Depressione
Superare la tristezza dandole spazio

Capitano momenti di sconforto che arrivano di colpo e ci mandano al tappeto: il loro scopo è fermarci per farci ripartire, per questo combatterli non serve

In genere ce ne accorgiamo di colpo: è come se ci svegliassimo e ci rendessimo conto che non siamo al nostro solito posto di lavoro, o sul tram per andare a fare acquisti, o in auto per andare a prendere i figli a scuola. No, siamo in un posto che esiste solo nella nostra mente: un luogo freddo, ostile, e terribilmente malinconico, una malinconia che ci è entrata nelle ossa. È il segnale. La tristezza è arrivata da un po’ ma noi ce ne siamo accorti solo ora: ed è una ventata che ci mette al tappeto. Ci chiediamo: “Ma perché? Stamattina andava tutto bene, e invece ora ho il morale sotto i tacchi”.

Spesso giunge  inaspettata
Pensiamo alla serata che ci aspetta: in famiglia, coi figli, oppure con gli amici... Ma niente, vorremmo solo sprofondare lì dove siamo. Ma cos’è successo? Torniamo alla giornata trascorsa e, faticosamente, individuiamo un elemento, un fattore scatenante: si tratta magari di uno screzio mal digerito al lavoro, di una telefonata che non è arrivata, di una parola di troppo che abbiamo detto... Ma non ne siamo così convinti: sì, quei fatti sono successi, ma come ne succedono tutti i giorni, e non reagiamo così. Di solito facciamo spallucce e tiriamo dritto. Oggi invece, niente: tutto ci sembra irrimediabilmente triste, inutile…

Accogli i tuoi stati d’animo così come sono
Se vi siete riconosciuti in questo ritratto, se anche voi siete parte di quella grandissima maggioranza di persone cui capitano momenti di tristezza profonda e, in apparenza, immotivata, c’è una cosa che dovete sapere: tutto si gioca in questo attimo, in questo primo momento in cui ci si accorge che qualcosa è scattato. Potete trasformare questo evento in un “regalo dell’anima”, oppure in un piccolo dramma, capace di innescare meccanismi mentali che si trascinano per anni. Vediamo assieme in che modo.

Cerchi di scacciare la malinconia ne sprechi il potenziale
“Oddio, e adesso cosa faccio? Devo reagire, devo fare qualcosa!». Quando arriva la tristezza, di solito crediamo di dover reagire. Cerchiamo di combatterla, di zittirla, di sostituirla con qualcos’altro. Anche se al momento ci riusciamo, ricorrendo alla tv o a qualche altra distrazione “divertente”, alla fine ci resta dentro un’amarezza ancora più indefinibile, che tornerà più forte la prossima volta. Se invece proprio non ci riusciamo a mandarla via, inneschiamo un circolo vizioso di lamenti, recriminazioni, sensi colpa, vergogna... “Perché sono fatto così?”. Come se essere ciò che si è fosse una malattia!

Se non la ostacoli riporta a galla le energie sepolte
Invece di preoccuparci e di combatterla, possiamo semplicemente... cedere. Lasciamole campo libero per un po’ e stiamo a vedere cosa succede. Se la tristezza è arrivata, significa che l’anima l’ha prodotta, che ne aveva bisogno. E a quale scopo? La risposta è semplice: è arrivata per farci ritrovare il sorriso! È come se, nella vita di tutti i giorni, ci fossimo dimenticati un po’ troppo di noi stessi, del nostro piacere, della nostra gioia. E così le energie hanno cominciato ad abbassarsi, andando sempre più giù, nel fondo dell’anima. Finché è suonato l’allarme. “Scendere in basso” è il solo modo che l’anima ha per andare a pescare quelle energie e farle riemergere, per farci ritrovare…la gioia!

APPROFONDISCI
La formula della felicità

La gioia di vivere non dipende dagli altri

CONSIGLIATO PER TE
Via i rancori e i sensi di colpa

Sono loro che provocano infelicità, depressione e panico

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?