermes, a tagliarle la testa che fu poi donata dall’eroe greco alla Dea la quale la pose sul suo scudo. Medusa rappresenta dunque nell’immaginario comune qualcosa o qualcuno che atterrisce e pietrifica ma è anche colei o colui che raggela emozioni e sentimenti, fa diventare di pietra – ossia fissa in modo sottile ma duraturo – uno stato emotivo e condanna una personalità alla stasi, alla mancanza di evoluzione. Nel libro cinese dei Mutamenti (Tao Te King) questo stato è chiamato il “Ristagno”, di cui Medusa è appunto la guardiana: la paura che incute crea un vero e proprio blocco emotivo dal quale però si può uscire...

Vedi anche: la paura si supera...guardandola!

Tutti incontrano almeno una paura paralizzante nella vita

E’ capitato a chiunque di incontrare, nel corso dell'esistenza, una o più persone che “pietrificano” il nostro modo di sentire e percepire, oppure aver subito una situazione che impedisce l’evoluzione, l’adattamento alla realtà, lo scambio emotivo proficuo con le persone che incontriamo o con le quali viviamo. La Medusa è ciò che ci arresta nello sviluppo della nostra personalità, toglie sensibilità alle nostre risposte emotive, gela gli slanci e spegne l’empatia. Nei casi più gravi ci porta vicini all’apatia e alla depressione, vittime apparentemente impotenti della nostra paura.

Per combattere questa paura occorre uno scudo... immaginario!

Come si combatte Medusa? Un buon indizio e un aiuto lo dà proprio L'antico eroe Perseo: per difendersi, la guarda riflessa sullo scudo lucidissimo regalatogli da Atena, mai negli occhi! Se guardarla in faccia, affrontarla direttamente, è pericoloso e dannoso (non si può affrontare psicologicamente ad armi pari un qualcosa che già ci ha ferito e costretti all’immobilità) allora guardiamone il riflesso: adoperiamo l’immaginazione. E’ lei il nostro scudo lucido. 

Disegnare Medusa per sconfiggere la paura 

Proviamo dunque a raffigurare la persona o la situazione che riteniamo ci abbia “pietrificato”, facciamone un disegno: non è necessario che sia esteticamente bello, va bene anche uno scarabocchio, purché in esso appaiano il gelo, lo spavento, la rabbia, l’impotenza – emozioni spesso represse - che avvertiamo nel nostro intimo quando abbiamo a che fare con "il mostro". Occorre ricordare che non dobbiamo affrontare niente direttamente: non è necessaria la forza, né la volontà poiché non è con un atto consapevole e volitivo che si potrà mai superare una paura, un blocco emotivo. 

Se ne vedi il riflesso, sei già oltre la paura 

Vedere con l’immaginazione il riflesso di ciò che non si può combattere è l’inizio del movimento che porterà fuori dalla palude. E poi, che fare di quel disegno? Quel che fece Perseo con il falcetto diamantino datogli da Hermes: il foglio è da stracciare, la testa serpentina della Medusa si può recidere. Il sangue torna a scorrere, gli arti sono più sciolti, timidamente arriverà qualche idea, qualche immagine: l’incantesimo si sta sgretolando. Poi, con calma si potrà decidere – ma la decisione deve nascere spontaneamente come un filo d’erba dal terreno – che non si vuole più avere a che fare con quella situazione, con quella persona che ci hanno pietrificato. In questa fase ci basti ricordare che le nostre risorse interiori sono maggiori e più forti di quanto si pensi. 

L'importanza degli aiuti giusti 

Perseo nella sua impresa fu aiutato dalla Dea Atena e da Hermes, due Dei che rappresentano aspetti potenti del nostro Sé e che l’immaginazione può evocare per sconfiggere ciò che ci ha reso di “pietra” e superare una situazione che ci fa paura e ci rende inermi, privi di forze. Medusa è un mostro terrificante ma prima di diventarlo era una donna qualunque: dopo che Perseo recise la sua testa, ovvero il suo aspetto di terrore, dal  corpo di Medusa uscirono Pegaso, il cavallo alato e un gigante; così riporta la mitologia ma si può dire in chiave psicologica, che una volta usciti dall’immobilità grazie anche all’immaginazione, la vita riprende a scorrere e si può di nuovo volare, e che già nell’istante di consapevolezza in cui ci si rende conto della nostra “pietrificazione”, della nostra stasi, è già presente il germe del movimento, il seme della vita  che riprende a crescere aprendoci a nuove possibilità.

APPROFONDISCI
Il dizionario dei sogni
Le immagini oniriche ci dicono chi siamo e cosa vogliamo per davvero
AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?