Dimagrire
Salumi: quali mangiare se devi dimagrire

Per alcune persone è difficile rinunciare ai salumi, che possono contenere però troppi grassi e sale in eccesso: ecco quali preferire quando sei a dieta

Stai cercando di perdere peso ma ti è difficile per tanti motivi rinunciare ai salumi? Ti aiutiamo nella scelta. I salumi e gli affettati rappresentano una soluzione rapida per chi è a dieta, ma non tutti sono uguali. Due sono le questioni da valutare: il contenuto di grassi e quello di sale. Devi evitare innanzitutto gli insaccati come il salame, la mortadella, le salsicce e i wurstel: si tratta di un mix di carne, grasso, aromi e additivi che viene appunto “insaccato” in budelli animali o sintetici. Questi salumi non sono indicati se devi dimagrire poiché il loro contenuto lipidico è davvero molto elevato. Si tratta poi di grassi saturi, i meno adatti al dimagrimento e i più dannosi per la salute. Anche gli insaccati fatti con carni bianche, come i wurstel di pollo o tacchino, hanno lo stesso problema.

Leggi anche: scopri i salumi sani e leggeri

Preferisci i salumi di carni bianche

Una valida alternativa ai salumi classici sono gli affettati di carni bianche, meno lavorati. Gli affettati di tacchino o pollo rappresentano davvero un’ottima scelta se sei a dieta. Hanno poche calorie (circa 110 Kcal ogni 100 g), pochissimi grassi (solo il 2-4%) e quasi la metà del sodio che è contenuto in altri salumi. Puoi quindi consumarli più tranquillamente rispetto ai salumi tradizionali e sostituirli a una porzione o due alla settimana di carne bianca. Sceglili biologici, cosa che garantisce l’assenza di additivi chimici e rende la carne ancora più sana

Attenta al sale, che ti fa gonfiare

I salumi apportano una notevole quantità di sale, che favorisce ritenzione e cellulite. È questa una delle ragioni che ti deve spingere a consumare anche i più magri e comunque saltuariamente. Anche le scelte considerate migliori possono ingannare: la bresaola contiene 2790 mg di sale ogni 100 g, il prosciutto crudo 1284 mg all’etto). Quando li consumi come secondo piatto, abbina 100 g di bresaola, tacchino o prosciutto crudo magro ad abbondanti verdure crude, soprattutto insalate a foglia verde o rossa, ricche di antiossidanti che contrastano la presenza di nitrati e nitriti dovuti alla conservazione della carne. Condisci con abbondante succo di limone, anch’esso un ottimo antiossidante e in più capace di favorire l’eliminazione del sale attraverso le urine. Se vuoi utilizzare i salumi per colazione affiancali a una fetta di pane integrale tostato e a una macedonia di frutta fresca.

“No” ai salumi che hanno zuccheri aggiunti

Per il confezionamento di affettati e salumi si utilizzano un gran numero di ingredienti e tra questi vi è anche… lo zucchero! Proprio così: fruttosio e destrosio vengono aggiunti per dare un sapore migliore al prodotto. Si tratta però di salumi di bassa qualità, che diventano così più dolci e gradevoli. Attenzione anche ad amidi e polifosfati, che trattengono l’acqua e abbassano la quantità di proteine presenti, la componente principale per cui i salumi hanno un ruolo importante nel dimagrimento. I polifosfati, inoltre, ostacolano la corretta assimilazione dei minerali, soprattutto calcio e ferro, prezioso contro la cellulite perché favorisce l’ossigenazione dei tessuti. Infine, se soffri di gonfiori o intolleranze, controlla che in etichetta non siano presenti glutine e lattosio.

APPROFONDISCI
Il tuo weekend bruciagrassi

Come perdere 3 kg in 3 giorni

CONSIGLIATO PER TE
DimagrireExtra: La straordinaria dieta dei frullati

Bevendo frutta e verdura perdi peso senza fatica

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?