L'aiuto pratico
Routine: uscirne dipende da te

Un ritmo di vita frenetico e ripetitivo può essere molto dannoso, fino a trasformarti in robot: ecco come rompere il meccanismo della routine

A ognuno di noi sarà capitato, almeno una volta, di avere un’ottima intuizione relativa a un cambiamento da fare, ma poi, presi dagli impegni, di dimenticarla e di agire come se non ci fosse mai stata. Questo fenomeno si chiama reset, cioè azzeramento o ritorno allo stato precedente, e rappresenta un meccanismo fisiologico e naturale della mente. Ci sono però casi in cui la tendenza al reset influenza eccessivamente la vita psichica e mentale, al punto da impedire alla persona di evolvere, di seguire idee e intuizioni. Potremmo svoltare, ma poi, in automatico, perdiamo di vista “l’idea” e ricominciamo con la solita routine.

Leggi anche: vuoi vincere la tua inerzia? Fai così

La routine è sempre dietro l’angolo…

In ogni situazione si può cadere  vittima di questo meccanismo di ruotine che azzera le novità. La vita di coppia, ad esempio: si promette all’altro che non si terrà più un certo atteggiamento sgradito, ma basta dormirci sopra per svegliarsi come una tabula rasa e riprendere con la medesima routine. La vita sociale: si intuisce che il proprio modo di fare espone il fianco ai manipolatori, ma quando ci si trova nella situazione tipica ci si comporta al solito modo. La vita interiore: si approda a una visione nitida di un problema, ma poi si riprende esattamente come prima, cadendo nella solita routine. Ma che cos’è davvero il reset? La psicanalisi lo spiega come un’azione dell’inconscio che tenta di boicottare le scelte innovative della coscienza: una forma di resistenza verso il nuovo perché l’ignoto fa paura, perché non ci si sente pronti o non si è abituati. È una spiegazione sicuramente valida, ma non è completa. Occorre guardare lo stile di vita mentale: la persona vive immersa in un ritmo elevato di azioni e di pensieri concreti e, quando si trova ad aver a che fare con un’idea diversa dal solito, ne coglie al momento l’importanza ma non sa cosa farne, come trattarla, e per la sua mente è più comodo lasciarla andare e restare nella routine.

Esci dalla routine ricordandoti di te 

Lo stesso ritmo elevato fa sì che non si riesca mai a stare nel presente: mentre si ha un’intuizione valida, la mente è già altrove, sta già puntando qualcos’altro, non riuscendo così a interiorizzare la novità. Il risultato è che non si riesce ad andare oltre la routine. La vita diventa un insieme di inizi: mille inizi lasciati lì, come se non si potesse uscire dal solito binario. Invece si può e si deve, ma bisogna disattivare questo “parassita psichico” costituito dalla tendenza al reset. Si può farlo in molti modi: con la scrittura, un notes su cui fissare le idee “da non mollare”; con una psicoterapia che, a ogni incontro, aiuti a riportare sulla trama da seguire; occorre insomma puntare una sveglia che ogni giorno si incarichi di ricordarci di noi, di ciò che non vogliamo annebbiare. Il reset spesso è tenace, ma non è che un automatismo, non ha coscienza né amore. Noi invece sì, e possiamo farcela!

APPROFONDISCI
Riza Dossier: Come superare lo stress

Vivere felici 10 anni in più

CONSIGLIATO PER TE
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?