Vitamina B12 e acido folico: indispensabili alleati del cervello
Mangiare sano

Vitamina B12 e acido folico: indispensabili alleati del cervello

Le vitamine del gruppo B, in particolare la B12 e la B9, o acido folico, sono indispensabili per il metabolismo energetico e cellulare, attivano diverse funzioni vitali e sono preziose per la salute del sistema nervoso

B12 e B9, due vitamine inseparabili

Nell’organismo queste due vitamine del gruppo B, che si ricavano principalmente dai cibi, lavorano a stretto contatto e se una delle due è carente o manca l’altra lavora con meno efficienza. L’acido folico, assimilato dall’intestino, viene diffuso nelle cellule e immagazzinato nel fegato solo se è presente anche la vitamina B12. Se questa scarseggia, il fegato non trattiene le scorte di acido folico e le cellule lo conservano senza utilizzarlo.

Contro la stanchezza mentale serve la vitamina B12

La vitamina B12, o cobalamina, protegge i neuroni cerebrali dal danno ossidativo, dall’invecchiamento e dalle malattie degenerative. Questa vitamina sostiene il sistema nervoso, concorre alla sintesi dell’emoglobina e alla produzione di metionina, aminoacido del buonumore, ottimizza l’impiego di ossigeno e sostiene nei momenti di stress. La dose raccomandata è 2-2,4 mcg al giorno, quantità contenuta, ad esempio, in un trancio di pesce. Occorre sapere che la vitamina B12 è significativamente presente nei cibi di orgini animale, motivo per cui chi segue un regime alimentare vegetariano o vegano dovrebbe assumerla sotto forma di integratore per evitare carenze rischiose per la salute.

Per il sistema nervoso facciamo il pieno di acido folico

L’acido folico, o vitamina B9, è una vitamina idrosolubile, determinante per la sintesi del DNA, la formazione di emoglobina, la crescita e la riproduzione delle cellule, inclusi i neuroni. L’acido folico è il mattone indispensabile per la produzione di melatonina, serotonina, noradrenalina e dopamina, ormoni regolatori di umore, sonno e appetito. La quantità giornaliera è circa 200 mcg al giorno, dose che raddoppia in gravidanza. Attenzione! Sotto stress, in caso di ipertiroidismo e di uso di pillola anciconcezionale si è maggiormente esposti alla carenza di acido folico.

Debolezza, scarsa concentrazione e mal di testa i principali sintomi da carenza

Debolezza e stanchezza costante senza motivo, difficoltà a concentrarsi, anemia o carenza di ferro, nervosismo, sbalzi d’umore e tristezza, mal di testa, piccoli tagli ai lati della bocca, unghie e capelli fragili, infiammazione del cavo orale sono la spia di una possibile carenza di vitamina B12 e B9 e ci dicono che è il momento di correre ai ripari.

Asparagi, broccoli e cavolfiori, carne, pesce e latticini per fare il pieno di vitamina B

Per assicurarsi la giusta quantità di vitamina B12 e B9 il consiglio è adottare un regime alimentare equilibrato e corretto che preveda ogni giorno il consumo di vegetali  verdi, di una proteina animale, un cucchiaio di verdure fermentate o in alternativa un consumo regolare di kefir, latte fermentati o yogurt arricchiti. Gli alimenti più ricchi di vitamina B9 sono asparagi, broccoli, cavoletti di Bruxelles e cavolfiori (100-300 mcg per 100 g), arance, mandarini, avocado, bieta, legumi, kiwi, indivia, lattuga, frutta secca, pane e pasta integrail, rucola, pomodorini e spinaci (da 30 a 99 mcg per 100g). L’acido folico lo troviamo anche nelle uova (50 mcg per 100 g), nel lievito di birra, nel latte e nel fegato.

La vitamina B12, invece, si trova in carne, pesce, uova, latticini e alcuni crostacei. Per non perdere neppure un grammo di vitamina B è importante adottare qualche trucco in cucina. Primo, non cuocere troppo a lungo i cibi, soprattutto ad alta temperatura e in acqua abbondante perché si rischia di disperdere fino all’80% della quota vitaminica. Meglio consumare vegetali freschi o dopo una breve cottura. Secondo, ridurre il consumo di alcolici che arrivano a ridurre fino al 90% la presenza delle due vitamine del gruppo B. Terzo, abbinare sempre una fonte di calcio, come latte, formaggi, cavoli, rucola, lattuga, semi di sesamo, alghe o soia per favorire l’assimilazione della vitamina B12. Quarto, ridurre drasticamente l’assunzione di zucchero bianco e dolci industriali che compromettono la salute della flora intestinale. Via libera a fibre, probiotici e liquidi.

TAG
VITAMINE
CERVELLO
CIBO E CERVELLO
APPROFONDISCI
Le preziose vitamine B
Le preziose vitamine B
Ci ricaricano di energia vitale. Fondamentali per ringiovanire il cervello.
CONSIGLIATO PER TE
Alimentazione Naturale
Alimentazione Naturale

La natura “sa” sempre cosa serve al nostro corpo per stare bene...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?