Ansia

L'ansia dei momenti difficili

Ci sono situazioni e periodi bui nei quali l’ansia può impadronirsi della nostra vita e dobbiamo conviverci: anche in questi casi, è possibile ridimensionarla

Da sempre diciamo che l’ansia va accolta e compresa, che questa è l’unica strada per curarla davvero. Ma ci sono situazioni di vita, immodificabili quantomeno per un certo periodo, che procurano un’ansia che non è possibile far passare, situazioni nelle quali un’atmosfera minacciosa o un evento drammatico mettono in allerta tutto il nostro essere: può essere una contingenza economica spiacevole, o la malattia di un familiare. Si può dire anzi che in questi casi non provare alcuna ansia sia patologico e rivela un distacco dalla realtà.

LEGGI ANCHEAnsia e paure svelano la tua volgia di vivere

Conviverci non significa arrendersi

Se però questo tipo di ansia si “deposita” su un soggetto già ansioso per natura, rischia di portarlo a livelli di stress così elevati che alla fine esso non riesce ad affrontare la situazione specifica, oppure lo fa ma con un enorme dispendio energetico e comunque occupandosi principalmente della sua reazione psicologica.  Ecco dunque la necessità di imparare a convivere con l’ansia dovuta ad alcune situazioni “obbligate”, togliendo quella inutile quota in più che può fare grossi danni e spingerci nel tempo a crisi più acute.

Le situazioni scatenanti

  • Precarietà economica
  • Malattie gravi proprie o dei familiari
  • Spettri di licenziamento, disoccupazione
  • Atmosfere familiari (separazioni non consensuali)
  • Atmosfere collettive attuali (ad es. venti di guerra, terrorismo, vivere in quartieri malfamati)
  • Professioni ad alto rischio di stress (ad es. agenti di polizia, guardie, medici chirurghi)

I rischi che si corrono

  • Assenza di riposo, stato di allarme cronico
  • Frustrazione continua e logorio con rischio di depressione
  • Pensieri ossessivi sull’evento ansiogeno
  • Atteggiamento ipercinetico e logorroico
  • Comportamenti di evitamento e scelte non libere
  • Sintomi fisici (palpitazioni, debolezza, tremori, tensioni muscolari, cefalea…)
  • Difficoltà ad affrontare la situazione che crea ansia, con creazione di nuova ansia

I consigli utili

  • Cerca l’obiettività. Non mettere in campo una reazione soltanto emotiva all’evento, per quanto forte. Cerca di capire, con l’aiuto di qualcuno non coinvolto, se ci sono margini reali di miglioramento o di cambiamento della situazione. Spesso ci sono.
  • Crea il miglior assetto. Lucidamente, ancora con l’aiuto di qualcuno, ottimizza più che puoi gli aspetti che ti fanno sentire più sicuro e meno ansioso. Al contempo, non fare lo spavaldo e rispetta i tuoi limiti emotivi di questo momento.
  • Vivere l’ansia con consapevolezza. Quest’ansia non va negata, ma vissuta per ciò che è realmente. Eventualmente attraverso una psicoterapia mirata (6-8 incontri) si impara a separare l’ansia oggettiva, naturale, da quella aggiunta in eccesso.
  • Non identificarti. Se hai un’indole ansiosa potresti facilmente identificarti o con l’ansia in eccesso o col problema che la produce. Sviluppa uno sguardo distaccato, osservatore, panoramico. Gestirai molto meglio la situazione.
  • Metti il corpo in primo piano. Aggancia l’ansia al corpo con esercizi fisici quotidiani (basta che ti piacciano) e dalle forma con disegni, scritti, fotografie. Portare l’ansia al di fuori e “vederla” ha sempre un effetto calmante.
APPROFONDISCI
Breve corso per vincere l'ansia

Siamo convinti che l’ansia dipenda sempre da qualcosa o da qualcuno e c...

CONSIGLIATO PER TE
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come vivi le tue paure?