Tosse da primavera ballerina? Prova il decotto di peonia
Sos salute

Tosse da primavera ballerina? Prova il decotto di peonia

Gli sbalzi di temperatura fiaccano le vie respiratorie innescando unan fastidiosa tosse: con gli estratti di questa pianta rinforzi le difese e torni a dormire

Nella Cina Imperiale, molti secoli prima di Cristo, la peonia era amata alla follia dall’Imperatore che la considerava simbolo di nobiltà e raffinatezza e pagava una fortuna a chiunque gli presentasse una nuova varietà. Ancora oggi in Cina la peonia è considerata la “regina dei fiori”. In Europa invece, la notorietà di questo fiore bellissimo risale alla mitologia greca che, racconta Teofrasto, attribuiva il suo nome al medico Peone che - utilizzando le radici della pianta - guarì Plutone da una brutta ferita infertagli da Ercole.

Prepara così il tuo decotto anti tosse

Per il suo effetto calmante, la peonia è indicata nei casi di tosse convulsa (una volta veniva inserita negli sciroppi): quando siamo affetti da quei colpi di tosse, soprattutto notturni, che ci lasciano stremati, possiamo preparare una tisana di peonia che disinfiammerà le mucose e rilasserà la pareti irritate della gola. Per fare il decotto, utilizzate i fiori essiccati che trovate in erboristeria: mettetene un cucchiaio in un pentolino d’acqua fredda, accendete il fuoco e aspettate l’ebollizione. A quel punto abbassate la fiamma e lasciate bollire per una decina di minuti. A questo punto spegnete e fate riposare sino a che il decotto diventa tiepido, filtrate e bevetene una tazza al mattino e soprattutto una la sera, prima di coricarvi. E finalmente, placherete la tosse e riuscirete a riposare durante tutta la notte.

LEGGI ANCHETosse nervosa, una lettura psicosomatica: guarda il video

Oltre alla tosse, allevia colite e mestruazioni dolorose

Le virtù terapeutiche della peonia erano conosciute anche dagli antichi Romani presso i quali, nel corso dei secoli, la peonia assunse una valenza quasi magica, sino a essere utilizzata perfino per scacciare... gli spiriti maligni! In particolare Galeno, famoso medico vissuto a Roma nel secondo secolo dopo Cristo, le attribuì straordinarie virtù antiepilettiche, utilizzandone le radici a mo’ di amuleto da tenere appeso al collo. Al di là di queste credenze superate, in effetti i “rizomi” di peonia (ovvero le sue radici) contengono la peonina, che agisce sulla muscolatura liscia ed è un principio antispasmodico, lo stesso che agisce contro la tosse. Per questo motivo i preparati di peonia - ad esempio il decotto che abbiano descritto poche righe sopra, possono essere utilizzati in caso di colite o di sindromi mestruali dolorose. Occorre berne tre tazze al giorno dopo i pasti, fino a remissione del sintomo.

Olio di peonia, vero elisir per pelli disidratate

Dai semi della peonia si spreme anche inoltre un olio dalla texture vellutata, che può essere applicato sulla pelle del viso ben pulita per ritardare la comparsa dei segni di invecchiamento e per compensare la perdita di idratazione. Va utilizzato ogni sera.

TAG
TOSSE
APPROFONDISCI
Salute Naturale
Salute Naturale

La rivista che propone un modo nuovo di prendersi cura della propria salute

CONSIGLIATO PER TE
Il dizionario dei disturbi e dei rimedi naturali
Il dizionario dei disturbi e dei rimedi naturali
Come affrontare i disagi più comuni senza effetti collaterali
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?