Erbe e fitoterapia
Dulcamara: ideale contro raffreddore e reumatismi

La dulcamara è dotata di efficaci proprietà antinfiammatorie, è in grado di contrastastare le affezioni del sistema respiratorio, i dolori reumatici e le eruzioni cutanee

La Dulcamara, Solanum dulcamara, è un cespuglio rampicante appartenente alla famiglia delle Solanaceae. È diffusa nelle aree temperate di tutti i continenti e deve il suo nome alle proprietà sedative che la caratterizzano: Solanum significa, infatti, conforto; mentre Dulcamara deriva dal gusto, prima amaro e poi dolce dei suoi rametti, che possono essere masticati come avviene per la liquirizia. I fiori, caratterizzati da petali ripiegati all’indietro di colore violaceo sui quali spicca il giallo della corolla centrale, hanno un profumo sgradevole; mentre i frutti sono bacche rosse e tondeggianti. Nota alla tradizione per le proprietà medicamentose sulla pelle, oggi ne sono riconosciuti i benefici in caso di dolori reumatici, infiammazione delle vie aeree, sintomi da raffreddamento.

 

Principi attivi

I principi benefici della Dulcamara sono concentrati principalmente nelle bacche; si tratta di alcaloidi tropanici, come la solasodina che ha un effetto simile al cortisone, oltre a fitosteroli, saponine, flavonoidi.

 

Proprietà

Il fitocomplesso della dulcamara si caratterizza per l’attività antinfiammatoria e anticolinergica che è alla base delle proprietà antivirali, antibatteriche, emolitiche, antiseborroiche e anestetiche locali. Inoltre la presenza di saponine la rendono un buon espettorante.

 

Formulazioni e uso

La Dulcamara è disponibile in diverse formulazioni: come rimedio erboristico si assume principalmente in infuso e decotto ad uso esterno, come rimedio omeopatico, sotto forma di granuli, gocce, compresse, capsule, unguenti e gel. Ecco quando e come utilizzarla:

  • Dermatiti, eczemi, acne, herpes e verruche: in questi casi è indicato il decotto di Dulcamara che si prepara portando ad ebollizione circa 1-2 grammi di droga in 250 ml di acqua. Si lascia raffreddare e si applica localmente mediante garze imbevute. Utile anche l’estratto fluido, di cui diluire 40 gocce al dì in poca acqua
  • Disturbi reumatici: la dulcamara risulta d’aiuto specialmente quando i sintomi sopraggiungono o peggiorano con variazioni climatiche, da umido a freddo, contrastando il dolore grazie all'azione riscaldante e disinfiammante. È adatto l’infuso che si prepara versando un cucchiaino di erba essiccata per ogni tazza di acqua calda, lasciando poi in infusione per 5 minuti. Filtrare e assumere 2 tazze al giorno per almeno 4 settimane
  • Asma, bronchiti, raffreddori stagionali, tosse: agisce in questi casi come rimedio immunostimolante, da assumere in infuso

 

Controindicazioni

Consultare il proprio medico prima dell’uso. La dulcamara è una pianta velenosa se assunta in dosi eccessive per la presenza di alcaloidi (solamarina e alcaloide solanina). Risulta invece sicura e priva di effetti collaterali rispettando le dosi consigliate. Tuttavia si deve evitare in caso d'ipersensibilità accertata verso uno o più componenti, in presenza di bradicardia, asma, glaucoma oltre che in gravidanza e durante l'allattamento.

APPROFONDISCI
L'acqua, la miglior cura
Se la usi bene, ripulisce il sangue, fa dimagrire e ringiovanisce la pelle
CONSIGLIATO PER TE
Un inverno senza influenza con i rimedi naturali

I preparati omeopatici, le essenze e le tisane che proteggono naso, gola, orecchie e bronchi

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?