Ansia
L'ansia di sentirsi vecchi... fin da giovani!

Imporsi di rispettare a tutti i costi scadenze ritenute improrogabili produce l'ansia di non essere mai al passo coi tempi: scopri come uscire da questa gabbia

La vita media non è mai stata così lunga, il benessere generale è ben più diffuso che in passato, i progressi della medicina e le ottimali condizioni igienico-sanitarie nelle quali vive la maggior parte delle persone (almeno in Occidente) permettono di essere attivi, di avere una vita sessuale appagante e una buona salute anche molto avanti con gli anni. Eppure tantissime persone si sentono irrimediabilmente in ritardo e in ansia, e non solo gli anziani: oggi ci si può sentire “troppo vecchi” già a 20, 30, 40 anni. Siamo calati in un sistema che ci detta continue scadenze che "agiscono" sulla nostra mente, obbligandoci a rispettarle a tutti i costi. Se un ragazzo non ha fatto le prime esperienze sessuali entro i 16/17 anni si sente tagliato fuori; un ventenne nella stessa situazione verrebbe guardato dagli altri quasi come un alieno. C’è poi la questione laurea: se non la prendi entro i 25 anni, sei fuori tempo e comunque chi cerca un lavoro dopo i 30 anni è ormai superato. Non che a 40 vada meglio: chi vuole cambiare professione è troppo vecchio, perché “ormai è su quella strada”. E guai a non aver comprato casa o a non aver nemmeno iniziato un mutuo! Gli anziani, infine, sentono di non servire più a un sistema che vuole tutti giovani, agili e scattanti: non si sentono dei Vecchi saggi, portatori di esperienza, ma vecchietti, portatori di noie per chi deve accudirli. Sono solo esempi, ma tutte queste situazioni non fanno altro che scatenare l’ansia

Leggi anche: l'ansia da prestazione si supera così

Uscire dal pensiero comune placa l'ansia 

Certo, non va sempre così, ma questo è lo scenario prevalente: inevitabilmente, molti si fanno prendere dall’ansia per paura di andare fuori tempo massimo. Così si capovolge l’immagine biblica della pecorella che si smarrisce mentre il gregge è al riparo; qui è la pecorella solitaria a essere in salvo, mentre il branco è dentro un recinto che lo opprime e lo fa sentire vecchio e inadeguato. Ma smontare quest'ossessione è possibile! In fondo si tratta di una tendenza proveniente dall’esterno, con cui ogni uomo di ogni tempo ha sempre dovuto fare i conti. Era così nelle tribù primitive, quando ogni manifestazione di individualità era bandita, e così è stato nel corso della storia, quando le varie ideologie dominanti facevano diventare chi aveva un proprio pensiero una strega o un eretico. Oggi ci fanno sentire vecchi, ma il succo è lo stesso. Non dobbiamo arrenderci ai tempi imposti e all’ansia ma restare in contatto con la nostra profondità e cercare sempre di capire quali sono i nostri veri bisogni, i nostri gusti, le nostre peculiarità: nonostante i comandi dall’esterno, dobbiamo sempre trovare il modo per dar loro spazio. 

Ecco come star bene nei tuoi panni

Elimina la parola “ormai”. È una delle parole più dannose per la psiche: evoca impotenza, occasioni perse, irreversibilità. E produce ansia. Quando ti viene di pensarla, guardala bene e poi inizia a bandirla dai tuoi discorsi e vedrai che ciò agirà anche sulla mente. “Ormai” è una parola spesso associata a frasi lamentose e vittimistiche, che cercano complici conferme: eliminala il prima possibile

Rispetta la tua natura. Pensa ai neonati e agli animali: sono in stretto contatto con i propri ritmi e bisogni, non si lasciano dettare niente dall’esterno e se vengono forzati, stanno male. E non conoscono l'ansia. Tieni sempre a mente i tuoi tempi e le tue caratteristiche e non permettere che i modelli di massa li giudichino inadeguati. 

No alla mentalità comparativa. Non adeguarti a modelli esterni: se sei tu il primo a usare gli altri come metro di giudizio, verrai invaso da questi parametri. Concentrati sul tuo percorso: i tempi e i risultati devono esprimere ciò che sei, non quanto bene ti adegui. Hai già la tua identità, non devi ricavarla dagli altri!

APPROFONDISCI
Vinci l'ansia delle pulizie

Cosa nasconde e come risolverla

CONSIGLIATO PER TE
Breve corso per vincere l'ansia

Siamo convinti che l’ansia dipenda sempre da qualcosa o da qualcuno e c...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?