Al lavoro non riesco a impormi
Tu | fiducia in se stessi

Al lavoro non riesco a impormi

Se anche a te capita di non riuscire a dire la tua in ufficio per paura o insicurezza, c'è una strategia che puoi mettere in campo: eccola

Mario scrive a Riza Psicosomatica:

“Ho deciso di scrivervi perché devo riuscire a gestire qualcosa che secondo me è la causa dei miei insuccessi lavorativi. Quel qualcosa è la mia mancanza di personalità: facendo un esempio molto banale, in una discussione lavorativa, anche se ho ragioni da vendere non le so spiegare, mi blocco, mi sento immediatamente inadeguato, sbagliato e finisco per acconsentire o addirittura a chiedere scusa. Le persone costruiscono un mondo con le parole invece io rimango bloccato quando avrei tanto da raccontare."

LEGGI ANCHESei razionale, spontaneo o ansioso? Fai il test per scoprirlo

Le convinzioni sono gabbie, anche sul lavoro

Le convinzioni stanno agli antipodi del benessere interiore; le più dannose sono quelle su noi stessi. Non ce ne rendiamo conto, ma ogni volta che ci definiamo ci stiamo limitando, confinando, ingabbiando. Mario crede di non avere una personalità, o meglio crede di non avere "carattere" e che questa mancanza sia la causa dei suoi insuccessi sul lavoro. Una convinzione errata come la stragrande maggioranza delle convinzioni: a nessuno manca il carattere, ma esistono molte personalità differenti, a volte diversissime fra loro. Il problema è che, a livello della superficie, ovvero della mente razionale siamo più o meno tutti convinti che avere "carattere" significhi essere forti, risoluti, sicuri, capaci di imporsi. Ma questa è una visione unilaterale della vita, ideologica, per nulla realistica.

Le contraddizioni esprimono quel che sei veramente

Nel profondo, nel mondo interno, siamo tutto e il contrario di tutto, siamo luci e ombre, guerrieri e pavidi, generosi e avidi. Se però ci convinciamo che sia necessario essere in un solo modo e non riusciamo a esserlo, entriamo in crisi. Le parole che ci diciamo sono davvero fondamentali: Mario, per spiegarci il suo problema, fa un esempio che giudica "banale". In questo giudizio, nella parola "banale" c'è tutto il suo problema: un esempio non è mai banale, è un esempio! Se lo giudichiamo, stiamo implicitamente considerando banali noi stessi che lo stiamo proponendo.

LEGGI ANCHECosì capisci qual è la tua strada

Accogliere le difficoltà è il primo passo per superarle

Restando al suo esempio, Mario percepisce un blocco ogni volta che sente di pensarla diversamente dai suoi colleghi. Crede di aver ragione, ma non riesce a esprimere il suo parere. Si sente in balia di questo evento e chissà quante volte si sarà criticato per non essere riuscito a dire quel che avrebbe voluto. Come tutti, avrà pensato di dover migliorare, diventare più sicuro, e non riuscendoci, avrà concluso di non avere personalità sufficiente per fare la carriera che gli spetterebbe.

Percepisci e osserva senza commentare

Eppure, qualcosa dentro di lui sa che in molte occasioni avrebbe avuto "ragioni da vendere": come risolvere una simile contraddizione? La risposta è una sola: la percezione degli stati interiori. Mario non deve far altro che prendere atto del suo bocco, percepire bene quell'energia che cortocircuita dentro di lui senza riuscire a venire fuori assieme alle "parole giuste". Può farlo alla prima occasione: arriva il blocco, lui lo percepisce. Si cerca nel corpo il punto dove il disagio si manifesta, si mette una mano su quel punto, se possibile si chiudono gli occhi e si rallenta il respiro. Senza giudicare il blocco, senza interpretarlo, senza cercare di mandarlo via. Si sta in attesa, un'attesa contemplativa.

Trova la tua strada e percorrila, non hai altri compiti

A cosa serve questa tecnica? A lasciare che il disagio, che è un messaggio dell'anima, faccia il suo percorso e nel farlo, spazzi via le convinzioni inutili, i preconcetti, i falsi miti di cui Mario è vittima. In questo modo la sua personalità autentica scenderà in campo e lui si accorgerà di saper esprimere perfettamente quel che ha da dire, ma a suo modo, un modo che, con ogni probabilità, non avrà nulla a che fare con l'idea che ha oggi Mario di come ci si debba esprimere. Vale per lui al lavoro, vale per tutti in ogni ambito dell'esistenza.

TAG
CARATTERE
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?