Tu

Se non ti senti amato, fai così

Chi vive questo sentimento si aspetta che qualcuno da fuori arrivi a colmarlo e non si accorge che c’è in lui una fonte di calore sempre accesa

“Non mi sento amato”; “Non mi sono mai sentito amato”. Lo dicono in tanti e non intendiamo certo mettere in dubbio la buona fede (e la frustrazione) di chi si sente così. Facciamoci però una domanda: non potrebbe essere che il problema risieda non nel fatto di essere amati da qualcuno, ma nella difficoltà di percepire questo amore, di “avvertirlo”, di sentire che effettivamente c’è?

Troppe teorie, poca pratica

Alcuni, ad esempio, non si sentono amati perché loro per primi non si piacciono, e quando sentono il partner dirgli “ti amo” non si fidano. Altri sono radicalmente convinti che l’amore prima o poi finisce e che quindi verranno lasciati, oppure hanno in mente un concetto di amore idealizzato, assoluto, senza problemi né incertezze, impraticabile nella vita quotidiana. Infine c’è chi non aspetta altro che cogliere nel comportamento del partner i segni del disamore, a conferma della sua triste teoria. Chi vive con la sensazione di non sentirsi amato dovrebbe innanzitutto rimettere a punto il proprio apparato di “ricezione sentimentale”, così da poter interpretare nel modo giusto i comportamenti del partner.

Cambiare codici

Questa “centralina di ricezione” è collocata nello spazio interiore: quando non ti accetti, ti svaluti, ti giudichi, la centralina si spegne e tutto diventa grigio. È allora che senti dentro un vuoto incolmabile: nessuno da fuori potrà mai risolvere questo “problema”. Quando invece lasci spazio ai desideri, ai lati “sconosciuti” di te stesso, alle tue reazioni spontanee, allora ti senti vivo e la ricezione si avvia, i codici di lettura della realtà tornano a posto e tutto quello che accade di positivo viene percepito, accettato o integrato. Inutile quindi cercare fuori il “principe azzurro” (o la principessa...) e lamentarsi che non arriva mai, perché quel fuoco va acceso prima di tutto dentro di te.

Perché non ci si sente amati

Troppe aspettative e un’idea distorta di amore:

  • La scarsa autostima fa sì che ti sembri impossibile che qualcuno ti desideri
  • Hai un’idea assoluta dell’amore, perfetta ma irreale: ogni volta ti aspetti che da fuori arrivi qualcosa che dia senso a tutta la tua vita. Nessun amore reale sarà mai all’altezza di un simile ideale
  • Vivi in una bolla di pessimismo cosmico circa le storie d’amore: “Alla fine andrà sempre a finire male e soffrirò
  • Sei diventato diffidente dopo alcune storie del passato: interpreti in modo sempre distorto ciò che il partner dice o fa

Cosa puoi fare?

Diventa più attivo

La frase “Non mi sento amato” può anche corrispondere a verità, ma ripeterla troppe volte senza risolvere la situazione rivela un atteggiamento di spiccata passività. Si è come in attesa che qualcuno arrivi a risolvere la situazione, ma noi cosa stiamo facendo nel frattempo? Cominciamo ad ascoltare i nostri desideri, a nutrire la nostra energia vitale facendo ciò che ci fa star bene, senza aspettative e senza fare paragoni con “amori ideali”.

Rinforza l’autostima

Per potersi sentire amati e accettati, è necessario attivare lo stesso sentimento nei confronti di se stessi. Se si riesce a volersi più bene, sarà più facile credere che “l’altro” possa farlo, e non si metteranno in atto tentativi inconsci di boicottarlo nel suo venire verso di noi.

TAG
AMARE
ESSERE
AMORE
AMORE IDEALIZZATO
APPROFONDISCI
Mai più vittima
Come scegliere l'uomo giusto ed evitare quelli sbagliati
CONSIGLIATO PER TE
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017

Quali sono i falsi problemi che possono mettere a rischio la nascita di un am...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come vivi le tue paure?