Vergogna: perché arriva, come viverla
Tu | fiducia in se stessi

Vergogna: perché arriva, come viverla

La vergogna è un’emozione fondamentale, serve a proteggerci e a conoscere i nostri limiti e per questo non va contrastata, ma conosciuta

Vergogna: cos'è

La vergogna è un sentimento decisamente “fuori moda”: la accettiamo nei bambini, fino a che sono piccoli, poi la contrastiamo come segno di debolezza tanto da farci sentire in imbarazzo nel provarla. la vergogna appare sempre più un retaggio di epoche storiche lontane, intrise di tabù e limiti autoimposti che noi contemporanei dovremmo aver superato. Se la vergogna porta a chiudersi, il diktat imperante oggi va nella direzione opposta: mostrarsi, imporsi, fino ai limiti grotteschi dell'autocelebrazione e dell'ostentazione di Sé. Il fenomeno universale del "selfie" lo chiarisce perfettamente: in un certo senso si tratta del gesto più lontano dalla vergogna che si possa immaginare.

LEGGI ANCHESai accettare le tua debolezze?

Non la puoi eliminare e se la combatti la rafforzi

Naturalmente, non è possibile eliminare un'emozione e la vergogna è appunto un'emozione, una di quelle fondamentali assieme alla rabbia, alla gioia, alla paura. Piaccia o meno, tutti la proviamo e anzi, per paradosso, quanto più contrastiamo la vergogna, tanto più s'ingrandisce al nostro interno. Proprio per questo combatterla o far finta che non esista è un grande errore: bisogna accoglierla quando compare e "ascoltare" i suoi messaggi più autentici.

Perché nascondiamo la vergogna

Il problema è che in superficie, la vergogna appare intrisa di forti connotazioni morali, sembra quindi legata a doppio filo con il tema del senso di colpa: quando si sbaglia qualcosa e ci si sente responsabili, spesso ci si vergogna anche di se stessi e di ciò che si è fatto. Se ci si ferma a questo aspetto, è facile capire come la vergogna non sia un sentimento facile da condividere: non a caso, emozioni socialmente più accettabili come la gioia, la tristezza e la paura, vengono espresse più frequentemente. Per cercare di "emancipare" questa emozione, facendola uscire dal nascondiglio in cui tutti cercano di relegarla, dobbiamo quindi andare oltre gli aspetti superficiali e porci un'altra domanda: che funzione esprime la vergogna a livello profondo?

LEGGI ANCHECome ho potuto farlo?

Vergogna: ecco dove "risiede" nel cervello

Per imparare a conoscerla davvero, possiamo cominciare col chiederci dove la vergogna "risieda", cioè se sia possibile identificare un'area del cervello dove questo sentimento si manifesta primariamente. Questa "casa" della vergogna esiste: dagli studi del neuroscienziato portoghese Antonio Damasio, effettuati qualche anno fa, emerge che i circuiti neuronali che si attivano nel provare vergogna si trovano in una zona ben precisa, la corteccia prefrontale ventromediale: i pazienti che hanno una lesione cerebrale localizzata proprio in questa struttura sanno risolvere logicamente dilemmi anche morali, ma non sono in grado di utilizzare strumenti emotivi e di gestire le emozioni sociali, prima fra tutte la vergogna.

La vergogna è uno strumento di difesa

Il fatto che esista un’intera area cerebrale deputata alla vergogna conferma che questa emozione abbia un'importanza centrale per l’essere umano. Proviamo vergogna quando abbiamo la percezione che qualcosa di intimo, di personale, che sarebbe meglio restasse noto solo a noi, possa diventare visibile agli altri. Da un punto di vista evolutivo la vergogna ci difende, ci aiuta a non esporci in situazioni di fragilità o pericolo, tutela la nostra integrità e protegge i nostri limiti. Diventa eccessiva solo quando ci si obbliga ad affrontare qualcosa che, per i motivi più diversi, non si è in grado di sostenere. Poco importa che le norme sociali contemporanee spingano verso la sua eliminazione: dobbiamo ricordarci che la vergogna esiste, che ha una funzione essenziale, che è sostanzialmente ineliminabile. Accettarla e farle spazio è la soluzione giusta: non c'è altro modo per superare la vergogna eccessiva e vivere serenamente con gli altri e con se stessi. 

TAG
VERGOGNA
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
Corso pratico di autostima
Corso pratico di autostima
Fai di te il tuo capolavoro!
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?