Prova il cavolo cinese: cura cistite e stipsi
Cibo

Prova il cavolo cinese: cura cistite e stipsi

Nella sua terra d’origine lo chiamano pak choy: in insalata o centrifugato, aiuta a superare quei fastidiosi disturbi ed è un ottimo tonico di primavera

Questo è il momento giusto dell’anno per gustare il Pak Choy, il cavolo cinese, una presenza consueta nelle pietanze di Cina e Giappone. Nonostante le varietà di cavolo cinese siano circa venti, quelle più utilizzate in Europa sono il Cavolo di Pechino o Pe-tsai, dalle foglie larghe di colore verde chiaro, e il Pak Choy o Bok Choy, la varietà cantonese, che ha uno stelo bianco e croccante e foglie color verde smeraldo. Le foglie hanno un sapore simile al cavolo nostrano mentre gli steli hanno un caratteristica consistenza succosa e un sapore dolce e rinfrescante, leggermente amarognolo. Ancora oggi in Cina il succo di Pak Choy è considerato un rimedio eccellente contro la febbre, le infiammazioni e il mal di gola, compreso quello favorito dagli sbalzi climatici di primavera.

LEGGI ANCHELe mille proprietà del cavolfiore

Una vera miniera di sostanza benefiche

Secondo la medicina cinese, il Pak Choy ha un’energia leggermente Yin e serve a equilibrare la milza, i polmoni, il cervello, la vescica, migliora la minzione, rimuove le scorie stagnanti e stimola il metabolismo, soprattutto se centrifugato e bevuto con succo di limone e un pizzico di peperoncino. I vantaggi nutrizionali di questa varietà sono molti: favorisce una buona peristalsi perché ricco di fibra, soprattutto se consumato crudo, in insalata. La rilevante presenza di calcio e precursori di vitamina A lo rendono inoltre l’ortaggio da privilegiare durante la gravidanza, meglio se cotto al vapore. Elevato anche il contenuto di potassio e di glucosinolato, inibitore delle cellule tumorali. Nella cucine cinesi, oltre a impiegarlo per stufati, involtini e contorni di verdure, si usa scottarein acqua bollente le foglie verdi del Pak Choy e appenderle per farle asciugare. Una volta asciutte potranno essere consumate in inverno fino a marzo come integratori di minerali.

LEGGI ANCHECavolo... quanto ti fa bene!

Gustalo come contorno

Abituati, nei mesi primaverili, ad aggiungere un paio di foglie di Pak Choy a tutte le tue insalate: basta affettarle finissime e mescolarle a soncino, cicoria, rucola per ottenere un contorno fresco e rimineralizzante che contrasta la stanchezza e le infezioni tipiche di marzo. In più, grazie al suo elevato contenuto di fibre, il cavolo Pak Choy ripulisce l’intestino, regolarizza la peristalsi e vince la stitichezza.

Sgrassa la pelle acneica

Un efficace tonico per la pelle grassa si ottiene frullando un’infusione raffreddata di foglie di menta, timo, prezzemolo e salvia, con due fusti di Pak Choy, foglie comprese, sei cucchiai di acqua di amamelide e un cucchiaio di succo di limone: una volta filtrato, il tonico si applica sera e mattina su fronte, naso e mento, dove c’è una maggiore concentrazione di sebo. Si conserva in frigo, in un flacone di vetro scuro.

TAG
CAVOLO CINESE
RIMEDI CISTITE
APPROFONDISCI
La digestione è la fonte della salute
La digestione è la fonte della salute

Come eliminare acidità, gonfiori, stipsi e colite, con i rimedi naturali una volta per tutte.

CONSIGLIATO PER TE
Curarsi Mangiando
Curarsi Mangiando

Abbonamento 12 numeri

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?