Erbe e fitoterapia
Con l'eucalipto ti liberi dalla tosse

Grazie al potente effetto disinfettante e fluidificante, l’eucalipto allevia gli stati infiammatori e influenzali, contrasta tosse e bronchite, allevia i dolori e protegge denti, pelle e capelli

L’Eucalipto è un genere originario dell’Oceania e appartenente alla famiglia delle Mirtacee che raggruppa centinaia di specie, tra queste l’Eucalipto radiata e globuloso sono utilizzate in fitoterapia. Diffuso nelle regioni tropicali e subtropicali, l’Eucalipto è un albero dl fusto liscio e le foglie allungate che può raggiungere i 90 metri di altezza. I suoi fiori sono a forma di coppa con petali chiusi su se stessi, da cui il nome eucalipto che, in greco, significa “nascosto bene”. Anche i frutti sono capsule contenenti molti semi. L’Eucalipto è caratteristico per l’alto contenuto di acqua che assorbe attraverso le radici; la pianta viene perciò coltivata per drenare i terreni, mentre le foglie rappresentano il nutrimento esclusivo per il koala che assume così gran parte dei liquidi necessari alla sua sopravvivenza. Importato in Europa come pianta ornamentale, solo nel XIX secolo vennero rivelate le sue proprietà benefiche per le vie aeree, già ben note agli aborigeni. Ma si è rivelato anche un ottimo disinfettante.

 

I principi attivi

L’eucalipto contiene un fitocomplesso ricco in eucaliptolo, insieme a terpeni (pinene, canfene, fellandrene), aldeidi, polifenoli (acido gallico, acido ferulico, acido gentisico), flavonoidi (rutoside, iperoside) e tannini. Questi principi attivi conferiscono alla pianta un'azione balsamica, fluidificante ed espettorante delle secrezioni catarrali delle vie respiratorie.

 

Proprietà e formulazioni dell’eucalipto

Le sue principali proprietà riguardano l’apparato respiratorio, digerente e urinario, oltre a pelle e capelli. L’azione balsamica, espettorante e fluidificante aiuta in caso di affezione delle vie aeree, per esempio mal di gola, bronchite, tosse, polmonite. Come antisettico è indicato per ridurre la febbre e contrastare gli stati influenzali e le infezioni fungine, oltre che per disinfettare le vie urinarie. Agisce inoltre come astringente, digestivo e antispasmodico utile per lenire le infiammazioni delle mucose dell'apparato digerente e della pelle oltre a proteggere dalla carie e dai pidocchi.L’eucalipto si utilizza prevalentemente in olio essenziale, ma anche come infuso, decotto e tintura madre. Vediamo insieme le preparazioni erboristiche tratte dalle foglie di Eucalipto e più adatte per ogni sintomo e come assumerle.

Rinite e sinusite: si utilizza l’olio essenziale di Eucalipto, da diffondere nell’ambiente o inalare, con effetto espettorante e balsamico sulle vie aere e disinfettante dell’aria. Per preparare de suffumigi, bastano 3 o 4 gocce di olio diluite in un bicchiere grande di acqua bollente oppure qualche foglia di eucalipto in acqua fredda da portare ad ebollizione.

Bronchite: ideale in infuso e in tintura madre, di cui assumere 1 cucchiaino da caffè, diluito in 100 ml di acqua, 2 volte al giorno.

Tosse: eseguire un massaggio a livello del plesso solare con due gocce di olio essenziale di Eucalipto.

Stati febbrili e influenzali: vengono alleviati dall’infuso di Eucalipto che si prepara con 3 o 4 foglie per ogni tazza di acqua bollente, lasciando in infusione per 10 minuti. Bere fino a 3 tazze al giorno.

Dolori reumatici e cefalea: massaggiare localmente con olio essenziale di Eucalipto, diluito in olio di mandorla dolce, agisce inoltre contro i reumatismi e il mal di testa grazie alla proprietà vasodilatatrice che migliora il flusso circolatorio.

Ustioni, tagli, infezioni della pelle ed herpes labiale: migliorano grazie all’azione cicatrizzante della tintura madre da applicare localmente.

Pidocchi: frizionando i capelli con qualche gocce di olio essenziale, anche allungato in olio d’oliva, si ottiene un effetto pesticida naturale contro i pidocchi, sicuro per il cuoio capelluto. Qualche goccia insieme allo shampoo rende invece i capelli più morbidi e brillanti regolando la secrezione di sebo nel cuoio capelluto.

Carie: usando collutori e dentifrici a base di eucalipto si ha un’azione disinfettante contro l’attività dei batteri che causano carie, placca e gengiviti. Per effettuare dei risciacqui orali, basta preparare un decotto con mezzo cucchiaino di foglie essiccate di Eucalipto da portare in ebollizione in una tazza d’acqua e far poi riposare per 8 minuti e raffreddare.

Stanchezza mentale: ottimo come stimolante, l’Eucalipto contrasta stress e apatia se diffuso nell’ambiente

 

Controindicazioni

Sebbene l’Eucalipto non abbia particolari controindicazioni, va assunto sotto controllo medico rispettandone la posologia e il periodo di trattamento. Se in eccesso, può nuocere ai reni o provocare nausea, vomito o diarrea. L’uso dell’Eucalipto, specie dell’olio essenziale, è da evitare nelle donne incinte, durante l’allattamento e nei bambini di età inferiore ai 4 anni.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?