Aneto, l’erba aromatica amica della salute
Mangiare sano

Aneto, l’erba aromatica amica della salute

L’aneto, molto popolare nella cucina del nord Europa e in oriente, è un insospettabile scrigno di vitamina a, sali minerali e oli essenziali carminativi e digestivi

L’aneto è ancora un ospite inconsueto delle tavole italiane, ma tra le erbe aromatiche è una delle più sorprendenti dal punto di vista terapeutico. Le sue foglie sottilissime sono ricche di vitamine A e del gruppo B, oltre che di calcio, potassio, ferro, sodio e manganese. Sono soprattutto gli oli essenziali però a fare dell’aneto un’erba amica dell’intestino. Basti pensare alla sua efficace azione carminativa che coadiuva l’espulsione di gas dallo stomaco e dall’intestino e alla sua imbattibile funzione digestiva, paragonabile a quella del finocchio, con cui spesso viene confuso, per via dell’aroma molto simile. La buona digestione, come si dice, comincia dalla bocca: prova a masticare qualche seme di aneto dopo il pasto. Così non solo acceleri la digestione, ma ti garantisci un alito fresco in modo naturale e neutralizzi i batteri che potrebbero proliferare nel cavo orale.

Aneto: se ne usano semi e foglie

Dell’aneto si utilizzano sia i semi marroncini sia le foglie; queste ultime, da preferire all’erba essiccata, sono ancora utilizzabili anche se il loro aspetto è leggermente “afflosciato”, perché per natura avvizziscono appena colte. Puoi conservare l’aneto fresco in frigorifero avvolgendolo in un foglio di carta assorbente inumidito o immergendo i gambi in un vasetto di acqua fresca. Altrimenti puoi surgelare l’aneto in un vassoio per cubetti di ghiaccio riempito d’acqua e aggiungere poi qualche cubetto nelle zuppe o nello stufato, durante la cottura. L’aneto è davvero versatile in cucina: si abbina bene alle verdure bollite, alle carni cotte alla griglia, ai pesci e alle marinate ed è ottimo anche per condire le uova sode.

Placa i bruciori di stomaco e favorisce il riposo

L’aneto è onnipresente nella cucina nordica e mediorientale. “Dill”, il suo nome norvegese, deriva da “dilla”, che significa “lenire, calmare” e si riferisce all’efficacia di questa pianta nel placare i bruciori di stomaco e nell’indurre il sonno. Questo leggero effetto sedativo è dovuto alla presenza di tannini e anetolo: una tazza di infuso di aneto fresco prima di dormire assicura un sonno lungo e profondo, ma puoi anche ottenere lo stesso effetto guarnendo una coppetta di vellutata tiepida di verdure con una spolverata di aneto fresco o essiccato.

Previene la fragilità ossea delle donne over 50

L’aneto è un’ottima fonte di calcio, il minerale indicato per rallentare la rarefazione ossea che spesso interviene con la menopausa a causa del calo della produzione di estrogeni. Per mantenere una buona densità ossea inserisci nel menù settimanale questa gustosa ricetta: mescola un cucchiaino di aneto tritato e un cucchiaino di senape in grani con poco olio di semi fino a ottenere una salsina. Versa su un trancio di salmone fresco, avvolgi con la stagnola e cuoci in forno a 180 °C per 20 minuti.

Aneto: l’alleato in più contro i radicali liberi

I componenti monoterpenici dell’aneto, limonene e carvone, sono in grado di attivare l’enzima "glutatione-s-transferase", che favorisce l’azione antiossidante della molecola glutatione. L’attività degli oli volatili dell’aneto è in grado di neutralizzare diversi tipi di fattori carcinogeni come i benzopireni, contenuti nel fumo di sigaretta. Prova questa fresca insalata antiossidante: taglia a fette sottili due patate cotte al vapore e un cetriolo salato e condisci con una manciata di aneto fresco tritato a mano per conservare i componenti antiossidanti, olio d’oliva, sale, pepe e una spruzzata di aceto di vino bianco. Lascia riposare in frigorifero per trenta minuti. Secondo uno studio dell’università di Nanjing, le patate, ricche di flavonoidi, carotenoidi e acido fenolico, sembrano inibire la proliferazione di cellule cancerose del fegato e del colon e contribuiscono insieme all’aneto a sbarazzarsi dei pericolosi radicali liberi.

Un valido aiuto anche per le neomamme

L’aneto è sconsigliato in gravidanza per via della sua potente azione emmenagoga, che riattiva anche i cicli mestruali più stagnanti, ma una tazza di infuso di semi di aneto schiacciati è perfetto per chi allatta, perché migliora la montata lattea e rende il latte materno particolarmente “soporifero”.

TAG
ANETO
APPROFONDISCI
Alimentazione Naturale
Alimentazione Naturale

La natura “sa” sempre cosa serve al nostro corpo per stare bene...

CONSIGLIATO PER TE
Le dieci erbe indispensabili
Le dieci erbe indispensabili

I rimedi verdi da tenere sempre in casa per curare ogni genere di disturbo

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?