La strada maestra per far rifiorire il cervello
Tu | fiducia in se stessi

La strada maestra per far rifiorire il cervello

Quando sentiamo il nostro cervello bloccato e incapace di reagire agli eventi, proviamo a cambiare atteggiamento mentale: con pochi accorgimenti otterremo risultati insperati

Più lo vogliamo comandare, più il cervello va in tilt

A tutti è capitato almeno una volta nella vita di sentire il proprio cervello bloccato dai dubbi, dalla confusione e dall'incertezza, e conseguentemente la vita apparire avara di soddisfazioni. Sembra di girare a vuoto e non sappiamo in che direzione proseguire: quando accade tutto questo, c'è un sistema per ritrovare il "senso" di quello che stiamo facendo? Sì, ed è un sistema tanto semplice e naturale quanto universalmente disponibile, perché coincide con un miglior utilizzo delle risorse profonde che ognuno ha a disposizione. Risorse che non dipendono dalla cultura o dai soldi, dall'educazione o dall'intelligenza, dalla bellezza, dall'essere o meno in gamba o ammirati, dall'essere amati o dall'avere una famiglia perfetta. Sono risorse di tipo diverso: è l'enorme patrimonio di stati interiori che ci animano. Di solito li conosciamo poco, non ci fidiamo di loro, vogliamo controllarli e instradarli, usarli come piace a noi. La ricetta che vi proponiamo è esattamente l'opposto: affidatevi a queste forze come a un'onda infinita. Vi porteranno dovunque sia il vostro destino, senza chiedere niente.

Quando non sai come risolvere un problema

- Non c'è mai un'unica via

A volte soffriamo perché siamo convinti che esista la "soluzione ideale" e questa ricerca si trasforma in un'ossessione, come se esistesse un unico modo di risolvere le cose. Specialmente se poi ci si preoccupa di conciliare ciò che si sente dentro con il parere degli altri, col buonsenso e con i suoi valori. In questa ridda di voci contrastanti, impossibili da mettere d'accordo, si perde di vista l'unica che veramente potrebbe guidarlo: la sua.

Come fare: crea silenzio dentro di te: poi fai di testa tua

Quando devi prendere una decisione importante,  fai silenzio dentro di te, stai con te stesso, lascia che il tuo cervello funzioni nel modo più fluido e spontaneo. Ti accorgerai che la scelta verso cui ti guiderà sarà la più adatta alla situazione in quel dato momento. Inoltre la  soluzione cui arriverai, non essendo "assoluta" ma legata alla contingenza, ti aiuterà a comprendere passo dopo passo la realtà, di per sé mutevole, e ad adeguarti. Quanto ai consigli:  bisogna ascoltarli ma poi... agire di testa propria.

- Se non riesci più a goderti le tue giornate

Molte persone, qualsiasi cosa facciano, si proiettano nel futuro. Occorre invece "rimanere" su ogni azione, su ogni pensiero, uno alla volta. Il passato non c'è più e il futuro non c'è ancora. Solo così si può imparare ad assaporare ogni attimo della vita con piacere autentico. Gli allievi migliori di Maggid, uno dei principali maestri chassidici, non andavano dal maestro per ascoltare i suoi insegnamenti ma per osservarlo...mentre si allacciava le scarpe. Perché per il maestro qualunque azione stesse facendo era unica, la sola importante.

Perditi nei gesti e afferri il senso di ciò che fai

L'errore è credere che esistano azioni importanti e altre banali, indegne di noi. Quando il giudizio svalutante, che abbiamo appreso dal mondo esterno, si applica ad esempio al lavoro che facciamo, alle attività quotidiane, lo stress per il cervello è inevitabile. Sospendi i giudizi del mondo e fai ogni cosa cercando un risvolto nuovo, attuale e soprattutto stando concentrato lì, in quel gesto: fallo diventare l'unica cosa che esiste... solo così svaniranno i confronti che creano disistima. E con questa ritrovata serenità potrai anche pensare alla tua situazione in modo nuovo...

- Quando non capisci le intenzioni altrui

Chi cerca delle garanzie riguardo alle intenzioni degli altri è tentato di fidarsi più dell'esperienza, distaccata e giudicante, che non di ciò che sente chiaro dentro di sé. Facciamo tutti così, quando di fronte a una scelta diffidiamo dei suggerimenti dell'istinto per seguire le vie dell'abitudine o del pensare comune. Invece il cervello sa leggere, dai più piccoli segnali, cosa muove un'azione o un sentimento altrui. Particolari di cui la razionalità non si accorge nemmeno. Tutte le volte che sentiamo un'intuizione, proviamo a seguirla: solo lei sa andare dritto all'essenza del problema.

Le nostre "antenne" ci danno sempre buone notizie

Il cervello ha poteri straordinari ma... perfettamente normali. Ma dobbiamo consentirgli di esprimerli. Solo quando riusciamo a non farci sedurre dalle sirene del pensiero dominante e ci affidiamo a quel che sentiamo veramente possiamo comprendere davvero quel che è meglio per noi: a questo punto le intenzioni altrui diventeranno aspetti senza importanza.

 

TAG
CERVELLO
STRESS
PSICOLOGIA
MENTE
ATTEGGIAMENTO
MENTALE
ISTINTO
INTUITO
APPROFONDISCI
Impara l'arte di semplificarti la vita
Impara l'arte di semplificarti la vita

Elimina le gabbie mentali, così realizzi facilmente tutti i tuoi obiettivi

CONSIGLIATO PER TE
I test che ti svelano la tua vera personalità
I test che ti svelano la tua vera personalità

Bastano pochi minuti per scoprire le nostre qualità nascoste

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?