Tu
Effetto placebo: scopri il potere dell'autoguarigione

La scienza moderna conferma quanto la psicosomatica afferma da sempre: a certe condizioni, il nostro corpo sa ripararsi...da solo!

Avete mai sentito parlare di effetto placebo? Con questo termine vengono descritte una serie di reazioni che si producono nel nostro organismo nel momento in cui crediamo di ricevere un farmaco benefico. L'effetto placebo è a tutti qualcosa in grado non solo di lenire disturbi semplici come l’insonnia, l’ansia, il mal di schiena ma può in alcuni casi curare malattie più complesse. A potenziare l’effetto placebo concorrono tanti importanti fattori: le aspettative del paziente rispetto all’ efficacia della terapia, il numero e persino il colore delle compresse che costituiscono il placebo, ma soprattutto  il rapporto che ha instaurato col medico che lo prescrive.

Leggi anche: effetto placebo, nuove conferme

L'effetto placebo libera sostanze benefiche

Quello che oggi si sa è che all’interno dell’organismo, quando si attiva l'effetto placebo, si verificano una serie di importanti reazioni biochimiche, tra cui  la produzione di endorfine, neurotrasmettitori prodotti dal cervello con caratteristiche simili alla morfina.  Allo studio e all’approfondimento di questo meccanismo per la prima volta è stato recentemente dedicato un congresso scientifico internazionale, a Leiden, nei Paesi bassi. Sono stati presentati e discussi oltre duecento nuovi studi dedicati alla neurobiologia dell’effetto placebo: negli ultimi dieci anni, infatti, sono state portate avanti numerose ricerche sull'uso dell'effetto placebo, sempre più diffuso nella cura dei pazienti in varie discipline.

L'effetto placebo si attiva sempre

Tra i vari studi presentati, quello di Jeremy Howick, Direttore dell’Empathetic Care Program dell’università di Oxford ha esaminato forse l’aspetto più “ misterioso” dell’effetto placebo: la meta-analisi condotta su 240 pazienti affetti da varie condizioni, dall’intestino irritabile alla rinite allergica alla depressione, ha evidenziato come la somministrazione esplicita di un placebo produca risultati migliori rispetto all’assenza di trattamento. L'effetto placebo sembra funzionare in modo efficace anche se i pazienti sono a conoscenza del fatto che  non si tratta di un vero farmaco.

Un effetto che non cessa di stupirci

Alcuni ricercatori per comprendere meglio il "fenomeno effetto placebo", hanno voluto studiare se quanto descritto finora riguardi solo sintomi soggettivi, come per esempio il dolore o se la nostra mente è capace di influenzare altre funzioni fisiologiche, incluse quelle critiche per la vita e la sopravvivenza come l’ossigenazione e la respirazione. Come racconta Fabrizio Benedetti, neurofisiologo dell’università di Torino e direttore del Center for Hypoxia del Plateau Rosa Labs, che insieme ad altri ricercatori lavorano a 3500 metri, al confine italo-svizzero nella zona del Monte Cervino, luogo dove l’ossigeno è scarso, cosa che comporta una riduzione dell’ossigeno nel sangue circolante. Somministrando ai volontari del placebo, ossia del finto ossigeno, s'induceva un miglioramento della situazione generale come se nelle bombole ci fosse stato davvero ossigeno: un'altra sorprendente conferma dello straordinario potere dell'effetto placebo!

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?