Quando scopri che tua figlia fa l'amore
Adolescenti

Quando scopri che tua figlia fa l'amore

La cosa importante da fare non è certo ostacolarla, litigare perché l’ha fatto o punirla, ma accertarsi che viva nel miglior modo (e in sicurezza) l’esperienza

Agli occhi dei genitori i figli restano sempre un po’ bambini. È anche per questo che quando veniamo a sapere che hanno già avuto il primo rapporto sessuale, la reazione istintiva è spesso di sorpresa velata da una certa preoccupazione. Ancora di più se si tratta di una figlia femmina perché, il modo di vivere la sessualità di una donna è molto diverso da quello di un uomo. Resta sempre il timore che non abbia ancora la maturità per affrontare una delle forze più potenti che abitano in noi: l’eros. E soprattutto che non abbia ben chiare le conseguenze che un comportamento imprudente su questo terreno può comportare… Come ci racconta Clara, una lettrice di Figli Felici e mamma di Sofia, 16 anni, che dice di aver scoperto con sorpresa che sua figlia non è più vergine, trovando la ricetta della pillola mentre faceva pulizia nella sua camera. “Non me l’aspettavo proprio. Pensavo fosse ancora lontana da questo tipo di esperienza… Mi rendo conto ora di quanto poco conosco mia figlia. Come mi devo comportare?”.

La reoccupazione è giustificata solo se...

Le ansie dei genitori nei confronti della prima esperienza sessuale del figlio dipendono dall'età del ragazzo e dal modo in cui lui affronta l’esperienza, se con una certa maturità o con troppa leggerezza. Facciamo attenzione se:

- Il sesso viene affrontato senza una minima base di informazioni in merito;

- Se è il risultato di una forma di disistima (si “butta via” concedendosi al primo che capita, lo fa per dispetto e ribellione nei nostri confronti);

- Se lo fa per imitazione di un’amica o per sentirsi grande.

La regola d'oro: aspettare che sia lei a parlarne

Prima possibilità: è lei che ci informa

Se con lei c’è un buon rapporto, possiamo parlarle apertamente: “è una bella cosa, è importante che tu la possa godere appieno, senza paure… Se vuoi ti prendo un appuntamento dalla mia ginecologa oppure ne scegli una tu consigliandoti anche con le tue amiche”.

Seconda possibilità: lo veniamo a sapere noi

Se fra di noi, invece, c’è poca confidenza, è probabile che siamo venuti a saperlo per caso. Diciamole: “Sono venuta a sapere che hai rapporti con il tuo ragazzo. Se vuoi parlarne io sono qui. Se, invece, vuoi tenere la cosa per te, ti consiglio solo di trovarti una ginecologa di fiducia…”.

Non invadere il campo con commenti inopportuni

Spettegolare sulla sua prima volta

Sbandierare i suoi sentimenti, pubblicizzare l’evento parlandone con parenti o amici è la cosa peggiore che si possa fare. Lei lo intuisce e si chiude a riccio. Manteniamo, invece, il silenzio e quando vorrà parlarne, sarà lei a cercarci.

Giudicare

“Io al tuo posto, avrei aspettato ancora un po’”.  Se abbiamo un’opinione diversa dalla sua è giusto che le spieghiamo il nostro punto di vista, senza che si trasformi in un giudizio o in un rimprovero.

L’errore

Volere che nostra figlia pensi e provi le stesse cose che pensiamo e proviamo noi

Il consiglio

Accertarci che nostra figlia viva bene l’esperienza e riceva informazioni tecniche chiare

TAG
ADOLESCENTE
ADOLESCENTI
AMORE
” SESSO
“RAPPORTO SESSUALE
”
APPROFONDISCI
Il linguaggio segreto dell'eros
Il linguaggio segreto dell'eros
Ritrovare il piacere e l'armonia sessuale senza dover ricorrere ai farmaci
CONSIGLIATO PER TE
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017

Quali sono i falsi problemi che possono mettere a rischio la nascita di un am...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?