Come prevenire le intolleranze alimentari nei bambini
Vita in famiglia

Come prevenire le intolleranze alimentari nei bambini

Le intolleranze alimentari nei bambini sembrano diffondersi sempre più: scopriamo cosa possiamo fare per prevenirle con successo

Le intolleranze alimentari nei bambini: un problema "moderno"

Le intolleranze alimentari sono reazioni tossiche all'ingestione di un cibo in assenza di allergie. Non è stata ancora trovata una causa accettata universalmente sulla natura delle intolleranze alimentari. E' possibile che alcune patologie di cui spesso soffrono i bambini (fra le quali riniti, congiuntiviti, disturbi della cute...) siano una con-causa delle intolleranze alimentari, ma è più probabile che l'eccessiva manipolazione industriale dei cibi, la lunga conservazione e l'eccessivo consumo di carni rosse e cereali raffinati, stia determinando un sensibile aumento di patologie del sistema immunitario con un conseguente aumento delle intolleranze alimentari, anche nei bambini.

Cosa fare per prevenire le intolleranze alimentari nei bambini

Esistono alcune regole base per prevenire l'insorgere delle intolleranze alimentari nei bambini piccoli. Evitare alcuni cibi a rischio e proporre ai bambini una dieta equilibrata e senza eccessi è la via migliore. Anzitutto i cibi devono essere conservati il meno possibile, essere consumati freschi, essere cucinati in casa rispettandone la stagionalità e la varietà. E' inoltre importantissimo bilanciare bene carboidrati, grassi e proteine, senza che mai nessuna di queste componenti prevalga sulle altre. Coloranti e aromatizzanti artificiali hanno un'alta capacità di produrre intolleranze alimentari nei bambini: vanno evitate il più possibile.

Intolleranze: attenzione ai frutti di bosco

Alcuni frutti come le fragole, le ciliegie, i frutti di bosco e l'uva possono causare intolleranze alimentari come reazioni di tipo istaminico con arrossamenti cutanei per cui è consigliabile introdurli dopo i nove mesi. Gli agrumi (arance, mandarini e limoni), per quanto ricchi di vitamina C ed E, possono dare reazioni allergiche anche di tipo respiratorio. Devono essere introdotti dapprima in piccole dosi e non quotidianamente.

Tenete il bianco d'uovo sotto controllo

Alcuni studi sostengono che il bianco dell'uovo possa essere causa di allergia alimentare: è vero però che è un'ottima fonte di proteine nobili. Laddove non si manifestano evidenti segni di intolleranze alimentari a questo cibo il bianco d'uovo può essere utilizzato per integrare il fabbisogno proteico e per equilibrare l'apporto di carboidrati che, di solito, è sbilanciato in eccesso.

Le intolleranze al latte provengono dal tipo di allevamento industriale

Il latte proveniente dagli animali è una delle fonti più comuni di allergie, in particolare il latte vaccino. Anche il latte artificiale deriva dal latte vaccino quindi può predisporre all'insorgenza di intolleranze alimentari. Molti anni fa, quando ci si alimentava del latte di un solo animale allevato biologicamente e custodito nella stalla vicino a casa, i problemi di intolleranze alimentari nei bambini erano molto meno frequenti. Oggi, invece, in un bicchiere di latte vaccino sono presenti tantissime proteine provenienti magari da decine o centinaia di mucche: questo stimola sicuramente molto di più il sistema immunitario dei piccoli e può generare fenomeni di "difesa". I formaggi in genere vanno introdotti nella dieta dei bambini con un po' di attenzione, ma un'ottima alternativa a quelli di mucca sono quelli di pecora e capra.

Meglio le mandorle delle arachidi per evitare le intolleranze alimentari

Alimenti come fave, soja gialla, burro di arachidi sono tra i più pericolosi per coloro che possono sviluppare intolleranze alimentari e allergie. Anche in questo caso devono essere introdotti nella dieta a piccole dosi senza abolirli totalmente.

TAG
BAMBINI
ALIMENTAZIONE
CIBI
INTOLLERANZE ALIMENTARI
ALLERGIE
APPROFONDISCI
10 regole per dimagrire e non ingrassare più
10 regole per dimagrire e non ingrassare più

I trucchi e le strategie che funzionano davvero per perdere peso in modo sano e non riprenderlo più

CONSIGLIATO PER TE
Il tuo weekend bruciagrassi
Il tuo weekend bruciagrassi

Come perdere 3 kg in 3 giorni

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?