Il cioccolato fondente aiuta chi è a dieta
Dimagrire

Il cioccolato fondente aiuta chi è a dieta

È una miniera di sostanze benefiche e migliora il microcircolo facendo aumentare la massa magra: ma il cioccolato fondente, è anche molto ricco di antiossidanti.

Il cioccolato è il dolce che mette d’accordo la maggior parte dei golosi, ma è anche un alimento prezioso se c’è l’esigenza di smaltire qualche chilo. Sì, perché il cioccolato, che si ottiene dal burro del cacao e dalla polvere tostata dei suoi semi, è una vera miniera di antiossidanti e polifenoli. Ovviamente si deve trattare di cioccolato di qualità, con un’elevata percentuale di cacao e poco zucchero, che apporta anche proteine, lipidi, carboidrati, minerali e vitamine. Se consumato in piccole dosi (non più di 4 quadratini di tavoletta al giorno), mai da solo e mai a digiuno (altrimenti alza la glicemia), il cioccolato ci fornisce la giusta carica per mantenere alto il metabolismo per tutta la giornata.

Cioccolato, l'alleato in più del buonumore

Il cioccolato fa bene anche al cuore e al cervello

Il cioccolato non è solo un alimento energizzante: grazie ai suoi principi attivi fa bene al cuore, alla circolazione e al cervello, e aiuta a combattere ristagni, flaccidità e fame nervosa. Tra i suoi principi attivi ci sono anche caffeina, tiramina, theobromina, serotonina, feniletilammina. La theobromina, in particolare, è un buon tonico cardiaco, stimola la vasodilatazione delle coronarie e ha un’azione diuretica; la serotonina, liberando le endorfine, migliora l’umore ed è utile nei momenti di tristezza e nelle sindromi premestruali che ci spingono a ricercare i dolci, mentre la feniletilammina è un sedativo rilassante naturale che fa dimenticare la fame...

Il cacao abbassa il colesterolo e combatte l'adipe

Il miglior cioccolato è sempre quello “amaro”

Fra le sostanze contenute nel cioccolato, una delle più importanti è l’epicatechina che, favorendo l’afflusso del sangue al cervello, agisce sulla memoria e la concentrazione e contribuisce a tener lontana la fame nervosa. L’epicatechina si trova solo nel cacao amaro, ovvero nel cioccolato fondente; nel cioccolato dolce (al latte) questa sostanza viene eliminata, così come nel cioccolato bianco, dove non c’è traccia di polvere di cacao. Un’altra sostanza antiossidante è la procianidina che ha un’azione protettiva sulle cellule e contribuisce a conservare tonici e sodi i tessuti. Ma non è tutto. Perché i principi attivi del cacao, in concorso con l’azione dell’acido stearatico, contenuto nel burro di cacao hanno un effetto antinfiammatorio, aumentano il colesterolo buono (HDL), riducono quello cattivo (LDL) e i trigliceridi.

Non assumerlo a stomaco vuoto o tardi la sera

Il momento migliore per consumare il cioccolato è a metà mattina o a metà pomeriggio, quando il metabolismo è ancora abbastanza attivo per bruciare le calorie introdotte col dolce. Ne basta un assaggio (10 g), che andrà sempre accompagnato con frutta, semi oleosi o cereali grezzi. È meglio preferire il fondente, magari aromatizzato al ginseng (o al peperoncino) che scioglie i depositi adiposi e conferisce un immediato senso di sazietà.

Sceglilo con almeno il 45% di cacao

Il cioccolato di qualità è preparato da polvere secca di cacao bio (fino al 70%), burro di cacao (circa 20%) e zucchero grezzo di canna. Talvolta viene aggiunto un aroma naturale, come la vanillina. In etichetta non dovrebbero comparire additivi, aromi né grassi aggiunti. Tra le varietà di fondente, l’extra è quello che contiene almeno il 45% di polvere di cacao e almeno il 28% di burro di cacao. Il cioccolato più ricco di flavonoidi è l’extra bitter che contiene il 70-80% di cacao. Possiede inoltre più fibra rispetto a quello al latte, e ha meno grassi. Bisogna dunque leggere sempre con attenzione gli ingredienti indicati sulle confezioni. Nel cioccolato scadente vengono aggiunti aromi e additivi e, al posto del burro di cacao, sostanze grasse di dubbia provenienza. Il cioccolato preparato con margarine o, in sostituzione dello zucchero, con edulcoranti artificiali, è da evitare. La margarina è un grasso idrogenato e sarebbe consigliabile non consumarne dosi troppo consistenti.

TAG
CIOCCOLATO
CACAO
FONDENTE
APPROFONDISCI
L'indispensabile cacao
L'indispensabile cacao
Come scegliere il cioccolato giusto per proteggere cuore e cervello
CONSIGLIATO PER TE
Dimagrire
Dimagrire

Dimagrire è la rivista con i consigli pratici per non ingrassare e perdere peso.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?