La serenità interiore a portata di mano
Ansia

La serenità interiore a portata di mano

Raggiungere la tranquillità, che viene solo dal mondo interno, è sempre possibile: fallo con un percorso di immagini e parole che ti porta alla sorgente della pace

Fai questo semplice esercizio che in poco tempo ti regalerà la quiete che desideri. In un luogo tranquillo della tua casa mettiti in una posizione comoda, respira in silenzio, con calma, poi quando tela senti, pensa a un momento della tua vita in cui qualcosa è andato storto: un grosso litigio, un amore finito, un esame non superato. C’è una voce che viene in superficie e può somigliare a una di queste:

"Lo sapevo che non ce l’avrei fatta... nessuno mi amerà per quel che sono... capitano tutte a me... Sono nata sfortunata...".

Porta l’attenzione sul monologo interno, sulla voce che dentro di te è pronta a giudicare e commentare ciò che fai e ciò che ti capita.

Guarda i sentimenti opposti dentro di te

Ora prendi un foglio bianco e scrivi la frase o le frasi emerse, poi leggile dicendo a te stessa:

"Questo è ciò che c’è dentro di me, questa è la voce che continua a presentarsi".

Ora in fianco a ognuna, scrivi la frase opposta. Ad esempio:

“Sapevo che sarebbe andato tutto bene... molte persone mi amano... mi sento baciata dalla dea bendata... "

Osserva assieme le due frasi. Non si tratta di preferirne una all’altra o di trasformare quella negativa in positiva, ma di percepirle assieme. "Non valgo niente... valgo qualche cosa... Sono amato...posso anche non essere amato". Gli opposti possono stare insieme come unità dei vari aspetti della tua vita. La voce che pronuncia le due frasi è la stessa: ma osservandole assieme puoi lentamente vederle allontanarsi da te. Ecco, ora non c’è più quella voce, non ci sono più i suoi giudizi, né negativi né positivi.

Adesso gira il foglio e scrivi:

"Non conta se valgo o non valgo, ma che io viva nell’istante le cose per come sono, che viva di volta in volta ciò che accade guardandolo come se fosse la prima volta".

Osserva il foglio per un po’, poi con calma torna alle tue occupazioni, portandolo con te. Ogni tanto riprendilo in mano e osservalo.

Respira, lasciati andare, immagina

Nel buio della stanza della casa in cui ti senti più protetta, ora chiudi gli occhi e immagina di essere su una barca in mezzo all’oceano. Una barca che va da sola, come se ci fosse un timoniere invisibile che la guida. All’inizio provi un po’ di ansia perché non sei tu a timonare, ma ti affidi, lasci fare al timoniere invisibile. Navighi nel mare aperto, poi scorgi un’isola, la barca si avvicina e approda: è l’isola della tristezza.

Scendi dalla barca e cammini sull’isola...Cammini, e vorresti trovare un posto dove lasciar scorrere la tristezza che senti dentro di te. Ma è una tristezza dolce, senza motivo. La accogli, è qui con te. E mentre la contempli dentro di te, la tristezza si trasforma in un’energia che ha le sembianze di una donna amica al tuo fianco. Stai bene con lei: senti il benessere dentro la tristezza, la tristezza dentro il benessere...

Ora dolcemente puoi risalire sulla nave. E con te sale questa amica, la Donna della tristezza. Il timoniere invisibile conduce, la barca naviga. Adesso si ferma in un’altra isola: è l’isola della paura. Scendi sull’isola, ti fermi e la senti, la paura. La accogli. Senti di non avere certezze. Anche la paura è un’energia. E si trasforma in amica, anche lei. È diversa dalla tristezza, ha un aspetto differente. Ma è una compagna di viaggio e tu la accogli come fosse una sorella...

Insieme risalite sulla barca e il viaggio continua. Finché approdate su un’altra isola. È un’isola ricolma di fiori colorati e con alcuni senti una grande affinità. Il loro profumo ti inebria e una grande eccitazione pervade il tuo corpo. È l’isola dell’energia primaverile. Anche questa energia si trasforma in un’amica, un’amica floreale. E ora sulla barca hai una terza sorella, una terza compagna. Tristezza, paura, eccitazione. Adesso la barca arriva nella vita di tutti i giorni. Vedi una scena di tutti i giorni e tu chiami per soccorrerti la Donna dei fiori, la Donna della tristezza, la Donna della paura. Le cerchi come compagne di viaggio. La tua vita con queste tre sorelle è diversa. Le cose non hanno la stessa importanza, i disagi non hanno la stessa importanza. Ora lo sai. E puoi riaprire gli occhi....

Questa immaginata è tratta un numero della rivista RizaRelax. Scopri il numero attualmente in edicola

SFOGLIA L'ANTEPRIMA

TAG
IMMAGINARIO
IMMAGINATA
IMMAGINAZIONE
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
Riza Relax
Riza Relax
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?