Gastrite: la spia di un fuoco che brucia dentro
Psicosomatica

Gastrite: la spia di un fuoco che brucia dentro

Se hai troppo spesso nausea, gonfiore e gastrite, stai subendo la vita in modo eccessivo: il corpo pretende un cambio di rotta che va assecondato...

Ludovica, 24 anni, decide di iniziare un percorso di psicoterapia in seguito a un problema che non la fa vivere serena da tempo. Durante la prima seduta, inizia a raccontare la sua storia come un fiume in piena: “Il mio problema con la gastrite è nato dalla relazione con un ragazzo, Claudio, parecchio più grande di me. Ci siamo frequentati, all’inizio era un’esperienza bellissima ma col tempo lui ha iniziato a essere sempre più esigente, io dovevo fare, dire, vestirmi, insomma, essere solo come voleva lui. A un certo punto non ho retto più, ho cercato di parlargli ma mi ha trattata malissimo, dicendo che non valevo niente.” Mentre racconta, Ludovica si comprime lo stomaco con le mani, come se dovesse fermare un conato di vomito dicendo che da allora si sente spesso gonfia e afflitta da nausea e bruciori. Ma non solo: “Ho iniziato a soffrire d’ansia. Claudio mi ha reso molto, molto insicura. Da allora sono dimagrita, non ho più appetito e lo stomaco mi si gonfia spesso, anche al lavoro. Faccio la commessa in un negozio e anche lì, spesso, i clienti non sono pazienti e gentili. Non appena ricevo un commento negativo vado in tilt e il mio stomaco si contrae come se dovessi vomitare..."

LEGGI ANCHELa gastrite si nutre di sofferenze e disagi interiori

Quando la gastrite è rabbia repressa

Apparentemente, ciò che rovina le giornate di Ludovica è la paura di essere giudicata, paura che la relazione con Claudio ha riacceso, ma che doveva essere già presente in lei. Le sedute continuano e il terapeuta le chiede di ricordare se il giudizio di qualcuno l’aveva ferita in passato. Ludovica, dopo aver chiuso gli occhi ed essere rimasta per qualche istante in silenzio, racconta di aver passato un periodo pesante durante l’ultimo anno delle elementari: una nuova maestra l’aveva presa di mira e la criticava continuamente. Ludovica si arrabbiava molto e avrebbe voluto, testuali parole, “vomitare addosso la sua rabbia a quella donna odiosa.” Ovviamente non lo faceva, si stringeva lo stomaco per fermare l’impulso.

LEGGI ANCHEQuando la rabbia trattenuta diventa gastrite

Le immagini ti vengono in aiuto

In realtà, gli altri non possono influenzarci così tanto, se non siamo noi a permetterlo. Forte di questa convinzione, la psicoterapeuta accompagna la paziente in un mondo di immagini. “Ludovica, proviamo insieme a reagire a ciò che Claudio voleva e continua a volere. Chiuda gli occhi e immagini di trovarsi di fronte a lui, un uomo prepotente che vuole dominare le donne per non mettersi in discussione. Ora immagini che dalla sua bocca emerga una lingua di fuoco che non brucia, ma che si attorciglia attorno al corpo di Claudio e gli provoca una bella scossa. Dopo un poco ritiri la lingua e immagini che Claudio si inginocchi davanti a lei a chiederle scusa”.

Più rispetto = meno gastrite

Ludovica è a occhi chiusi e un sorriso compare sulle sue labbra. Dopo qualche minuto apre gli occhi e il terapeuta le spiega: “Con questo esercizio abbiamo liberato la rabbia che, anche con la maestra, ha sempre cercato di controllare e chiudere nello stomaco. Non ha fatto del male a nessuno, ma ha insegnato a sé stessa che può difendersi e ottenere rispetto quando ne ha diritto.” Le sedute continuano per qualche tempo in questa direzione e Ludovica comincia a soffrire sempre meno di gastrite. Ecco il suo racconto: “Lo stomaco non mi fa quasi più male. Sono felice! Anzi, mi è venuto da ridere nel vedere Claudio che se la faceva addosso dalla paura. Sarà stato più grande, più colto e più presuntuoso, ma io sono stata me stessa e più forte di lui!” Quando ci affidiamo al mondo dell'immaginazione, attiviamo dei potentissimi canali di autoguarigione. La psicoterapia ha consentito a Ludovica di entrare in contatto con la propria rabbia repressa, ha liberato quella bambina che era dalle grinfie immaginarie della vecchia maestra e da quelle attuali del fidanzato prepotente. Così, la gastrite è diventata solo un ricordo...

TAG
GASTRITE
GASTRITE CRONICA
APPROFONDISCI
Come gestire la rabbia in 7 lezioni
Come gestire la rabbia in 7 lezioni

Gestire la propria aggressività è più facile di quello che si pensa

CONSIGLIATO PER TE
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

VIDEO
Gastrite: una lettura psicosomatica
GASTRITE
PSICOSOMATICA
RIZA
CAUSE
SINTOMI
CURE
VITTORIO CAPRIOGLIO
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?