Via gli alibi e la felicità arriva
L'aiuto pratico

Via gli alibi e la felicità arriva

Non sono le ferite del passato o i nostri difetti a frenarci, ma la mentalità nella quale ci siamo rinchiusi: per uscirne, basta un piccolo esercizio...

Da anni Viola vorrebbe migliorare la propria forma fisica: si vede sciupata, ingrassata, ma nello stesso tempo non riesce a impegnarsi per cambiare le cose. Durante un gruppo di terapia le viene chiesto di mettere per iscritto le sue emozioni a riguardo: che cosa vorrebbe fare e perché a suo parere non ci riesce. Viola scrive una pagina in cui spiega che il suo obiettivo è tornare in forma, ma i figli, il lavoro, gli impegni, lo scarso tempo... È sempre andata così, non ha mai saputo imporsi sulle cose. Fin da ragazza. E questo la fa sentire frustrata, in colpa. In seguito le viene chiesto di rileggere quanto ha scritto e poi di provare con calma a riscriverlo, correggendo i punti in cui non è stata del tutto sincera. Nella seconda versione ecco emergere un’altra verità: Viola ammette che in realtà odia fare ginnastica, proprio non lo sopporta, e usa qualsiasi scusa per non farlo. Niente di male, ma saperlo le eviterà almeno tutti quei retropensieri, sensi di colpa e alibi circa il proprio passato, e le permetterà di organizzarsi meglio, magari cercando un’attività che le piace di più. È solo un esempio, significativo di come molte volte siamo noi stessi a crearci degli alibi per giustificare ai nostri occhi e a quelli degli altri i nostri fallimenti, quando in realtà siamo proprio noi a crearli, magari, come nel caso di Viola, per evitare di fare qualcosa che nel profondo… detestiamo!

Via dagli alibi, sono zavorre!

La scrittura, grande alleata contro i malesseri

La storia di Viola fa parte di un’importante ricerca americana che ha coinvolto tra le altre la Duke University, che indaga su come la scrittura possa aiutarci a superare i disagi. La nostra “versione dei fatti” non solo non è sempre veritiera, ma spesso è il vero ostacolo per un approccio migliore ai problemi quotidiani. La scrittura “terapeutica” è uno strumento valido per smantellarla, perché ci permette di vederci dal di fuori, mettendoci di fronte a qualcosa da cui possiamo prendere le distanze, un passaggio fondamentale per uscire anche dagli alibi con cui a volte ricopriamo antiche ferite ormai rimarginate.

Scrivi sogni e paure, scoprirai la tua strada

Franco e Lucia sono ai ferri corti: il loro matrimonio dura da sei burrascosi anni e lei sta male perché, dice, “litighiamo sempre e non cambierà mai niente, siamo fatti così. Lui è burbero e disattento nei miei confronti, mentre io sono oltremodo irascibile. E abbiamo accumulato troppi torti reciproci in questi anni, una barriera che ormai ci impedisce un rapporto naturale”. In una terapia di coppia è invitata a scrivere la propria “versione dei fatti”, e lo stesso viene chiesto a Franco. Poi i due devono scambiarsi i ruoli: ognuno scriverà quella dell’altro. Ma non basta: a entrambi viene chiesto di scrivere la versione degli amici più cari con cui si confidano, quella dei vicini di casa che li sentono litigare e quella dei rispettivi genitori. Man mano che l’esercizio prosegue, la tensione di Lucia si scioglie: rileggendo la prima versione, quella che dovrebbe rappresentarla, la sente distante e inadeguata, mentre quella “degli amici” scritta da Franco la fa ridere di gusto... Si rende conto che il punto non sono solo le differenze tra loro due, ma i ruoli in cui si sono ormai calati: due mentalità cresciute come piante parassite che impediscono ai partner di vedersi per quello che sono. Ora sa che ci sono altri modi per affrontare i problemi, ma prima, chiusa nella sua mentalità difensiva, non lo sapeva!

Così vedi i problemi da un’altra prospettiva

In un esperimento compreso nella ricerca sulla scrittura terapeutica di cui abbiamo parlato poche righe sopra, alcune matricole universitarie, terrorizzate dal primo esame, sono state invitate a scrivere i motivi delle loro paure. “Non posso sfondare in questo ambiente, è troppo esclusivo, io non sono abbastanza bravo, non sono all’altezza”: questa era la versione che usciva più spesso dai loro scritti. È stato chiesto loro di rileggersi dopo un giorno e di confrontare i propri testi sotto la supervisione di alcuni studenti degli anni superiori. Durante questa fase di confronto si sono resi conto che è del tutto normale avere paura, che i difetti denunciati erano solo un mettere le mani avanti in caso di fallimento. Rinfrancati, affrontano l’esame e lo superano in una percentuale nettamente superiore agli altri coetanei che non avevano partecipato all’esperimento.

TAG
ALIBI
PSICOLOGIA
ESERCIZI PSICOLOGICI
APPROFONDISCI
Impara l'arte di semplificarti la vita
Impara l'arte di semplificarti la vita

Elimina le gabbie mentali, così realizzi facilmente tutti i tuoi obiettivi

CONSIGLIATO PER TE
I test che ti svelano la tua vera personalità
I test che ti svelano la tua vera personalità

Bastano pochi minuti per scoprire le nostre qualità nascoste

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?