Mangiare sano
I cibi da evitare in caso di infiammazione

Se soffri di infiammazione e altri disturbi correlati all'influenza, per non aggravare i sintomi, scegli con molta cura alimenti e bevande

Quando non stiamo bene, spesso l’ultima cosa che vorremmo è mangiare o occuparci della preparazione dei cibi; purtroppo, è proprio in quei momenti che dobbiamo fare più attenzione a cosa assumiamo. Alcuni cibi e bevande, infatti, non solo non aiutano il processo di guarigione dalla malattia ma lo ostacolano. Eccone alcuni.

Leggi anche: il menu giusto con l'influenza

Se stomaco e intestino soffrono, alt a questi cibi!

La caffeina è da evitare in casi di gastrite o reflusso gastro-esofageo poiché comporta un aumento della motilità gastro-intestinale, peggiorando sintomi come nausea, vomito e diarrea. Anche il succo d’arancia per quanto possa contribuire a mantenere una sufficiente idratazione, contiene acido citrico che può irritare il rivestimento della gola, già infiammato a causa dell’infezione. Tuttavia, la presenza di sostanze nutrienti, come vitamina C e bioflavonoidi, utili a combattere l’infiammazione dell’organismo, rendono possibile il suo utilizzo anche quando si è malati, pur con moderazione. Un eccesso di zuccheri raffinati contenuti nei dolci può poi interferire con la capacità dei globuli bianchi di attivare la risposta immunitaria indebolendo ulteriormente l’organismo; in generale tutti i carboidrati raffinati andrebbero evitati, soprattutto in caso di infezioni gastrointestinali. Da limitare anche il peperoncino e le salse piccanti, poiché contengono la capsaicina, che ha irrita la mucosa del naso inducendo un peggioramento dei sintomi. Divieto assoluto e categorico invece per tutte le bibite gasate: oltre ad essere fortemente disidratanti (molte contengono in quantità variabile caffeina), sono anche piene di zuccheri raffinati.

Questi cibi invece ti danno una mano

È molto utile in caso di malattia utilizzare l’acqua di riso, ottenuta cuocendo 30 grammi di riso in un litro d’acqua per venti minuti, filtrata e assunta un poco alla volta durante il giorno. Largo anche allo zenzero o al wasabi, ottimi in caso di sintomi da raffreddamento; questi cibi "esotici" hanno grandi proprietà digestive e importanti funzioni antiossidanti. Se si fa fatica a bere la giusta quantità di acqua, è meglio ricorrere a bevande leggere come il latte di cocco o delle tisane a base di finocchio o valeriana da assumere durante il giorno a più riprese.

APPROFONDISCI
10 regole per dimagrire e non ingrassare più

I trucchi e le strategie che funzionano davvero per perdere peso in modo sano e non riprenderlo più

CONSIGLIATO PER TE
Il tuo weekend bruciagrassi

Come perdere 3 kg in 3 giorni

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?