Terapia allo zinco, scudo anti virus
Sos salute

Terapia allo zinco, scudo anti virus

Questo minerale in microdosi, anche associato al rame, aiuta l'organismo a migliorare la risposta immunitaria in modo naturale e atossico

Tutti, prima o poi, lo abbiamo sperimentato: nella stagione autunnale, ci si sente più frequentemente stanchi, demotivati, talvolta persino depressi. Colpa del cambiamento di clima, e soprattutto della riduzione delle ore di sole, due fattori determinanti nell'eziologia di questa sindrome da adattamento. Se questo periodo coincide con un calo delle difese immunitarie, anche a seguito di un banale raffreddore, l'organismo ne viene ulteriormente indebolito e quindi più facilmente cade vittima dei virus influenzali.

Da queste considerazioni si comprende come il sistema immunitario e quello nervoso siano strettamente connessi tra loro: ecco perché, in ottobre, è determinante rinforzare il nostro terreno di base, così da prevenire l'influenza e "alzare le difese" anche in vista delle nuove sindromi virali, come la temibile influenza suina (A/H1N1).

Ti salvi con noci e nocciole

Per tutto il mese di ottobre la dieta andrebbe arricchita con i semi oleosi, in particolare noci, nocciole e pistacchi. Contengono rame e selenio che rinforzano le difese e hanno anche un effetto stimolante a livello cerebrale.

La mattina gusta uno yogurt naturale con un cucchiaino di semi oleosi macinati (2 noci, 6 nocciole, 8 pistacchi): fai scorta di oligoelementi e di acidi grassi utili anche al cuore.

Prima e dopo il contagio, ecco gli oligoelementi per evitare l'antibiotico

Contro l'influenza, compreso il virus A

Per aumentare in modo naturale la reattività del sistema immunitario, sono indicati il rame, dalle proprietà antinfiammatorie e anti-batteriche e lo Zinco, la cui carenza provoca una minor produzione di anticorpi, di immunoglobuline G. Rame e Zinco aumentano le difese contro le cosiddette "malattie opportuniste" (come l'influenza) che si radicano nel corpo approfittando di un momento di indebolimento generale.

Posologia: una fiala di Rame e una fiala di zinco al giorno, la mattina a digiuno per tutto il mese di ottobre. La cura si può ripetere a dicembre.

Per abbreviare la convalescenza

La stanchezza è tipica di questo mese, e si manifesta sotto forma di astenia psicofisica soprattutto nei convalescenti, che da poco hanno affrontato le prime influenze, o negli anziani. Per ritrovare in fretta le forze è necessaria una miscela di diversi oligoelementi. Ecco quali sono.

- Potassio: rigenera la forza muscolare.

- Zinco: rinforza il sistema immunitario.

- Selenio: antiossidante per eccellenza, inibisce l'aggressione dei radicali liberi ai quali il soggetto convalescente è più esposto.

- Manganese-Cobalto: ritempra l'equilibrio emotivo instabile, spesso associato alla convalescenza o alla terza età.

- Litio: si usa se l'astenia si coniuga a un vero e proprio stato depressivo.

Posologia: una fiala della miscela la mattina e una la sera per tutto il mese, anche quando l'influenza è stata ormai superata.

TAG
ZINCO
INFLUENZA
RIMEDI
NATURALI
OLIGOELEMENTI
STANCHEZZA
AUTUNNO
RAFFREDDORE
SISTEMA
IMMUNITARIO
APPROFONDISCI
Vinci la stanchezza in 24 ore
Vinci la stanchezza in 24 ore
La guida pratica per farti ritrovare subito l'energia e la forza vitale
CONSIGLIATO PER TE
Riza Dossier: Perché mi sento sempre stanco?
Riza Dossier: Perché mi sento sempre stanco?

Le mosse vincenti che ti fanno ritrovare l'energia e la voglia di fare

Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?