Ansia
L'ansia ti assale? Ritrova così la pace interiore

Quando sei preda dell'ansia e ti sembra di rincorrere la vita in un affanno continuo, chiedi aiuto alla risorsa più preziosa che hai: l'immaginazione

Ci sono momenti nei quali l'esistenza somiglia a una corsa infinita, fra impegni, scadenze, obblighi vari. L'ansia diventa una compagnia costante e fastidiosa e sembra che le brutte giornate superino di gran lunga quelle belle o anche solo "accettabili". Si vorrebbe scappare, trovare un rifugio, un posto tranquillo dove l'ansia non riesca a entrare, ma purtroppo - si pensa, non è possibile... Proprio vero? Sì, se il rifugio tanto desiderato è fuori di noi. No, se puntiamo lo sguardo in un'altra direzione e ci affidiamo all'interiorità e all’immaginazione. In questi "luoghi" possiamo andare ovunque ed essere chiunque: immaginare non è perdersi dietro a fantasie sterili, ma attivare potenti risorse terapeutiche che troppo dimentichiamo. Per farlo, seguiamo le indicazioni "tecniche" contenute in questo articolo e lasciamo che la mente voli in libertà...

Se hai l'ansia nessun luogo è davvero sicuro...

Ecco...ora sono in un altro luogo, un altro tempo...lontano da qui... un castello su di una collina, ben difeso con salde mura di pietra...torrioni, guardie armate...i vessilli al vento...Sono su di un ampio letto, una pesante coperta di lana mi difende dal freddo dell’autunno, nel camino grossi ceppi si consumano lentamente.. mi sento al sicuro...il fuoco danza riflesso sulle pareti…Ma di colpo, la porta si apre, una guardia urla concitata: sotto le mura c’è il nemico…sta piazzando macchine da guerra…frecce infuocate piovono già sulla mura, dentro il castello…sono invaso dalla rabbia, dalla frustrazione...Il nemico è fortissimo…non è possibile combatterlo...le mura prima o poi cederanno alle pietre lanciate, al fuoco…sarà sfondata la porta principale…

Dove trovare pace e sicurezza? 

Voglio uscire, fuggire da questo luogo insicuro…una folata di vento spegne il fuoco...il fumo invade la stanza….ho paura…non vedo più nulla e l'ansia mi pervade...poi Il fumo si dirada…ora sono su di un prato, in una radura...intorno alberi con le foglie gialle, dorate...si sentono solo i cinguettii degli uccellini… molto lontano vedo il castello…da lì s’innalza il fumo di un incendio…No, non era il posto giusto….dove posso trovare pace e sicurezza? Qui sembra tutto tranquillo…rilassante…c’è un sentiero…lo percorro…cammino su di un tappeto di foglie gialle…uno scoiattolo rosso salta da un ramo all’altro…qui non c’è guerra…il sole di mezzogiorno illumina  la foresta…se solo trovassi un rifugio potrei  fermarmi, riposare… 

Ma quando ti senti perso e l'ansia ti tormenta... 

Dopo poco vedo una piccola collina, sul suo fianco l’apertura di una grotta…sono teso e diffidente…Mi avvicino…la grotta è illuminata da torce infisse nella roccia…entro…vedo un letto…dei bracieri…una tavola…uno stipo pieno di manoscritti e libri... un’arpa appoggiata in un angolo…non so cosa pensare…Può essere un rifugio? Forse... Una grotta può essere un posto ideale…ma di chi è? D'improvviso, sento il rumore di cavalli al galoppo... si fermano davanti alla grotta…sento il rumore di spade sfoderate e delle urla: "Si deve essere nascosto lì dentro, è in trappola..” E’ il nemico... un drappello di cavalieri che chissà come mi ha trovato… Che fare, dove fuggire… E’ un altro posto sbagliato maledizione! 

... Qualcosa arriva "da dentro" e ti salva 

Sento l'ansia, l'angoscia salire dietro di me, sono spaventato, non ho un’arma…Mi giro… vedo un vecchio con una grande barba bianca, vestito con una tunica stracciata...è Merlino il mago, la grotta è sua! Non riesco a dire altro che: “mi hanno trovato, che posso fare, come nascondermi?” e fargli un cenno disperato.. Lui mi sorride e mi indica una ghianda sul tavolo…E’ ammattito? Lui allora prende la ghianda e me la porge…sono confuso...non capisco…mi sembra assurdo ma la prendo in mano….All’improvviso tutto scompare, Merlino, la grotta, i cavalieri…mi pervade una grande tranquillità, un senso di sicurezza, l'ansia è scomparsa…ho la sensazione di protendermi verso il profondo di me, un profondo nutriente e tiepido…. Sono una ghianda, ho radici che si allargano nella terra…sento la vita dentro e intorno a me… è curiosa la sensazione di “crescere” ed è appagante…Il rifugio che cercavo, il rifugio migliore è “dentro” di me, sentirsi seme che cresce…colmo di potenzialità… Sono una ghianda che cresce…e dove c’è crescita c’è speranza…sicurezza…calma…La magia che mi è stata indicata dal profondo di me è proprio questa: un luogo sicuro non esiste “la fuori”... ma solo dentro, dentro di me...

APPROFONDISCI
Vinci l'ansia delle pulizie

Cosa nasconde e come risolverla

CONSIGLIATO PER TE
Breve corso per vincere l'ansia

Siamo convinti che l’ansia dipenda sempre da qualcosa o da qualcuno e c...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?