Ansia
Se devi cambiar vita, fallo subito o arriva l'ansia

Il tempo delle svolte non va sprecato: il tempismo è lasciare che le cose che devono accadere accadano senza sensi di colpa o troppi pensieri, che creano ansia inutile

Una lettrice di Riza psicosomatica ci scrive questa e mail: “Dopo anni di inattività, a un passo dai cinquant'anni, ho ripreso a lavorare a tempo pieno e a casa è scoppiata la crisi. Figli grandi che fanno i capricci, marito che fa ritorsioni, amiche a un passo dalla pensione che mi guardano come un’aliena. Come se la mia scelta fosse fuori tempo, come se tornando a lavorare avessi invertito la rotta, complicando la vita a tutti. Tutti mi fanno sentire in colpa, eppure so che per me questo lavoro è arrivato nel momento giusto: era tempo di cambiare. Di questo pare però che nessuno tenga conto e a nulla serve spiegare che non è un capriccio, ma una necessità. In vita mia non ho mai perso il controllo, ma ora vacillo, ho crisi d’ansia. Non voglio cedere, so che lotto per qualcosa di vitale per me, ma non voglio nemmeno mettere a rischio tutto il resto".

Scopri questo esercizio anti ansia

Abbandonare le abitudini frena l'ansia

Quando facciamo del controllo uno stile di vita, perderlo ci spaventa. Eppure è proprio cedere quel che dobbiamo imparare, se non vogliamo farci intrappolare dall'ansia. Cedere in certi casi non vuol dire dobbiamo mollare, ma obbedire a qualcosa per noi irrinunciabile. Per questo il momento di massimo cedimento può coincidere col momento di massima adesione al nostro essere, di massima forza. Non c’è altro da dire, niente da aggiungere o da togliere, nessuna possibilità di contrattazione. “Quando è tempo, è tempo” ricorda Clarissa Pincola Estes, autrice del best seller “Donne che corrono coi lupi”: è una chiamata, non una proposta. Non scegli di andare, se è tempo di andare; o di restare, se è tempo di restare. Non lo fai perché l’amica te lo consiglia o il meteo ti assicura che sarà una bella giornata; nemmeno perché hai sistemato tutto il resto e quindi sei finalmente libera. La verità è che, semplicemente, è tempo.

Rispondi ai richiami della vita se vuoi dire addio all'ansia

Le donne, che trovano il tempo per tutto, che sono le maghe dell’emergenza, spesso non danno a questo tipo di "chiamata" il valore che ha: rimandano, fingono che tutto vada bene, in qualche caso preferiscono persino ammalarsi. Il problema è che, se non siamo noi a riconoscere l'urgenza, è quasi certo che nessuno lo farà al posto nostro. Perché dovrebbe poi? La chiamata in fondo è per noi, noi soltanto. E non è raro che gli ipotetici alleati, figli o uomini che siano, traducano il loro appoggio in una concessione che ci fanno e che li autorizza poi a presentare il conto, quasi sempre salato! E quando si ha la saggezza di rispondere, i sensi di colpa ci tentano da ogni dove: tutto intorno a noi ci mostrerà segni di abbandono, dalla famiglia agli amici. Bisogna tener duro, perchè prima o poi le cose si normalizzano, sempre. Lottare per fare quel che si sa necessario è un’ottima palestra: fortifica noi e emancipa gli altri.

APPROFONDISCI
Vinci l'ansia delle pulizie

Cosa nasconde e come risolverla

CONSIGLIATO PER TE
Breve corso per vincere l'ansia

Siamo convinti che l’ansia dipenda sempre da qualcosa o da qualcuno e c...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?