Vita in famiglia
Il tuo bambino dice le bugie? Vuol dire che è sano

Le bugie dei bambini non sono la prova di un fallimento educativo dei genitori, ma un meccanismo fondamentale che serve ai piccoli per crescere e imparare

I bambini piccoli sono bravissimi a dire le bugie; lo fanno con un candore sorprendente, come se ci credessero davvero. Per capire il loro modo di fare dobbiamo chiederci: e se fosse proprio così? Se i bambini vivessero in una dimensione dove non domina la razionalità, dove le cose mutano continuamente e quindi la verità come noi la intendiamo "non esiste"? In questo cas, le preoccupazioni dei genitori, che si sentono traditi di fronte alle bugie dei figli, potrebbero rivelarsi infondate.

Cosa ci insegnano le bugie dei bambini

Le bugie sono una tipica espressione dell'animo infantile, cioè di un'energia creativa e magica cui sta stretta la realtà degli adulti, fatta invece spesso di luoghi comuni e di un modo limitato di vedere le cose. I bambini abitano orizzonti dove tutto è possibile, sanno vivere la fantasia a 360 gradi. Prima di inquietarci per le bugie, e prima di qualsiasi contromisura, addentriamoci nel loro mondo incantato. Scopriremo che i bambini imparano inventando e quindi... mentendo!


Come pensano, perché dicono le bugie

I bambini, esattamente come fanno con i mattoncini per le costruzioni, montano e smontano i fatti. Cambiano i protagonisti di una storia, eliminano gli elementi di disturbo, li spostano nel tempo, si attribuiscono doti che non hanno. Le bugie dei bambini sono figlie di questo mondo fantastico dove tutto può avvenire. Quando negano di aver mangiato la merendina, nascondono un oggetto che hanno rotto o inventano di aver finito i compiti, vorrebbero, come per magia, accontentare contemporaneamente se stessi e i genitori. Il "far finta", la dissimulazione e le bugie sono quindi indispensabili. Si tratta di un adattamento alla vita, un modo per comunicare e per apprendere.


Quando dobbiamo preoccuparci per le loro bugie

Il problema delle bugie sorge solo quando l'alterazione della realtà presente nei loro racconti nasce da traumi, ansia, forte paura di non essere accettati. In questo caso, e solo in questo caso, occorre indagare più a fondo. Anche in questi casi, non sono le bugie in sé il problema, anzi essa è un campanello d'allarme prezioso per un problema che sta a monte.

L'atteggiamento giusto

È importante adottare con i bambini un atteggiamento che non faccia pesare su di loro un eccesso di aspettative. Non chiediamo loro "missioni impossibili" come quella di aderire al modello di perfezione che noi abbiamo in mente per loro. Più li vogliamo puliti, ordinati, diligenti, "bravi", più li invitiamo a mentire per dar vita a un'altra realtà, quella in cui loro riescono a soddisfare tutte le aspettative dei genitori.

  • Chiediamoci: sono bugie gravi? Domandiamoci sempre se vale la pena di far notare loro le bugie che hanno detto: spesso sono solo innocenti invenzioni.
  • Non giudichiamoli: Non etichettiamo un bambino come bugiardo: rischiamo di farlo sentire tale e, nel tempo, di farlo diventare così come il nostro giudizio l'ha etichettato.
  • Se c'è un problema: Cerchiamo di capire perché ha mentito. Se le bugie nascondono un problema, proponiamo una soluzione alternativa. 
  • Nessuna punizione: Evitiamo di punirlo per una piccola bugia, innescheremmo la spirale delle bugie per evitare nuove punizioni.
APPROFONDISCI
A tu per tu con Raffaele Morelli

Quante volte avremmo voluto chiedere un consiglio a Raffaele Morelli sui prob...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?