Sos salute
Tosse: coi rimedi naturali passa prima

La tosse è una difesa del corpo e “scatta” quando le vie respiratorie devono scacciare un intruso: i rimedi naturali non la eliminano, ma rimuovono le cause

La tosse è un meccanismo spontaneo messo in campo dall’organismo per liberarsi di ciò che ostruisce o irrita le vie respiratorie, dal muco alle minuscole particelle di cibo, polvere o sostanze irritanti di qualunque genere. Per evitarla è importante innanzitutto capirne la natura, perché non sempre la tosse è dovuta a infezioni respiratorie o corpi estranei. All’origine di un’irritazione della gola possono esserci anche infiammazioni gastriche (reflusso) o un’iperreattività delle terminazioni nervose della gola su base ansiosa.

Vedi anche: tosse nervosa, un'interpretazione psicosomatica

Ontano, belladonna e malva spengono la tosse secca

Malva sylvestris è il rimedio più indicato per la tosse secca. Lo sciroppo è ricavato da foglie e fiori ricchi di zuccheri e mucillagini che si stendono sulle mucose come un benefico gel protettivo, isolandole dai fattori irritativi, compresi gli acidi dello stomaco. Se ne assume un cucchiaino al bisogno. Quando alla tosse secca si associano febbre alta, dolori pungenti al torace, viso arrossato e sudorazione intensa, i rimedi da mettere in campo sono il macerato glicerico di ontano, nella dose di 50 gocce diluite in poca acqua naturale prima di colazione, e l’omeopatico Belladonna 9 CH, 3 granuli quattro volte al giorno, fino a miglioramento.

Fluidifica così la tosse con catarro 

La produzione di muco nei bronchi serve a umidificarli e a inglobare le particelle inalate prima che raggiungano i polmoni per espellerle, ma quando il muco è troppo denso staccarlo dalle mucose diventa difficile e interviene la tosse “grassa”. In questi casi occorre lo sciroppo di lumaca: non c’è niente di meglio di questo fluidificante naturale per liberarsi dal catarro troppo denso, da assumere nella dose di un cucchiaio da tavola tre o più volte al giorno. L’omeopatia consiglia poi antimonium tartaricum quando la tosse è accompagnata da produzione di muco denso e stagnante con difficoltà a espettorare. Lo stimolo peggiora con il calore e sdraiandosi sul dorso, migliora stando seduti. Dosi: 9 CH, 5 granuli 3 volte al giorno, fino a remissione.

Tosse ansiosa: calmala con i fiori di Bach

Il miglior rimedio in questi casi è una diluizione di fiori di Bach composta da Holly, Mimulus, Star of Bethlehem, Honeysuckle e Walnut, da assumere per un mese nella dose di 4 gocce quattro volte al giorno, lontano dai pasti. Ignatia amara è invece il rimedio omeopatico indicato per le tossi convulse di natura psicogena che insorgono in situazioni stressanti, come problemi lavorativi, relazionali o familiari, delusioni affettive, lutti, e che migliorano uscendo o distraendosi. Si assume alla diluizione 15 CH, due granuli ogni 15 minuti fino a risoluzione.

APPROFONDISCI
Depura il fegato con i rimedi verdi

Così rigeneri tutto l'organismo e ringiovanisci le cellule

CONSIGLIATO PER TE
I magnifici 4 rimedi della nonna

Sono olio, limone, acqua e bicarbonato:come usarli per la salute e la cosmesi

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?