Acetone: l'omeopatia gli dà sollievo
Salute

Acetone: l'omeopatia gli dà sollievo

Le cause di questo disturbo non sono solo alimentari: può contare la predisposizione genetica ma anche la psiche del bambino: l’omeopatia può dar sollievo

Capita spesso al ritorno da una festicciola di compleanno, o dopo una banale scorpacciata: il nostro bambino appare mogio e inappetente e in alcuni casi fanno la loro comparsa febbre e vomito. Poi, l’alito si fa acido e dolciastro. Niente di grave: probabilmente ha solo l’acetone, uno dei disturbi più frequenti nei bambini, che con l’età tende a scomparire naturalmente. Se capita, basta qualche coccola e attenzione in più a tavola e tutto rientrerà presto nella norma, anche grazie agli aiuti della medicina naturale.

 

Viene spesso dopo la febbre 

 

Frequentissimo tra i bambini fino ai 5-6 anni, l’acetone è la manifestazione di una non completa maturità del metabolismo dei grassi del piccolo. Si manifesta quando l’organismo esaurisce le riserve di zuccheri e brucia i grassi per produrre energia. Ciò porta a un aumento nel sangue di sostanze tossiche, dette corpi chetonici che, per particolari condizioni non vengono eliminate come dovrebbero. Le cause dell’acetone sono molte: un breve digiuno, la febbre, un disordine alimentare, ma anche emozioni intense e malattie infettive.

 

I più colpiti sono i timidi e i magrolini

Solitamente si dà la colpa sempre ai pasticci fuori-pasto e ai disordini alimentari. Questo può essere vero. Il ripetersi ravvicinato di episodi di acetone può però avere una ragione psicologica. Non a caso ne sono più soggetti i bambini tendenzialmente introversi. Anche lo stress che deriva per esempio dalla difficoltà a esprimere le emozioni provoca un’accelerazione del metabolismo, che fa sì che l’organismo si trovi a corto di zuccheri. 

 

Il disturbo colpisce anche i bambini più magrolini. Secondo alcuni pediatri, infatti, lo scarso appetito è un meccanismo di difesa: il bambino predisposto, al sopraggiungere della crisi, tende a mangiare meno, contrastando così l’accumulo di corpi chetonici nel sangue.  Il disturbo scompare dopo i 10 anni.

 

I sintomi

Per capire se il piccolo ne soffre, è sufficiente osservare alcuni tipici segnali.

- Mal di testa

- Alito con odore simile all’acetone

- Vomito

- Mal di pancia

- Pallore e occhi cerchiati

- Stitichezza

- Sonnolenza

 

I rimedi naturali contro nausea e alito cattivo

Oltre a un regime dietetico sano, la medicina naturale, in particolare l’omeopatia  può essere di aiuto per sostenere i processi energetici e metabolici dell’organismo del nostro bambino e farlo stare presto meglio dopo un episodio di acetone.

 

L’omeopatia consiglia

 

Senna 5 CH 

Nella dose di 3 granuli ogni ora, efficace nella fase acuta del disturbo, soprattutto in presenza di stanchezza intensa, febbre, dolori addominali e diarrea.

Nux Vomica 5 CH 

 

Nella dose di 10 granuli disciolti in mezzo bicchiere di acqua, un cucchiaino ogni mezz’ora.

 

Lycopodium 

 

Da usare per i 15 giorni successivi alla fase acuta, nella dose di 3 granuli 2 volte al giorno.

 

La dieta: bere molto e assumere cibi dolci 

 

Poiché l’acetone è un disturbo legato al metabolismo dei grassi, la prima cosa che dobbiamo fare è eliminare dalla dieta di nostro bambino tutti i grassi di origine animale, in particolare latte e latticini, salumi, uova. Arricchiamo i suoi pasti di verdura di stagione per fare il pieno di vitamine, sali minerali e oligoelementi. Sì a carni bianche e pesce, se li gradisce meglio alla griglia o al vapore, e via libera a pasta o riso conditi in modo semplice. A merenda preferiamo pane e marmellata; in alternativa, una macedonia fresca, dolcificata con zucchero di canna o miele d’acacia. Da bere, infine, succhi di frutta e spremute, meglio se zuccherati.

 

Tisane e tè disintossicanti

Perché l’acetone passi prima e meglio, facciamo bere molto il nostro bambino, e non solo acqua, ma qualunque tipo di bevanda zuccherata, per reintegrare in fretta le riserve energetiche.

– In erboristeria possiamo acquistare il tè bancha, detto anche “tè dei 3 anni”, indicato quando si presenta l’acetone

 

Tisane – Particolarmente indicate alcune tisane, come quelle a base di fiori e foglie di tiglio, erba canina o menta. Da lasciare in infusione per quindici minuti in acqua bollente e dolcificare con miele o zucchero di canna, hanno proprietà sia rilassanti, sia rinfrescanti e depurative del fegato. 

 

Bevande rimineralizzanti – Un’ottima soluzione reidratante e ricostituente dei sali minerali persi, poi, è l’argilla verde ventilata, da aggiungere ai suoi succhi di frutta preferiti, nella dose di un cucchiaino alla volta. 

 

Succhi – Da provare, infine, un beverone solitamente gradito ai bambini a base di 10 grammi di succo di carota, 10 grammi di miele e 20 grammi di acqua, da fargli bere un po’alla volta nell’arco della giornata.

 

Puoi dargli anche un cucchiaino di miele

Se il bambino ha molta nausea è necessario sospendere temporaneamente l’alimentazione e sostituirla con una dieta idrica: acqua, tè, bevande zuccherate, coca cola. Anche il miele aiuta a placare la nausea.

TAG
BAMBINO
BAMBINI
ACETONE
OMEOPATIA
SALUTE
FEBBRE
VOMITO
APPROFONDISCI
Il dizionario dei minerali
Il dizionario dei minerali

Ecco quelli più utili per la tua salute

CONSIGLIATO PER TE
Bicarbonato tuttofare
Bicarbonato tuttofare

Un prodotto naturale dai mille usi pratici

Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?