Via la gastrite con il finocchietto
Mangiare sano

Via la gastrite con il finocchietto

I suoi semi contengono fibre, potassio e preziosi oli essenziali che stimolano i succhi digestivi e prevengono crampi e coliche...

Il finocchietto selvatico, è un’erba aromatica diffusa nel Centro-sud d’Italia dall’intensa fragranza simile alla liquirizia. L’aspetto è caratterizzato da un alto fusto eretto e da foglie ampie con segmenti sottili di colore verde scuro. I fiori, a grandi ombrelle gialle, sbocciano proprio ad agosto. Considerato una pianta medicinale nella cultura tradizionale cinese e dagli antichi egizi, il finocchietto si è poi uso diffuso in Europa trovando però fortuna principalmente in cucina, dove viene utilizzato per insaporire carni, contorni e minestre. Ma questa pianta profumatissima è anche un vero e proprio “giacimento” di sali minerali, vitamine e oli essenziali benefici, con proprietà aperitive e tonificanti simili a quelle dell’aneto, a cui è affine.

A fine pasto ti aiuta a digerire

Il finocchietto è spesso utilizzato per il trattamento di coliche e aerofagia dovute alla cattiva digestione: l’alto contenuto di anetolo aumenta il suo potere carminativo. In caso di coliche infantili la madre che allatta può consumare ogni giorno almeno 3 tazze d’infuso così preparato: si lascia in infusione per 30 minuti in una tazza da 250 ml di acqua un cucchiaino di semi di finocchietto, si filtra e si beve (se pesti i semi, il tempo di infusione si dimezza). Quest’infuso, ricco di fitoestrogeni, aumenta la lattazione in modo naturale. In casi estremi, prova ad aggiungere un cucchiaino d’infuso a un biberon di latte e fallo bere direttamente al bambino. E c’è un altro piccolo suggerimento, sempre per le neo mamme: se i capezzoli durante l’allattamento sono irritati o doloranti, un batuffolo imbevuto di infuso di finocchietto può decongestionare l’area e scongiurare la formazione di ragadi. La bevanda di semi di finocchietto facilita la digestione ed elimina dolcemente i gas accumulati, soprattutto a causa di una masticazione frettolosa. Infine riduce l’appetito e disintossica costituendo un valido alleato durante regimi dietetici controllati. Si consiglia anche di bere l’infuso prima del ciclo mestruale: regolarizza il flusso e tonifica l’utero.

Mastica i frutti: purificano l’alito

Tosta una manciata di semini (in realtà sono i frutti) e aggiungi un cucchiaio di petali di rosa secchi tritati. Mastica un pizzico del mix alla fine di ogni pasto: è un ottimo rimedio per chi soffre di alitosi dovuta a reflusso gastrico, dona freschezza e facilita la digestione, stimolando la produzione di bile. In caso di distensione addominale metti a bagno un cucchiaino di semini in un bicchiere di succo di limone e bevi un cucchiaino di questo composto a fine pasto. I suoi fiori attivano la peristalsi Gli stami dei fiori di finocchietto possono essere consumati freschi in insalata ma vanno raccolti presto perché altrimenti diventano legnosi: sono una naturale fonte di fibra (che riduce gli stati di costipazione e contrasta la stipsi), di ferro, potassio, selenio, vitamine A, C ed E. Aggiungi qualche gambo crudo all’insalata per un pieno di sali minerali.

L’olio di finocchietto attenua gli spasmi

L’olio essenziale di finocchietto è analgesico, antisettico, antispasmodico. In caso per esempio di difficoltà digestive si possono applicare 2-3 gocce di olio puro da massaggiare sull’area addominale per ridurre il gonfi ore e sciogliere la tensione. Inoltre tonifica fegato e milza.

TAG
GASTRITE
DIGESTIONE
ALITOSI
ALLATTAMENTO
APPROFONDISCI
Così si vince l'acidità di stomaco
Così si vince l'acidità di stomaco

Tutto quello che occorre fare per curare una volta per tutte gastrite, ulcera e reflusso

CONSIGLIATO PER TE
La digestione è la fonte della salute
La digestione è la fonte della salute

Come eliminare acidità, gonfiori, stipsi e colite, con i rimedi naturali una volta per tutte.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?